Logo SNAI

 

Sport

Non puoi giocare più di 10 esiti per avenimento

Scommesse Serie A

La Serie A rappresenta la massima divisione del campionato italiano di calcio. Nel corso degli anni, la formula del più prestigioso torneo calcistico del paese ha visto più volte cambiare il suo regolamento e il numero dei club partecipanti alla competizione. A gestire l'organizzazione del torneo sono la Lega Nazionale Professionisti Serie A e la FIGC (la Federazione Italiana Giuoco Calcio).

La prima storica edizione del campionato risale al 1898, mentre la formula a gironi è stata istituita solo nel 1929. Il campionato di calcio italiano occupa il terzo posto nel ranking UEFA, dietro la Premier League e la Primera División.

Il campionato di Serie A è una competizione calcistica molto seguita, sulla quale si concentra la maggior parte delle scommesse e dei pronostici sul calcio in Italia. Gli eventi su cui scommettere sono tanti, le formule di gioco sempre più varie, mentre le grandi protagoniste, ossia le quote, vengono confrontate con i dati statistici e poi costantemente aggiornate.

Non solo quote: il gestore mette a disposizione delle pagine di approfondimento sulle squadre, sul loro andamento durante la stagione in corso, sullo stato di salute dei giocatori e sulle statistiche che riguardano le formazioni. Una volta realizzato il pronostico, sarai tu a scegliere se puntare in singola scommessa, in sistemi di scommesse o in multiple. Registrati al sito del noto gestore, crea un account e scommetti in modo consapevole, all’interno di un ambiente virtuale di gioco sicuro e controllato.

Il campionato di Serie A è l’evento di calcio professionistico più seguito in Italia. Quando i bookmaker studiano le quote della Serie A, i numeri e gli accadimenti sono i principali fattori da tenere in considerazione. Oltre alle quote presenti nel palinsesto di SNAI.it, che si riferiscono a ciascuna giornata, ogni utente potrà accedere a un ampio ventaglio di scommesse sulla Serie A.

SNAI permette di scommettere su tanti aspetti del primo livello del calcio professionistico italiano: scommesse antepost relative ai singoli incontri e al rendimento dei calciatori, scommesse sulle retrocessioni dalla Serie A e le classiche formule di giocata riguardanti il numero dei gol realizzati. Non mancano le scommesse relative al numero dei corner battuti, ai gol, al risultato esatto della partita, ma anche chi sarà nominato capocannoniere e chi vincerà la classifica marcatori del torneo, compresi i bomber dei singoli incontri.

Il campionato di Serie A 2023/24 è l’edizione numero 122 del primo livello del calcio professionistico italiano. La stagione è iniziata il 20 agosto e si concluderà il 26 maggio 2024. A sostituire le retrocesse Spezia, Cremonese e Sampdoria sono approdate in Serie A Frosinone, Cagliari e Genoa. La scorsa stagione è stata vinta dal Napoli. I bookmaker hanno stilato le quote relative a questo campionato, indicando come squadre favorite il Napoli campione, l’Inter, la Juventus e il Milan. Roma e Lazio potrebbero stupire in virtù della campagna acquisti effettuata, mentre più distaccate nella lista delle quote sulla formazione vincente della Serie A 2023/24 sono le neopromosse Frosinone, Cagliari e Genoa. Per qualsiasi informazione più dettagliata sulle quotazioni sulle singole squadre, SNAI mette a disposizione quote sempre aggiornate giornata per giornata.

La giornata numero 36 di Serie A si gioca fra il 10 e il 13 maggio ed è la terzultima dell'edizione 2023/24 del torneo. Si parte con l'anticipo del venerdì tra Frosinone e Inter, in cui i nerazzurri già campioni d'Italia ottengono una roboante vittoria per 5-0. Dopo il passo falso con il Sassuolo, l'Inter torna subito a far capire chi comanda, mostrando tutto il potenziale offensivo grazie al quale ha dominato la stagione. Apre le danze Frattesi al 19', tutti gli altri gol arrivano nella ripresa a opera dei marcatori Arnautovic, Buchanan, Lautaro Martinez e Thuram. Un duro colpo per il Frosinone, che vede complicarsi la corsa alla salvezza: ora sono solo 2 i punti di vantaggio sulla zona retrocessione. Il Bologna espugna lo stadio Maradona, infliggendo l'ennesima umiliazione al Napoli. Entrambi i gol che decidono la partita arrivano nel primo quarto d'ora: segna per primo Ndoye, al suo primo centro in campionato, poi raddoppia Posch. Il Napoli cerca una debole reazione, ma Ravaglia respinge un rigore di Politano e interviene miracolosamente anche su Osimhen. Con questo successo il Bologna arriva a un passo dalla Champions: se la Roma non vince a Bergamo, la qualificazione sarà matematica, e così sarà. Il Milan torna a vincere dopo 4 partite con un netto 5-1 contro il Cagliari, grazie al quale blinda il secondo posto. I rossoneri sbloccano il punteggio al 36': Scuffet in uscita mura Chukwueze, la palla arriva però a Bennacer che non fallisce a porta vuota. A inizio ripresa Pioli mette dentro Leao per l'infortunato Chukwueze e il Milan dilaga sulla scia delle iniziative del portoghese, che prima colpisce una traversa e poi offre a Pulisic un assist perfetto per il 2-0. Al 63' Nandez approfitta della disattenzione di Musah per accorciare le distanze, ma al 74' arriva il diagonale vincente di Reijnders. Shomurodov colpisce una traversa e nel finale il Milan rompe gli argini con il gol di Leao a porta vuota e con la doppietta di Pulisic, il cui tiro viene preso da Mina, ma il pallone aveva già oltrepassato la linea di porta. La Lazio centra l'obiettivo Europa, nel lunch-match della domenica trafigge 2-0 l'Empoli e conquista la Conference League. La Champions è ancora raggiungibile, ma con difficoltà, mentre i toscani rimangono a rischio retrocessione. L'Empoli parte bene ma nell'ultimo minuto di recupero del primo tempo, sul corner di Zaccagni, Patric in acrobazia sorprende Caprile. Nella ripresa i biancocelesti si difendono con ordine, soltanto nel finale i toscani ci provano con Shpendi e Cacace, ma all'89' il destro di Vecino su assist di Pedro (alla 100esima presenza in Serie A con la maglia biancoceleste) elimina ogni speranza di rimonta. Il Genoa supera il Sassuolo per 2-1 in rimonta, incasellando la seconda vittoria nelle ultime tre partite. Il club neroverde passa avanti alla mezz'ora su rigore trasformato da Pinamonti, ma in avvio di ripresa gli uomini di Gilardino pareggiano sugli sviluppi di un corner, Thorsby prolunga di testa e Badelj deve solo appoggiare in rete da due passi. Sette minuti dopo, sul contropiede avviato da Gudmundsson, Ekuban crossa e trova la deviazione sfortunata di Kumbulla, che batte il suo portiere. Finisce così, situazione critica per il Sassuolo che rimane penultimo a tre punti di distanza dalla salvezza.

Il Torino torna al successo sul campo del Bentegodi, a Verona il match si chiude 1-2. Succede tutto nel secondo tempo. Al minuto 67 i padroni di casa passano avanti: Tameze perde palla, Serdar penetra in area e offre a Swiderski un pallone facile da depositare in rete. Al 77' si torna in parità: cross di Lazaro, Pellegri non riesce a impattare, colpisce Savva che manda la sfera in rete. All'83' la rimonta viene completata: Pellegri viene lanciato in profondità da Lazaro e sconfigge Montipò con un tiro sotto le gambe. Giornata amara per la Juventus, che ancora non si qualifica per la Champions League, ottenendo solo un pareggio contro la Salernitana già retrocessa. Nel primo tempo Pierozzi apre le marcature, Rabiot pareggia i conti in pieno recupero. Nel mezzo, i bianconeri colpiscono tre legni, eppure per molti versi sono i granata a rendersi pericolosi, al punto che all'ultima azione del match sfiorano il gol vittoria in contropiede con Toma Basic, che però spara alto da due passi. L'Atalanta vince lo scontro diretto contro la Roma per 2-1 ed è ormai a un passo dalla certezza di giocare la prossima Champions League. Gli uomini di Gasperini giocano una gara pressochè perfetta. Nel primo tempo De Ketelaere si scatena, segna una doppietta in due minuti e colpisce anche un palo. Nel secondo tempo la Roma riapre la partita grazie al rigore trasformato da Pellegrini, ma poi non riesce a ribaltare il risultato. L'Atalanta sale così a +3 sui giallorossi, rafforzando il quinto posto. Si arriva dunque ai posticipi del lunedì. Il primo è fra Lecce e Udinese, che coinvolge due squadre in una situazione diversa: i salentini hanno già raggiunto la salvezza, mentre l'Udinese è chiamato a vincere per abbandonare la zona retrocessione. E così avviene: passano i friulani con il punteggio di 2-0. Il primo gol, nel primo tempo, è il colpo di testa di Lucca sul cross dalla destra di Payero, poi l'Udinese si limita ad amministrare il vantaggio ma arrotonda comunque alla prima chance del secondo tempo con il tap-in di Samardzic su una respinta di Falcone. Infine, nell'ultima gara in programma, la Fiorentina guadagna un successo prezioso in rimonta sul Monza, salendo così a 53 punti pochi giorni prima dello scontro diretto contro il Napoli. Il vantaggio brianzolo si registra dopo 9 minuti di gioco, Djuric impatta di testa sul cross dal fondo di Mota e batte Terracciano. Al 32' Nico Gonzalez pareggia di testa sul cross di Barak, al 78' i toscani effettuano il sorpasso con il diagonale da fuori area di Arthur. La Fiorentina rientra così in zona Conference League, con l'eventualità di potersi qualificare comunque per l'Europa League con la vittoria della finale di Atene.

Ci si avvia verso il termine del campionato e si cominciano a tirare le somme riguardo gli esiti finali della stagione. Alcune squadre sono chiamate a giocarsi il tutto per tutto in questa fase finale per raggiungere i propri obiettivi stagionali. Il primo anticipo in programma è il match fra Torino e Bologna, che si gioca allo Stadio Olimpico Grande Torino e si conclude con il punteggio di 0-0. Il Toro gioca bene e forse avrebbe meritato qualcosa di più, soprattutto perchè Sanabria colpisce una traversa nel primo tempo e Ilic ha una ghiottissima occasione nella ripresa non sfruttata a dovere. Il punto fa più comodo al Bologna, in piena zona Champions. Si prosegue nella giornata di sabato con Monza - Lazio, partita che termina 2-2: per due volte in vantaggio, gli uomini di Tudor si fanno riacciuffare dalla doppietta di Djuric. Colpevole soprattutto Casale, che in entrambi i gol dei brianzoli è disattento in marcatura. Per i biancocelesti è invece determinante il solito Immobile, che all'11' mette a segno un tap-in da due passi dopo una respinta di Di Gregorio. L'altro gol degli ospiti è a opera di Matias Vecino, che segna di prima su un passaggio di Donati. Al Mapei Stadium il Sassuolo ospita l'Inter già campione d'Italia e guadagna tre punti preziosi per la lotta salvezza. Decisivo il gol di Laurientè al minuto 20, che si fa trovare al centro sul suggerimento di Doig e infila Audero con il destro. Per il resto l'Inter domina il possesso palla (75%) ma manca di concretezza in fase finalizzativa. Scontro salvezza fra Cagliari e Lecce, finisce 1-1: un risultato che assegna un punto prezioso a entrambe le compagini, il Cagliari sale a +4 dalla zona retrocessione e il Lecce a +8. Al minuto 26 Mina si inserisce su una conclusione dal limite di Gaetano e deposita in rete. Nel finale di tempo proprio Gaetano riceve il cartellino rosso e lascia i suoi in inferiorità numerica. Nella seconda frazione il Cagliari si chiude a difesa del vantaggio, ma nel finale gli ospiti trovano il gol del pari con Krstovic, bravo a deviare in rete il cross teso di Almqvist. Negli ultimi minuti c'è spazio anche per due pali colpiti da Baschirotto e Sansone. Il Bentegodi accoglie la gara fra Verona e Fiorentina. Lazovic apre le marcature grazie a un rigore assegnato dall'arbitro per un fallo di Christensen su Noslin, ma nel finale di frazione Castrovilli ripristina la parità con un sinistro violento. Nel secondo tempo i gialloblù mettono a segno il gol vittoria, un bolide di Noslin dopo una respinta corta di Milenkovic. Inutile il forcing finale degli uomini di Italiano, passano gli scaligeri.

Empoli e Frosinone si affrontano al Castellani e offrono una gara senza particolari emozioni e soprattutto senza gol. I toscani troverebbero il vantaggio al 21' con il tap-in di Gyasi su una respinta di Cerofolini su Grassi, l'arbitro però annulla per posizione di offside dell'ex Spezia. La reazione dei ciociari arriva con la conclusione velenosa di Cheddira, allontanata in corner da Caprile. Il numero 70 guadagna anche l'unica palla gol del secondo tempo, quando cerca la girata in porta di tacco sull'assist di Brescianini, ma c'è Bereszynski pronto a intervenire in scivolata per evitare il gol. Partita interessante fra Milan e Genoa, dove succede di tutto nel secondo tempo. Si parte con la prima rete dopo cinque minuti di gioco, Retegui segna un calcio di rigore assegnato dall'arbitro per un fallo su Vogliacco. Il Milan impiega un po' a reagire, ma al 45' pareggia: Chukwueze supera Spence e serve con un cross Florenzi, che si inserisce in anticipo su Vogliacco e sigla l'1-1. La ripresa si apre con il secondo gol dei rossoblù: cross col contagiri di Vogliacco per Ekuban che da distanza ravvicinata schiaccia in rete di testa. Al 72' il Milan pareggia di nuovo con lo stacco di Gabbia sul cross di Florenzi da corner, poi effettua il sorpasso con il mancino al volo di Giroud sul passaggio di Pulisic. Ma non è finita, perchè all'87' si torna in parità a causa dell'autogol di Thiaw, che sancisce il definitivo 3-3. All'Olimpico di Roma va in scena una gara spettacolare, ricca di colpi di scena, che si chiude sull'1-1, un esito che soddisfa più i bianconeri, che si avvicinano alla qualificazione per la prossima Champions League. Dopo una traversa di Kristensen, la Roma passa avanti allo scoccare del quarto d'ora: scatto di Baldanzi, palla per Dybala che a sua volta scarica per Cristante, il cui tiro di prima si schianta su Gatti che serve involontariamente Lukaku, bravo a insaccare sotto porta. Al 31' la Juve pareggia: cross di Chiesa dalla destra, Bremer stacca di testa e fulmina Svilar. Nella ripresa Chiesa colpisce un palo, Kristensen è pericoloso su una mischia in area, Kean cerca il colpo di testa sotto misura, ma nessuna delle due squadre riesce più a segnare.

Si arriva così ai posticipi del lunedì. In quello dell'Arechi, l'Atalanta batte la Salernitana in rimonta per 2-1. Nel primo tempo la Dea colleziona occasioni da gol, ma è la Salernitana a passare avanti al suo unico tentativo, segna Tchaouna. Nel secondo tempo, tuttavia, Scamacca pareggia i conti dopo aver raccolto la sponda di Pasalic sul cross di Koopmeiners, poi proprio Koopmeiners sigla il 2-1 con un gran gesto tecnico, una conclusione da oltre 20 metri di distanza. Il Napoli rimedia invece un pareggio amaro al Bluenergy Stadium di Udine. Il primo tempo è molto spento, nessun tiro in porta da parte delle due compagini. Nella ripresa, però, la partita assume un altro volto. Apre le marcature Osimhen, che al 51' segna in torsione sul traversone di Politano, ma poi entrano in campo Davis e Success che creano grattacapi alla retroguardia di Calzona, fino al 92', quando arriva il pari grazie al gol di Success su assist di Kristensen.

L’anticipo della 34esima giornata di Serie A tra Frosinone e Salernitana finisce 3-0 e sancisce la matematica retrocessione dei campani in Serie B. Il Frosinone parte forte e, dopo dieci minuti, ottiene un calcio di rigore: nel tentativo di intercettare un cross di Zortea, Valeri viene messo ko da Sambia. Calcio di rigore che Soulé trasforma sbloccando il match. I raddoppio dei ciociari arriva dopo un quarto d’ora, quando Valeri fugge e serve Brescianini che, tutto solo, controlla e calcia in porta il 2-0. Nella ripresa la Salernitana avrebbe la chance per accorciare le distanze con Gomis che, però, non inquadra la porta da ottima posizione (75’). Il Frosinone riparte, Zortea si inserisce sulla trequarti, calcia e trova l’angolino vincente che vale il tris. Il Frosinone vince e ottiene tre punti pesanti in vista dello scontro diretto contro l’Empoli della prossima giornata. Lecce-Monza finisce 1-1 con un finale incandescente. Partono meglio i salentini al Via del Mare, con Blin che dal limite calcia sopra la traversa, mentre il mancino di Kyriakopoulos per i brianzoli termina sull'esterno della rete. Nella ripresa, dopo diverse occasioni non concretizzate, il match sembra andare verso l’inevitabile 0-0, poi, nel recupero, Krstovic fulmina Di Gregorio con un destro dal limite su assist di Pierotti, poi Pessina trasforma un calcio di rigore al 96’ ottenuto per fallo di mano di Venuti. Termina pari e patta, il Lecce si porta a quota 36, mentre il Monza a quota 44 mancando l’aggancio al Torino. Juventus e Milan non sono andati oltre lo 0-0. Decisivo Sportiello con almeno 4 interventi miracolosi che hanno contribuito a blindare il secondo posto. Vlahovic ci ha provato nel primo tempo su punizione, Milik e Rabiot nella ripresa, ma il risultato non si è sbloccato e il muro rossonero ha retto fino alla fine. L’occasione chiave è arrivata nel finale, quando un’imprecisione di Sportiello ha lasciato a Rabiot una palla che Thiaw ha respinto sulla linea. Il pareggio dello Stadium sorride ai rossoneri di Pioli, che rimangono a +5 sui bianconeri. Nella sfida valida per la 34esima giornata di Serie A, la Lazio batte 1-0 il Verona all'Olimpico. Il match si rivela molto equilibrato fino al 72’, quando Zaccagni, entrato da poco, sfrutta l’assist al bacio di Luis Alberto e sblocca la partita. Nonostante una gara giocata bene e molto combattuta, l’Hellas si arrende ai biancocelesti e rimane al 15esimo posto in classifica. A San Siro, nel match contro il Torino, l’Inter gioca davanti ai suoi tifosi dopo la certezza dello scudetto numero 20 e vince 2-0, ottenendo altri tre punti. Dopo una prima frazione senza reti, al secondo minuto della ripresa l'espulsione di Tameze per fallo su Mkhitaryan cambia volto alla gara e arriva l’uno-due di Calhanoglu: il turco sblocca di sinistro, poi raddoppia tre minuti più tardi su rigore accordato per fallo in area di Lovato su Thuram. Finisce 2-0 e la festa scudetto comincia.

Bologna-Udinese termina 1-1. La gara si sblocca nel recupero della prima frazione, quando, su un errore in uscita di Freuler, la palla arriva a Lucca il cui tiro diventa un assist per Payero che si inserisce e sblocca. Udinese in vantaggio all’intervallo. Nella ripresa il Bologna rimane in dieci per somma di ammonizioni di Beukema (64’). Tuttavia, al 78’, i rossoblu pareggiano con una punizione di Saelemaekers dalla trequarti sulla quale Okoye non può nulla. Nel finale occasioni per Saelemaekers e Davis, ma il risultato non cambia più. Napoli-Roma è finita con il punteggio di 2-2. L’incontro si accende subito, Osimhen ci prova in un paio di occasioni, poi Anguissa si divora un’occasione preziosa calciando in curva a due passi da Svilar. Al 58’, Juan Jesus cerca di anticipare Azmoun in area e gli colpisce il piede: calcio di rigore che Dybala trasforma. Il Napoli continua a crederci, attacca a testa bassa e trova il pareggio al 64’ con Olivera che, dal limite dell’area, calcia e trova la deviazione di Kristensen che si trasforma un pallonetto impossibile da prendere per Svilar. Un minuto dopo, Osimhen sfiora il vantaggio, ma Svilar gli nega la gioia del gol. Tuttavia, il Napoli fa la partita: all’80’, Kvaratskhelia viene agganciato in area e ottiene il calcio di rigore che Osimen trasforma ribaltando il match. Ultimi dieci minuti incandescenti, con la Roma che ringrazia Abraham che, all’88’, di testa e sul filo del fuorigioco, batte Meret e pareggia i conti sul 2-2 finale. L’Atalanta batte l’Empoli 2-0. Prima frazione della Dea sottotono. Tuttavia, nel finale, un fallo di Pezzella su Touré si trasforma in un calcio di rigore che Pasalic trasforma dal dischetto. A trovare il raddoppio per i bergamaschi a inizio ripresa è Lookman, che fugge, supera Bereszynski e segna con un bolide. Gli uomini di Gasperini amministrano il doppio vantaggio senza problemi e non lasciano spazio ai toscani. Dominio assoluto della Fiorentina sul Sassuolo di Ballardini: al Franchi, i viola vincono per 5-1. Dopo la sconfitta contro l’Atalanta per la finale di Coppa Italia, la Fiorentina cerca di riscattarsi. I viola si fanno subito aggressivi, con Sottil che la sblocca al 17’ con un destro dal limite. Al 28’, Parisi sfiora il raddoppio ma calcia sulla traversa. Anche Barak ci prova verso la fine del primo tempo, ma Consigli neutralizza. Nella ripresa arriva il 2-0 viola: al 54’, segna Martínez, ma tre minuti dopo il mancino diagonale di Thorstvedt fissa il punteggio sul 2-1. Un minuto dopo, tuttavia, González cala il tris per la Fiorentina. Ma non è finita, poiché, al 62’, arriva il poker di Barak per il 4-1. I viola sono incontenibili, si scatenano e segnano anche la cinquina al 66’ con González. Sassuolo ancora in zona retrocessione. La giornata si chiude con la vittoria del Genoa sul Cagliari per 3-0: sblocca Thorsby di testa, Frendrup raddoppia e infine Gudmundsson chiude i conti nel secondo tempo. Continua, quindi, la lotta salvezza per il Cagliari, bloccato a 32 punti.

La 33esima giornata di Serie A si è aperta con due match di anticipo, il primo tra Genoa e Lazio. I biancocelesti hanno sbancato lo stadio Marassi 1-0. La prima frazione si esaurisce con diverse occasioni per entrambe le squadre, ma senza gol. Il grifone sfiora il vantaggio con Ekuban e Retegui. In avvio di ripresa, Luis Alberto crea pericoli, ma la sua conclusione viene deviata in corner da Martinez, poi Martin salva in scivolata su Felipe Anderson. Al 67’, la Lazio si porta in vantaggio grazie a un gol di Luis Alberto, a segno su assist di Kamada. Il risultato non cambia più e gli uomini di Tudor portano a casa i tre punti. Cagliari e Juventus non sono andati oltre il 2-2, con i sardi avanti di due gol (entrambi dal dischetto) prima della rimonta della Juve. Una prima frazione brillante quella giocata dal Cagliari, che crea pericoli e mette in difficoltà la Juventus sin dalle prime battute. Verso la mezzora, un fallo di mano di Bremer si traduce in un calcio di rigore per i sardi, che Gaetano trasforma nell’1-0 beffando dal dischetto Szczesny (30’). Sei minuti dopo, Luvumbo riparte, ma viene messo ko dal portiere polacco della Juventus. Altro calcio di rigore per i sardi: questa volta dal dischetto calcia Mina che raddoppia. Nel finale di tempo, Vlahovic si vede annullare un gol per fuorigioco di Chiesa a inizio azione. Nella ripresa, al 62esimo la Juve accorcia con una punizione di Vlahovic. Il pari dei bianconeri arriva all’87esimo: cross lungo di Yildiz e intervento di Dossena che devia nella propria porta. La giornata numero 33 di Serie A è proseguita con Empoli-Napoli, terminata con la vittoria 1-0 dei padroni di casa. Al Castellani, a sbloccare la partita ci pensa la formazione toscana, a segno dopo appena 4 minuti con Cerri su assist di Gyasi. Il Napoli non riesce a rendersi pericoloso, mentre l’Empoli si divora una buona chance per il raddoppio, con Cambiaghi che viene fermato dal palo. Nella ripresa si registrano i tentativi di Politano, Juan Jesus e Kvaratskhelia, ma senza risultati. La squadra di Nicola si dimostra più che solida e porta a casa i tre punti. Verona-Udinese è terminata 1-0. Durante la prima frazione al Bentegodi piovono cartellini gialli e zero gol. Ci provano Payero e Coppola, ma le occasioni scarseggiano. La formazione di casa sfiora il gol con Noslin, palo, poi i friulani rispondono con Lucca. Nella ripresa, l’Udinese spreca con Lucca e Ehizibue, poi va vicino al gol con Bijol. Al minuto 64, Pereyra si vede annullare un gol per fuorigioco in partenza, poi, nel finale, l’Hellas sfiora il vantaggio con un colpo di testa di Folorunsho che si stampa sulla traversa. I padroni trovano il gol del vantaggio al 93’, quando il cross di Duda trova la testa di Coppola che beffa il portiere. La gara salvezza Sassuolo-Lecce disputata al Mapei è terminata 0-3 per i salentini. Una disfatta totale per il Sassuolo, che nel primo quarto d’ora va sotto di due gol: gli ospiti sbloccano dopo 11 minuti con Gendrey, abile a staccare di testa su punizione di Oudin, poi raddoppiano quattro minuti dopo con Dorgu, pescato in area da Gallo. La reazione dei padroni di casa si riassume nel colpo di testa di Pinamonti, terminato a lato. Nella ripresa, dopo alcuni vani tentativi, Piccoli chiude i giochi con un tris in contropiede (61’).

Nel pomeriggio di Serie A, Torino-Frosinone si è conclusa 0-0. Dopo una prima frazione equilibrata, con poche occasioni da gol, ci prova Zapata, ma senza risultati. Nella ripresa, i ciociari fanno un tentativo con Cheddira, poi il Toro ci prova con Bellanova, Ilic e Linetty, ma lo 0-0 non cambia. Nella 33esima giornata di Serie A, la Fiorentina vince 2-0 contro la Salernitana. All’Arechi, l’occasione per i viola arriva nella ripresa, quando Kouamé di testa sul cross di Ranieri beffa il portiere avversario per l’1-0 al 79’. Il raddoppio lo segna Ikoné a porta vuota al termine di un’azione in contropiede (95’). La formazione di Italiano sale a quota 47 punti, mentre i granata si avvicinano sempre di più alla Serie B. Monza-Atalanta è finita 2-1 per la Dea, che in avvio si fa subito pericolosa con Kolasinac, Di Gregorio respinge e sulla ribattuta Lookman manda fuori. Ci prova anche Touré, poi arriva la risposta del Monza con Zerbin, ma Carnesecchi respinge e il tentativo di Colpani sulla ribattuta termina fuori. Un minuto prima dell’intervallo, l’Atalanta sblocca il match con un colpo di testa di De Ketelaere su corner di Lookman (44’). Nella ripresa, occasione per i padroni di casa: cross di Birindelli, Pessina calcia alto di un soffio dal dischetto. Al 72’, la Dea trova il raddoppio con Touré, poi i brianzoli sfiorano il gol con Djuric, bloccato da De Roon al momento del tiro. La formazione di Palladino insiste e accorcia le distanze all’89’ con Maldini, che poco dopo sfiora il pareggio centrando il palo. Il lunedì calcistico si apre con la sfida dell’Olimpico tra Roma e Bologna, terminata 3-1 per gli ospiti. La partita si sblocca al 14’ in favore del Bologna, che segna con El Azzouzi in rovesciata. Al 42’ Saelemaekers non va oltre la traversa, poi Zirkzee firma il raddoppio del Bologna al 45’ su assist di El Azzouzi. La prima frazione termina 2-0 per i ragazzi di Thiago Motta. In avvio di ripresa, Azmoun entra e accorcia le distanze: cross di Pellegrini e incornata dell’attaccante iraniano che viene respinta da Skorupski, il secondo tentativo trova un’altra parata del portiere polacco che, alla terza ribattuta di Azmoun da pochi passi non può nulla. Il tris del Bologna lo segna Saelemaekers con un tocco al minuto 65. Finisce 3-1 per il Bologna, che conquista la sfida Champions. Il 33esimo turno di Serie A si è chiuso a San Siro con la vittoria dello scudetto da parte dell’Inter nel derby con il Milan. L'Inter ha vinto il suo ventesimo scudetto. A San Siro, i nerazzurri di Simone Inzaghi hanno battuto 2-1 il Milan e hanno conquistato aritmeticamente il titolo con cinque giornate di anticipo. Nella prima frazione, Acerbi sblocca il risultato con una zuccata su calcio d'angolo (18’), poi Lautaro e Thuram sprecano due buone chance per fare il bis e Sommer fa il miracolo su Calabria. Nella ripresa, il Milan cresce, ci prova ma è Thuram a raddoppiare le marcature per l’Inter, poi la rete di Tomori a dieci minuti dalla fine non basta per riaprire la partita. Espulsi Theo Hernandez, Dumfries e Calabria durante il recupero finale.

La 32esima giornata di Serie A è iniziata con la vittoria della Lazio sulla Salernitana con il punteggio di 4-1. I biancocelesti conquistano l’anticipo del 32esimo turno. La formazione di Tudor parte forte e la sblocca dopo 7 minuti con Felipe Anderson, poi al 14’ arriva il raddoppio di Vecino, ma due minuti più tardi Tchaouna accorcia le distanze. Al 35’, la doppietta di Felipe Anderson vale il tris laziale. A pochi minuti dal fischio finale, chiude i conti Isaksen calando il poker. Il Lecce ha vinto 1-0 lo scontro salvezza con l’Empoli. Nella prima frazione, Cerri segna e porta avanti gli ospiti, ma il gol viene annullato al Var per un tocco di mani Caprile a inizio azione. Poche occasioni e ritmi bassi nel primo tempo. Nella ripresa, Caprile fa il miracolo su Baschirotto, poi, quando il match sembra dirigersi verso un pareggio senza reti, ci pensa Sansone a sbloccarla a porta vuota su assist di Pierotti (89’) segnando il gol partita. Il derby della Mole tra Torino e Juventus finisce 0-0. Al 7’, Chiesa si inventa un assist al bacio per Vlahovic, ma la sua conclusione non supera il palo. Ancora il serbo va al tiro dopo la mezzora da posizione ottima, ma Milinkovic-Savic salva con il ginocchio. In avvio di ripresa i granata passano in vantaggio con Zapata, ma il fallo di Bellanova su Kostic era stato già fischiato e il gol viene annullato. All’87’ viene espulso Juric per eccessive proteste, poi il tempo scade e il risultato non cambia. Finisce a reti inviolate anche Bologna-Monza. Prima frazione avara di occasioni, al 40’ ci prova Ferguson, che dagli sviluppi di un corner calcia al volo ma la sua conclusione termina a lato di un soffio. Nella ripresa, entrambe le squadre pressano, Colpani ci prova in semi-rovesciata, poi ancora Ferguson che viene murato in angolo da Di Gregorio. Termina 0-0 con un punto a testa. Il Napoli non va oltre il 2-2 in casa contro il Frosinone e allontana forse definitivamente le chance di qualificarsi alla prossima Champions. I padroni di casa si portano in vantaggio al 16’ con un bellissimo sinistro a giro di Politano, poi i ciociari sprecano una chance su calcio di rigore con Soulé che si fa parare il tiro da Meret (30’). Turati salva la porta più volte, poi Cheddira approfitta di un pasticcio in disimpegno di Meret e pareggia i conti al 50’. Al 63’, una zampata di Osimhen riporta avanti gli azzurri, ma un’incornata di Cheddira al 73’ riporta l’equilibrio nel punteggio. Finisce 2-2 al Maradona.

Sassuolo-Milan termina 3-3 nel pomeriggio della 32esima giornata di Serie A. Gli ospiti vanno sotto di due dopo dieci minuti di gioco, per i gol di Pinamonti (4’) e Laurientiè (10’). Al 20’, Leao accorcia le distanze firmando il 2-1 con cui si va all’intervallo. Nella ripresa, Laurientié fa la sua doppietta e riporta i neroverdi avanti di due lunghezze, ma il Milan reagisce con le firme di Jovic (59’) e Okafor (84’). Nonostante la pressione finale, i rossoneri non riescono a ribaltarla. Pareggio importante per la formazione emiliana in ottica salvezza, mentre il Milan si allontana ulteriormente dalla vetta. Udinese-Roma valida per la 32esima giornata di Serie A è stata sospesa a causa di un malore accusato dal difensore giallorosso Evan N’Dicka, che si è accasciato a terra toccandosi il petto. Dopo l’intervento dello staff medico, la gara è stata sospesa in accordo con l’Udinese e dovrà essere recuperata. Ennesimo pareggio di questa 32esima giornata di campionato: l’Inter non va oltre il 2-2 contro il Cagliari e va al derby con 14 punti di vantaggio sul Milan. Al 12’, Thuram apre le danze su invito di Sanchez, poi un gioiello di testa di Barella viene annullato per fuorigioco. Nella ripresa il Cagliari si accende, trova il gol del pari con Shomurodov, poi un calcio di rigore di Calhanoglu riporta subito avanti i nerazzurri (penalty assegnato per fallo di Braccio di Mina). A sette minuti dal fischio finale, la difesa nerazzurra si addormenta e in area Viola segna il pari definitivo su assist di Lapadula (83’). Finisce 2-2, i sardi riprendono due volte l’Inter che, per festeggiare lo scudetto aritmeticamente alla prossima, dovrà necessariamente vincere il derby contro il Milan. Finisce pari sull’1-1 il posticipo del turno Fiorentina-Genoa: al Franchi, Belotti si vede annullare un gol al Var per fuorigioco, poi gli ospiti trovano il vantaggio su rigore al 42’ con Gudmundsson (rigore accordato per un fallo di Parisi su Ekuban). Il pareggio arriva al 9’ del secondo tempo, quando Ikonè di testa sfrutta l’assist di Bonaventura e fa l’1-1. Continua il momento senza vittorie della Fiorentina, che non vince in campionato da quasi due mesi. La giornata numero 32 di Serie A non poteva non chiudersi con un altro pareggio, il settimo di questo turno. Atalanta-Verona termina 2-2: al Gewiss Stadium, uno scatenato Scamacca porta avanti la Dea dopo 13 minuti, poi serve a Ederson l’assist del raddoppio cinque minuti più tardi. Tuttavia, l’Hellas rimonta tra il 56' e il 60', accorcia prima con Lazovic, poi pareggia con Noslin e si tira fuori dalla zona retrocessione.

La 31esima giornata di Serie A si è aperta con l’anticipo tra Salernitana e Sassuolo terminato 2-2. Gli emiliani sprecano un’ottima occasione per portarsi fuori dalla zona retrocessione facendosi rimontare dai campani quando erano sul doppio vantaggio. Laurienté sblocca la partita al minuto 37 finalizzando in porta un contropiede su assist di Bajrami, il quale sfrutta un errore tra Costil e Pirola per il raddoppio al 44’. Al 52’, Candreva accorcia le distanze trasformando un calcio di rigore concesso per fallo di Doig. La Salernitana ci crede e trova il gol del pareggio al 92’: Zanoli approfitta di un pasticcio di Laurienté e appoggia per Maggiore che fissa il punteggio sul 2-2 finale. Pinamonti ci prova prima della fine, ma trova l’opposizione di Costil. Gli emiliani rimangono in zona retrocessione con 25 punti, i campani salgono a quota 15. Il Milan batte il Lecce 3-0 e raccoglie il quinto successo di fila in campionato, affermandosi al secondo posto in classifica. I rossoneri di Pioli sbloccano la gara dopo sei minuti grazie al bolide sinistro di Pulisic. Il raddoppio arriva al 20’ con Giroud, a segno sugli sviluppi di calcio d’angolo. Il Lecce prova a reagire con Gonzalez, ma l'espulsione di Krstovic per gioco violento prima dell'intervallo chiudo i giochi in anticipo. Nella seconda frazione, Leao ha realizzato il tris al 57’ prima della traversa di Theo Hernandez. Il Derby di Roma se lo aggiudicano i giallorossi di De Rossi, che nella 31esima giornata di Serie A battono la Lazio grazie a una rete di Mancini: al 42’, poco prima dell’intervallo, su un corner di Dybala, Mancini di testa porta avanti la Roma. Nella ripresa, i giallorossi sfiorano il raddoppio, ma El Shaarawy colpisce il palo su assist di Lukaku, poi Kamada segna, ma è in fuorigioco e il gol viene annullato. La Roma si afferma il quinto posto in classifica. Dopo quattro ko di fila, l’Empoli ritrova la vittoria rifilando al Torino un perentorio 3-2 al Castellani. La gara è molto intensa e ricca di emozioni, con Zapata che di testa ripristina la parità per ben due volte, recuperando lo svantaggio delle reti di Cambiaghi (6’) e Cancellieri (74’). Tuttavia, la seconda rete al 91’ del colombiano serve a poco: al 94’, infatti, l’ex Niang cala il tris e regala il balzo salvezza a Nicola. Frosinone-Bologna allo Stirpe finisce 0-0. Non accade nulla di considerevole durante la gara, ad eccezione di una chance in avvio per Cheddira, ma salva Skorupski che poi nega il gol anche a Okoli. Nella ripresa sfiora il vantaggio Aebischer, poi Ndoye colpisce la traversa e calcia altissimo da ottima distanza nel finale. Termina senza reti.

Torna alla vittoria il Napoli, che dopo lo scivolone del Maradona contro l’Atalanta si riscatta 4-2 all’U-Power di Monza. Giocando un secondo tempo perfetto, gli azzurri vincono, si riscattano in zona Europa e sorpassano la Lazio in classifica. Dopo 9 minuti i brianzoli si portano in vantaggio: incornata vincente di Djuric che mantiene il Monza in vantaggio per tutto il primo tempo. Nella ripresa, i partenopei dilagano: pareggio di Osimhen (55'), poi Politano la ribalta al 57’ e Zielinski cala il tris quattro minuti dopo. Colpani accorcia le distanze al 62’ e Raspadori chiude definitivamente i giochi al minuto 68. Il Monza di Palladino raccoglie la seconda sconfitta consecutiva e si ferma a quota 42 punti. Preziosa vittoria per il Cagliari di Ranieti, che batte in rimonta l’Atalanta 2-1 e ottiene punti pesanti in ottica salvezza. Parte forte l’Atalanta, con Scamacca che trova il gol del vantaggio al 13’. Il Cagliari reagisce e, prima dell’intervallo, trova il pari grazie al gol di Augello. Nella ripresa, le due squadre combattono, ma ad avere la meglio sono i padroni di casa che nel finale trovano il gol decisivo: Luvumbo mette in mezzo, colpo di testa di Viola e vittoria dei sardi. La giornata prosegue con Verona-Genoa, terminata 1-2 per il Grifone. L’Hellas disputa una buona prima frazione di gara e passa in vantaggio dopo 8 minuti con Bonazzoli. Poco prima dell’intervallo, la zampata di Ekuban vale il pareggio del Genoa. Nella ripresa, Gudmundsson segna il gol partita per il Genoa di Baroni che ritrova la vittoria dopo un digiuno di quattro gare. La Juventus ritrova la vittoria che mancava dal 25 febbraio. I bianconeri battono 1-0 la Fiorentina grazie a un gol di Gatti al 21’ e tre reti annullate nella prima frazione. I viola pressano e mettono sotto assedio l’area bianconera nella ripresa, ma senza trovare il gol. Allegri sale a +4 sul Bologna quarto, mentre la Fiorentina ottiene la seconda sconfitta consecutiva. Udinese-Inter che chiude la 31esima giornata di Serie A termina 1-2. Gli uomini di Cioffi disputano una bellissima partita, tuttavia non riescono a imporsi. Eppure, l’Udinese si porta avanti e sblocca al 40’ con un tiro cross di Samardzic. Nella ripresa, l’Inter risponde con il gol di Carlos Augusto che, però viene annullato. Al 54’, per fallo di Okoye su Thuram, calcio di rigore per l’Inter che Calhanoglu trasforma nell’1-1. I nerazzurri attaccano fino alla fine e conquistano il vantaggio al 95’ con un gol di Frattesi che regala i tre punti a Inzaghi.

Il lungo fine settimana di Serie A è cominciato con la vittoria in trasferta dell'Atalanta contro il Napoli. Al Maradona, la Dea porta a casa tre punti importanti per l’Europa, staccando in classifica proprio il Napoli. La sblocca al 26’ Miranchuk dopo aver preso un palo, poi Scamacca raddoppia al 45’ mandando i bergamaschi al riposo sul 2-0. Al minuto 88 il tris lo fa Koopmeiners, abile a trovare l’angolino con il sinistro. Occasione per il Napoli nella ripresa con Zielinski e Osimhen che, nell’arco della stessa azione, colpiscono un palo a testa. A Marassi, il match tra Genoa e Frosinone termina 1-1. Al 28’, per un contatto Gudmundsson-Okoli in area, il Genoa ottiene un calcio di rigore che lo stesso Gudmundsson trasforma al 30’. Sei minuti più tardi, tuttavia, gli ospiti accorciano le distanze con il gol di Reinier. Finisce con un punto a testa, il Genoa sale a quota 35 punti, il Frosinone a 25. Il Torino supera il Monza nel match valevole per la 30esima giornata di Serie A. A decidere lo scatto europeo dei granata è il calcio di rigore trasformato da Sanabria al 69’ e assegnato per un fallo di Pessina, poi ammonito. Poco dopo, lo stesso Pessina commette un altro fallo a centrocampo e viene espulso. Vince 1-0 il Torino. Debutto fortunato per Tudor, che alla sua prima alla guida della Lazio vince 1-0 contro la Juventus. In avvio occasioni per Bremer e Castellanos, che spreca due buone chance da posizione ottima. Szczesny rischia, ma è attento su Felipe Anderson, poi Chiesa crea pericoli dalle parti di Mandas, attento anche sul tentativo di Cambiaso. In pieno recupero, la decide di testa Marusic su assist di Guendouzi (93’). Fiorentina-Milan termina 1-2 per i rossoneri. Ottima prestazione del Milan, che espugna il Franchi e allunga a +6 sulla Juventus. Nonostante i tentativi di Leao, Giroud e Chukwueze nel primo tempo, a sbloccarla è Loftus Cheek a inizio secondo tempo, ma, tre minuti dopo, i viola trovano il gol del pari grazie a una bella iniziativa di Beltran, che di tacco serve Duncan il quale si inserisce e batte sul palo lungo Maignan per l’1-1. Passano ancora tre minuti e il Milan torna in vantaggio con il gol di Leao, poi Maignan salva il risultato nel finale e la vittoria del Milan.

Il Bologna di Thiago Motta prosegue la sua corsa verso la Champions battendo 3-0 la Salernitana nella sfida valida per la 30esima giornata di Serie A. Il Bologna parte forte e al 14’ si porta in vantaggio grazie al gol di Orsolini, mentre Ravaglia evita il pareggio di Simy dall’altro lato. Al 44’, Saelemaekers trova il gol del raddoppio: il belga va a segno con un destro da fuori area che non lascia scampo al portiere. Nella ripresa è ancora il portiere rossoblù a negare la gioia del gol a Candreva. In pieno recupero, Lykogiannis cala il tris e archivia la pratica. Il match della 30esima di campionato tra Cagliari e Verona è terminato pari sull’1-1. All’Unipol Domus, le formazioni si dividono la posta in palio con un gol a testa. A rompere gli indugi ci pensano gli uomini di Baroni, che al 30’ passano in vantaggio con una rete al volo di Bonazzoli. Nella ripresa, Lazovic si vede annullare un gol per fuorigioco (49’), poi l’ex Sulemana trova il pari per i rossoblù al 74’. Le due compagini rimangono così appaiate in classifica, a +2 dalla terzultima posizione. Altro pari sull’1-1 per Sassuolo e Udinese, che al Mapei Stadium trovano un gol a testa, entrambi nella prima frazione di gioco. La gara si sblocca al 41’, quando Defrel batte Okoye con un tocco sotto, su assist di Enrique. Tuttavia, tre minuti più tardi, Thauvin chiude un triangolo vincente con Pereyra e beffa Consigli per l’1-1. Un pareggio che lascia i neroverdi al penultimo posto e i bianconeri con un vantaggio di +3 sulla zona retrocessione. A Lecce, la Roma di De Rossi soffre e non va oltre lo 0-0. I giallorossi riescono comunque a ottenere un punto, mentre il Lecce spreca una grande chance al 69’: Krstovic serve Dorgu, ma il danese calcia fuori da solo in area. El Shaarawy risponde per gli ospiti al 71’ con un colpo di tacco che supera Aouar, ma il centrocampista algerino calcia addosso al portiere. Nel finale Oudin centra la traversa. Nel match che chiude la 30esima giornata di Serie A, l’Inter torna al successo dopo il pareggio contro il Napoli e la sosta Nazionali. La partita contro l’Empoli si sblocca dopo cinque minuti grazie al gol dell’ex Dimarco, che dal limite dell’area colpisce di sinistro e gira in rete sull’ennesimo assist di Bastoni. L’Empoli è attivo ma fatica a rendersi pericoloso in area avversaria. Al minuto 81, Sanchez raddoppia le marcature dei padroni di casa a porta vuota. L’Inter torna a +14 sul Milan secondo, mentre l’Empoli è alla quarta disfatta di fila.

La 29esima giornata della Serie A si è aperta con la vittoria del Bologna sull’Empoli con il punteggio di 1-0. Il gol che sblocca il risultato non arriva prima del 94’, sintomo della sofferenza del Bologna dovuta all’assenza di Zirkzee. In pieno recupero, Fabbian la sblocca sfruttando una respinta del portiere toscano su un tiro di Calafiori. Gli uomini di Motta creano più occasioni ma le sprecano: Saelemaekers e Orsolini sbagliano due chance a porta vuota. I toscani protestano nel finale per la loro inferiorità numerica (dieci uomini) dopo l’infortunio di Ebuehi a sostituzioni già esaurite. Il Monza batte 1-0 il Cagliari e ottiene il suo quarto successo nelle ultime cinque gare. A decidere la sfida all’U-Power è la rete di Daniel Maldini su punizione. La squadra brianzola si porta così a 42 punti in classifica, mentre si ferma a quattro la serie di risultati utili di fila per il Cagliari. Nella gara valevole per la giornata numero 29 di Serie A, i gol di Duvan Zapata e Nikola Vlasic decidono la vittoria del Toro al Bluenergy Stadium. Dopo il vantaggio di Zapata al 10’, i granata hanno gestito la gara alla grande senza rischi. L’Udinese non si rende pericolosa quasi mai dalle parti di Milinkovic-Savic e ha raccolto contestazioni dai suoi tifosi nell’arco della gara. Il Lecce batte la Salernitana all’Arechi e ottiene la sua prima vittoria in trasferta della stagione. Gli uomini di Gotti portano a casa tre punti grazie all’autorete di Gyomber al 17’, autore di una sfortunata deviazione su tiro di Krstovic. Falcone nega la gioia del gol a Pirola. Allo Stirpe, la Lazio ritrova la vittoria battendo in rimonta il Frosinone con il punteggio di 2-3. La gara la sblocca Lirola prima del quarto d’ora, poi Zaccagni ristabilisce la parità prima dell’intervallo (38’). Nella ripresa, Castellanos ribalta tutto segnando al primo pallone toccato (57’), poi fa la sua doppietta cinque minuti più tardi. I ciociari accorciano al 70’ con Cheddira, poi non accade più nulla finisce 3-2 per i biancocelesti dopo un palo colpito da Luis Alberto.

Il momento nero della Juventus prosegue con il secondo pareggio di fila, questa volta contro il Genoa. Allo Stadium, le due formazioni si annullano e non vanno oltre lo 0-0, creando le poche chance della gara nel secondo tempo: Iling colpisce il palo, poi Kean fa lo stesso allo scoccare del 90esimo. Nel recupero, Vlahovic ottiene un cartellino rosso per proteste. La Juve non riesce a sorpassare il Milan in classifica. Si prosegue con Verona-Milan, terminata 1-3 al Bentegodi. Al 44’, ad aprire le danze è Theo Hernandez, abile a sfondare sulla sinistra portando gli ospiti in vantaggio. In avvio di ripresa, il bis lo fa Pulisic con un tap-in vincente, poi Noslin accorcia le distanze per i padroni di casa inventandosi un gol da fuori area. Nel finale, il sinistro al volo di Chukwueze mette in cassaforte la vittoria definitiva dei rossoneri. Atalanta-Fiorentina, gara prevista per la 29esima giornata di Serie A, è stata rimandata per un grave malore del dirigente viola Barone. Roma-Sassuolo finisce 1-0 per i giallorossi di De Rossi. All’Olimpico, la Roma non trova spazio di manovra nella prima frazione, poi, nella ripresa, Pellegrini si inventa una giocata individuale e porta avanti i suoi sull’1-0. Il Sassuolo prova a reagire, ma i padroni di casa chiudono gli spazi. Finisce con la vittoria giallorossa che vale quota 51 punti in classifica. Dopo essere stato eliminato in Champions, l’Inter di Inzaghi frena in casa e non va oltre l’1-1 contro il Napoli. In avvio, un superlativo Meret fa miracoli su Darmian e Lautaro. È proprio Darmian a sbloccarla prima dell'intervallo su assist di Bastoni, poi, dopo il salvataggio di Meret su Lautaro e Dimarco, l’ex Juan Jesus trova di testa il gol del pari nel finale.

Nella giornata numero 28 di Serie A, il Napoli gioca una grande partita ma viene fermato sull’1-1 dal Torino. La prima frazione è equilibrata, Kvara e Zapata hanno una chance a testa, poi il georgiano sblocca nella ripresa al 61’, ma tre minuti dopo entra Sanabria che trova il pari in rovesciata al primo pallone toccato. Gli azzurri ci provano fino alla fine, ma Kvaratskhelia non va oltre la traversa, poi Milinkovic chiude ogni spazio e il risultato non cambia più. Il Cagliari vince 4-2 la sfida salvezza contro la Salernitana, ma non senza rischiare di essere ripreso. Gli uomini di Ranieri si portano avanti con due azioni in contropiede: al 12’ segna Lapadula, poi Gaetano raddoppia al 40’. Il secondo tempo si apre con il tris di Shomurodov (51’), che sembra mettere in cassaforte la vittoria, ma la Salernitana riapre tutto: al 56’, Kastanos accorcia le distanze, poi Maggiore raddoppia per i granata due minuti dopo. A un quarto d’ora dalla fine, Shomurodov fa la sua doppietta sfruttando un errore di Fazio e fissando il risultato sul 4-2 finale. Un successo importante in chiave salvezza per il Sassuolo, che vince 1-0 contro il Frosinone grazie alal rete decisiva di Thorstvedt al 58’: il norvegese raccoglie palla in area, controlla, si gira e rapidamente scarica in rete di sinistro beffando Turati. Al 90’, Kaio Jorge sbaglia un rigore calciando sul palo. 23 punti per i neroverdi in classifica, a -1 dal primo posto utile per la salvezza occupato proprio dal Frosinone. Decima vittoria consecutiva in campionato per l’Inter, che espugna il campo del Bologna grazie al gol di testa di Bisseck su cross di Bastoni. Pericolosi Posch e Zirkzee, ma la difesa di Inzaghi regge. Il Monza di Palladino vince in casa del Genoa dove si impone sui liguri 3-2 grazie ai gol di Pessina, Mota, autore di una magia in sforbiciata, e Maldini. I padroni di casa rimontano momentaneamente con Gudmundsson e Vitinha, ma serve a poco. Il Monza sorpassa il Torino in classifica.

Il 28esimo turno di Serie A prosegue con la sfida tra Lecce e Verona, terminata 0-1 per l’Hellas. Secondo successo consecutivo per la squadra di Baroni, che espugna il Via del Mare 1-0 grazie al gol di Folorunsho. In avvio ci provano Duda e Noslin, poi anche Banda crea pericoli. Al 17’, Folorunsho la sblocca su deviazione di Baschirotto, poi Almqvist colpisce la traversa e Montipò fa miracoli su Krstovic. Succede poco nella ripresa, poi grande nervosismo nel finale con Henry e D’Aversa espulsi. Il Milan batte 1-0 l’Empoli grazie al gol di Pulisic al 40’. Rossoneri pressanti in avvio, con Okafor e Pulisic che tentano la conclusione, poi costruiscono l’azione decisiva che porta al gol. Nella ripresa occasione per Loftus-Cheek, l’Empoli non si arrende, ci prova ma Destro spreca una grande occasione a tre minuti dal fischio finale. Juventus-Atalanta, un match ricco di colpi di scena. Al 35’, il risultato si sblocca con Koopmeiners che va a segno sugli sviluppi di una punizione, poi, al 66’, arriva la rete del pari di Cambiaso. Quattro minuti dopo, Milik ribalta la gara, poi ancora Koopmeiners riprende i bianconeri segnando la doppietta al 75’. Finisce 2-2, con una sola vittoria per Allegri nelle ultime 7 gare, mentre Gasperini sale a 47 punti. Fiorentina-Roma al Franchi termina 2-2. Partono forte gli ospiti, con Lukaku che crea subito pericoli. Tuttavia, a sbloccarla è la Fiorentina, a segno al 18’ con un colpo di testa di Ranieri. Al 58’, Aouar segna l’1-1, poi Mandragora riporta avanti i viola al 69’. La Fiorentina spreca una buona occasione per il terzo gol, con Biraghi che si fa parare un rigore da Svilar. Al 95’, Llorente trova la rete del pari che conferma il quinto posto della Roma in classifica, a -3 dal Bologna. La Lazio di Sarri non trova la vittoria e cede 1-2 in casa contro l’Udinese. Prima frazione in equilibrio, con Zaccagni che colpisce il palo. Nella ripresa, l’Udinese sblocca con una conclusione vincente di Lucca (47’), ma i padroni di casa accorciano subito grazie a Zaccagni che propizia l’autorete di Giannetti (49’). Due minuti più tardi, tuttavia, i friulani tornando nuovamente avanti con la rete decisiva di Zarraga. La Lazio frena, mentre l’Udinese ottiene tre punti salvezza preziosi.

La giornata numero 27 di Serie A si è aperta con la vittoria in esterna del Milan sulla Lazio grazie a un gol allo scadere di Noah Okafor. Una partita pazza, ricca di espulsioni e polemiche. In avvio Vecino sfiora il gol, mentre Pulisic ci prova per i rossoneri. Al 57’, per somma di ammonizioni, Pellegrini lascia i suoi in inferiorità numerica, poi Leao si vede annullare un gol per fuorigioco a un quarto d’ora dalla fine. Al minuto 88, tuttavia, Okafor segna il gol partita per il Milan, poi la Lazio chiude in 8 per l’espulsione di Marusic e Guendouzi. La giornata prosegue con il pari tra Udinese e Salernitana per 1-1. La sfida salvezza alla Dacia Arena termina in parità: un gol di Tchaouna da una parte e una bellissima rovesciata di Kamara dall’altra fissano il punteggio sull’1-1 finale. Un pari che non serve a nessuno, con la squadre di Cioffi che perde la chance di andare a +6 sulla zona retrocessione, mentre quella di Liverani rimane ultima in classifica. La Roma espugna lo stadio brianzolo battendo 4-1 il Monza. Torna al gol in campionato Lukaku, mentre Dybala continua a realizzare prodezze portando la Roma alla terza vittoria di fila in campionato. Il Monza sfiora il vantaggio con Djuric in avvio, ma non va oltre il palo, poi Cristante si vede annullare un gol al Var per fuorigioco. Al 38’ la sblocca Pellegrini, poi Lukaku raddoppia dopo 4 minuti, Dybala cala il tris su punizione, mentre il poker lo firma Paredes su rigore. Accorcia le distanze per il Monza Carboni, ma termina 4-1 per gli ospiti. Torino e Fiorentina non vanno oltre lo 0-0 al Grande Torino. I padroni di casa giocano in dieci per tutta la ripresa per l’espulsione di Ricci per una doppia ammonizione in appena due minuti. Ilic si infortuna al ginocchio, poi non succede più nulla. La gara salvezza al Bentegodi termina in favore del Verona, che batte 1-0 il Sassuolo. A decidere il trionfo dei padroni di casa è il gol di Swiderski al 79’, il primo in Serie A con la maglia del Verona. Gli uomini di Baroni lasciano la scottante portandosi a +3 proprio sul Sassuolo.

Si prosegue con la vittoria del Cagliari in casa dell’Empoli, la prima in trasferta per Ranieri. Al Castellani vincono i sardi 1-0. Kovalenko ci prova in avvio, poi Scuffet viene graziato dal palo su conclusione di Cambiaghi. Nella ripresa Cacace si vede annullare un gol, poi Jankto trova la rete decisiva che permette ai sardi di agganciare il Verona quartultimo. Finisce 1-1 tra Frosinone e Lecce, che scendono ancora di più dopo le vittorie di Verona e Cagliari. Cheddira porta avanti i padroni di casa nel recupero della prima frazione, poi, nella ripresa, un retropassaggio sciagurato di Zortea si trasforma nel rigore per il Lecce: dal dischetto calcia Rafia, Cerofolini para, ma il rigore viene ripetuto a causa dell’invasione di Valeri. Sul secondo tentativo Krstovic colpisce il palo, la palla finisce addosso al portiere gialloblù ed entra in porta. Nel finale Gelli non va oltre la traversa, mentre Falcone fa una magia sulla conclusione di Kaio Jorge. Al Gewiss Stadium, colpaccio del Bologna che batte 2-1 l’Atalanta e ottiene la sesta vittoria di fila. De Ketelaere crea pericoli in avvio, mentre Fabbian ha una chance dall’altra parte. Lookman porta i padroni di casa in vantaggio al 28’, ma il Bologna pareggia al 57’ con un calcio di rigore trasformato da Zirkzee, poi raddoppia allo scoccare dell’ora di gioco con Ferguson. I rossoblù volano al quarto posto. Il Napoli batte 2-1 la Juventus al Maradona e avvicina la zona Europa. Il Napoli ci prova in avvio, ma è Vlahovic a centrare il palo. Kvaratskhelia sblocca la gara al 42’, ma la Juve la pareggia al minuto 88 grazie a Chiesa. Nel finale, tuttavia, il Napoli ottiene il rigore decisivo: Szczesny respinge il tiro di Osimhen, ma Raspadori ribadisce per il 2-1 finale. La Juve rimane seconda con una sola lunghezza di vantaggio sul Milan. L’Inter batte il Genoa e si porta a +15 sulla Juventus seconda. Nella prima frazione, gli uomini di Inzaghi segnano con Asllani alla mezzora, poi Sanchez raddoppia otto minuti più tardi su calcio di rigore procurato da Barella per fallo di Frendrup. Nella ripresa, i ragazzi di Gilardino tentano una reazione con Vasquez al 54’, ma non è sufficiente. Vitinha si vede annullare un gol. Nerazzurri sempre più lanciati verso lo Scudetto.

La giornata numero 26 di Serie A si è aperta con la sfida tra Bologna e Verona terminata 2-0 per la compagine rossoblu. Un Bologna che continua la sua scalata verso le prime posizioni in classifica con 48 punti e il quarto posto. Al Dall’Ara, il match si apre con l’infortunio dell’arbitro Abisso, che lascia la direzione della gara al quarto ufficiale. Al 27’, il Bologna approfitta di una palla inattiva per passare in vantaggio con Fabbian che va a segno su sponda di Orsolini. Prima dell’intervallo gli uomini di Thiago Motta sfiorano il raddoppio con Ndoye, ma stavolta Montipò è attento. In avvio di ripresa, Beukema fallisce il raddoppio da ottima posizione, poi i padroni di casa rischiano grosso: errore di Skorupski, la palla arriva a Suslov che, da lontano, calcia a fil di palo. Poco dopo il Bologna fa il bis: Fabbian pesca Freuler per il definitivo 2-0. Al minuto 89, Skorupski fa il miracolo sulla conclusione a botta sicura di Henry. Sassuolo-Empoli è finita 2-3. I toscani passano dopo 11 minuti: Luperto segna di testa su un calcio piazzato di Marin. Poco dopo, Maleh si vede annullare il gol del raddoppio per un tocco di braccio. Ferrari e Pinamonti creano pericoli. Nella ripresa, un contatto tra Ruan e Ismajli causa un calcio di rigore che Pinamonti non sbaglia dal dischetto trovando il pareggio. Poco dopo altro rigore, questa volta per l’Empoli, che si riporta avanti con Niang dagli 11 metri. Al 77’, nuovo pari dei neroverdi, con Ferrari che svetta sulla punizione di Bajrami e di testa batte Caprile. In pieno recupero, l’Empoli riconquista il vantaggio con Bastoni di testa 94’. Il Monza espugna l’Arechi di Salerno 2-0 sulla Salernitana. Al secondo minuto, il tiro di Djuric si stampa sul palo. Cresce la Salernitana che, però, non riesce a costruire occasioni. Nella ripresa, dopo un miracolo di Ochoa su Gagliardini, il match si sblocca con Maldini che di piattone batte il portiere campano (78’). Cinque minuti dopo arriva il raddoppio di Pessina su sponda aerea di Djuric. Monza a quota 36 punti in classifica, Salernitana sempre più ultima. Il Genoa batte 2-0 l’Udinese grazie ai gol di Retegui e Bani. La partita si apre con una traversa di Lucca e un palo di Vasquez, poi sblocca Retegui con una rovesciata da manuale. Quattro minuti dopo arriva il raddoppio di Bani con un colpo di di testa su ispirazione di Gudmundsson. In avvio di ripresa l’Udinese rimane in 10 per la doppia ammonizione di Kristensen. Al 73’, Lucca si vede annullare un gol per fallo. La Juventus ha battuto 3-2 il Frosinone. Partono forte i bianconeri, che subito si portano in vantaggio con Dusan Vlahovic, a segno dopo appena tre minuti. Al quarto d’ora arriva il pari del Frosonone grazie al colpo di testa di Cheddira su assist di Zortea. Al 27’, i ciociari la ribaltano con il gol di Brescianini, ma cinque minuti più tardi Vlahovic riporta sul 2-2 il risultato. Nella ripresa, Yildiz ha una chance ma fallisce, poi decide Rugani sul finalissimo, segnando il 3-2 bianconero al minuto 95.

Si prosegue con Cagliari-Napoli terminata 1-1. Prima frazione senza reti, la formazione di Ranieri crea le occasioni migliori, ma senza sbloccare. Al 32’, i sardi sbloccano, ma l’arbitro annulla: sulla punizione dell’ex Gaetano, Lapadula ostacola Rrahmani che devia nella propria porta. Autorete annullata. Nella ripresa, Osimhen sblocca di testa su cross di Raspadori (65’), ma il Cagliari riacciuffa il pareggio al 96’, grazie al gol di Luvumbo che toglie palla a Juan Jesus e firma l’1-1. L’Inter travolge il Lecce al Via del Mare e si impone 4-0. La gara si sblocca al quarto d’ora con il gol di Lautaro Martinez, che sigla il suo gol numero 100 in Serie A su assist di Asllani. La prima frazione si conclude 1-0 per i nerazzurri. Il raddoppio degli ospiti arriva al 54’ con la rete di Frattesi, che raddoppia su assist di Sanchez. Due minuti dopo, Sanchez regala a Martinez la palla del gol numero 101 del Toro nel massimo campionato. A calare il poker è De Vrij di testa (67’) per il 4-0 definitivo. Milan e Atalanta si annullano e non vanno oltre l’1-1 a San Siro. I padroni di casa partono forte e conquistano il vantaggio dopo 3 minuti con una grande botta di Leao, che si libera di due avversari, entra in area e scaglia la sfera in rete sul secondo palo. La Dea fatica a reagire, poi trova il gol del pari al 42’, con un calcio di rigore trasformato da Koopmeiners e assegnato per un fallo di Giroud su Holm. Nella ripresa, i rossoneri vanno vicini al gol in più occasioni, ma il risultato non si schioda dall’1-1. Nel posticipo della giornata, la Roma ha battuto 3-2 il Torino. Giallorossi agguerriti in avvio, con Kristensen che, servito da Azmoun, viene fermato dal palo. Il Toro crea pericoli con Sanabria, ma ci pensa Smalling a deviare in extremis. Ricci sfiora il gol, poi la gara si sblocca con il calcio di rigore trasformato da Dybala al 42’ e concesso per un fallo di Sazonov su Azmoun. Dopo nemmeno tre minuti torna tutto in parità: testata di Zapata che vale l’1-1 al 44’. Nella ripresa, i padroni di casa ritrovano il vantaggio grazie al sinistro di Dybala sul secondo palo (57’), poi l’argentino realizza la sua tripletta su assist di Lukaku (69’). Gli uomini di Juric accorciano le distanze all’88’ grazie a un’autorete di Huijsen, ma al termine dei quattro minuti di recupero è la Roma a festeggiare la vittoria. La 26esima giornata di Serie A si è chiusa con il successo della Fiorentina sulla Lazio. Al Franchi, i padroni di casa vincono in rimonta e sorpassano la Lazio in classifica. I viola partono meglio, ma sono sfortunati con ben tre pali colpiti nella prima frazione con Nico, Belotti e Biraghi. Nel recupero del primo tempo, la Lazio passa con il gol di Luis Alberto. Nella ripresa, Kayode trova l’1-1, poi Nico Gonzalez fallisce un rigore calciando sul palo (penalty concesso per fallo di Casale su Belotti). Decide tutto Bonaventura, che al 69’ si avventa sulla respinta di Provedel e insacca il 2-1 finale. La Fiorentina ottiene tre punti pesanti.

La giornata numero 25 di Serie A è iniziata con Torino-Lecce, match conclusosi con la vittoria per 2-0 dei piemontesi. Prima frazione con scarse occasioni, al 13’ il Toro rischia grosso: Milinkovic-Savic non trattiene bene la palla e Piccoli prova a beffarlo, ma Masina salva tutto sulla linea di porta. I granata reagiscono con un tiro velenoso di Vlasic che viene deviato in corner. All’intervallo il Torino si scuote e torna in campo con un altro spirito: Bellanova sblocca il risultato dopo cinque minuti con un diagonale imprendibile per Falcone (assist di Ilic). Il Toro inizia la fase del suo dominio, mentre il Lecce in pratica esce dalla gara dopo l’espulsione di Pongracic al 70’ per doppia ammonizione. Con l’uomo in più i granata raddoppiano: Vojvoda pennella un cross da corner che finisce sulla testa di Zapata per il 2-0 (81’). Vince il Toro, mentre continua il periodo nero per il Lecce, con la settima sconfitta nelle ultime nove. Si continua con Inter-Salernitana, sfida terminata con un poker di reti nerazzurro. La gara è un vero e proprio dominio dell’Inter, che sfiora subito il vantaggio con Bastoni di testa e con il palo di Thuram. Il gol è nell’aria: al 17’, Carlos Augusto fugge e innesca Thuram che sblocca il risultato. Due minuti dopo l’Inter è ancora in area salernitana: Carlos Augusto serve Lautaro con una rimessa laterale, l’argentino raddoppia con un destro potente. I campani perdono Boateng per infortunio, poi i padroni di casa trovano il terzo gol poco prima dell'intervallo, quando Ochoa non trattiene la palla e Dumfries insacca da vicino. La Salernitana assume un assetto protettivo verso la sua porta, ma alla fine i nerazzurri trovano anche il poker con Arnautovic al 90’ per il 4-0 finale. Napoli-Genoa termina 1-1 al Maradona, dove è subito occasione per Kvaratskhelia e Anguissa, poi per Retegui che impegna Meret. In avvio di ripresa è il Grifone a passare con Frendrup che, al 47’, segna il suo primo gol in campionato con un sinistro molto preciso. Il pari del Napoli arriva al 90’, quando, su un cross per Di Lorenzo, la sponda al centro favorisce Ngonge che devia il sinistro in porta per l’1-1. Verona-Juventus è terminata 2-2. i bianconeri si fanno subito pericolosi con Yildiz, ma a sbloccare la gara è il Verona con un calcio al volo di Folorunsho (11’). Poco prima della mezzora, Tchatchoua mette le mani sul tiro di Kostic ed è calcio di rigore che Vlahovic trasforma al 28’. La ripresa si apre con il nuovo vantaggio del Verona firmato da Noslin, ma la Juve trova nuovamente il pari dopo tre minuti grazie al sinistro di Rabiot. Occasioni per Vlahovic e Chiesa nel finale, poi la partita termina pari dopo una super parata di Montipò. Allegri a -9 dall'Inter con una partita in più, Verona terzultimo con 20 punti. Al Gewiss, l’Atalanta travolge il Sassuolo 3-0 e si consolida al quarto posto in Serie A. Quinta vittoria di fila per i bergamaschi, che sbloccano la partita con al 22’ con Mario Pasalic in tap-in. Nella ripresa, chiudono i conti i gol di Teun Koopmeiners al 58’ e Mitchel Bakker al 75’. Il Sassuolo rimane a quota 20 punti in zona retrocessione.

Il Bologna espugna l’Olimpico di Roma battendo in rimonta 2-1 la Lazio. Al 18’, i padroni di casa si portano in vantaggio grazie al sinistro di Isaksen su assist di Immobile. Al 39’ arriva il pareggio degli ospiti con El Azzouzi che, imbeccato da Fabbian, segna da vicino approfittando di un rinvio sbagliato di Provedel. Grande occasione per Guendouzi poco prima dell’intervallo, ma Lucumí neutralizza a due passi dalla porta. La rimonta del Bologna si concretizza nella ripresa quando Zirkzee serve Kristiansen, poi riceve il pallone di ritorno e con un tiro angolato segna il gol del 2-1 finale (78’). 1-1 tra Udinese e Cagliari. I friulani si portano in vantaggio al quarto d’ora con Zemura, destro sotto l’incrocio dei pali e primo centro in Serie A. Il Cagliari trova il pari al 44’: cross in area di Augello, Gaetano si invola e di testa segna il suo gol numero due con la maglia del Cagliari. Il primo tempo si chiude pari, poi la ripresa si apre con una traversa di Lapadula. Le due formazioni non riescono a trovare altri gol e il risultato non si schioda più dall’1-1. Termina 1-1 anche la gara tra Empoli e Fiorentina: alla mezzora i viola passano con Beltran che, innescato da Mandragora, beffa Caprile con una conclusione bassa e diagonale. Nella ripresa, l’Empoli ripristina l’equilibrio al 56’: Faraoni stende Cancellieri in area, l’arbitro fischia il calcio di rigore che Niang dal dischetto trasforma nell’1-1 finale. La Roma ha battuto 3-0 il Frosinone allo Stirpe. Match sbloccato al 35’, quando, su azione personale, Huijsen supera tutti e fulmina sul secondo palo Turati. Soulé e Kaio Jorge sfiorano il gol per i padroni di casa, poi, nella ripresa, arriva il raddoppio dei giallorossi: al 71’, Azmoun sfrutta un errore di Turati e insacca il 2-0. Dieci giri di orologio più tardi, calcio di rigore per la Roma per un tocco di mano di Okoli su un tiro di Baldanzi. Paredes dagli 11 metri la chiude sul 3-0 finale. Il Monza ha sconfitto 4-2 il Milan. Ad aprire le marcature brianzole è Pessina dal dischetto: al 45’, Thiaw stende Dany Mota in area e l’ex Pessina trasforma. Al 51’, azione splendida del Monza, con Colpani che fugge a Thiaw e serve d’esterno Dany Mota, il portoghese calcia sul secondo palo e insacca il 2-0 facendo esplodere l’U-Power Stadium. Espulso Jovic per aver rifilato uno schiaffo a Izzo. Il Monza prova a chiuderla, ma è il Milan ad accorciare le distanze con la zampata di Giroud al 64’, poi trova il 2-2 al minuto 87 con un gioiello di Pulisic, che scarica un destro potente sul secondo palo. Al 90’, Bondo si inventa il gol del 3-2 all’incrocio dei pali, poi il poker, firmato dall'ex Colombo, arriva nei minuti di recupero per il 4-2 finale. Il Monza vola a quota 33 punti in classifica mentre il Milan fallisce il sorpasso alla Juventus al secondo posto in graduatoria.

La sfida salvezza tra Salernitana ed Empoli all’Arechi ha dato il via alla 24esima giornata di campionato. La prima parte della gara ha visto l’autogol di Zanoli sbloccare il match al 23’: il difensore devia di testa un cross di Cambiaghi e beffa il portiere. La conclusione di Dia termina di poco a lato, poi Caprile salva su Kastanos e nega il pari ai padroni di casa. Weissman, entrato nel finale, fa il suo esordio in Serie A. Nella ripresa, la Salernitana trova il pari proprio con Weissman: cross di Candreva e testata nell’angolo per il suo primo gol in campionato. All’86’, per un fallo di Pellegrino su Fazzini, calcio di rigore per l’Empoli: Niang dal dischetto non sbaglia. L’Empoli la chiude nei minuti di recupero con un gol di Cancellieri (94’). Si prosegue con Cagliari-Lazio, terminata 1-3. I biancocelesti partono forte e conquistano il vantaggio al 26’, quando, su un cross di Isaksen, Azzi non arriva al pallone e Deiola tocca deviando nella propria porta. Il raddoppio della Lazio arriva nella ripresa, con Immobile che intercetta e insacca il suo 200esimo gol da posizione defilata (49’). Due minuti più tardi i Cagliari ritorna in gara grazie a una prodezza di Gaetano che si infila sotto l’incrocio. I padroni di casa sfiorano il pari, poi, al 65’, è la Lazio a centrare il tris con Felipe Anderson. Il big match tra Roma e Inter è terminato 2-4 per i nerazzurri. Buono l’avvio di gara per la Roma, che, tuttavia, vanno sotto di un gol al 17’ quando, su un corner di Dimarco, la palla arriva ad Acerbi che segna di testa. I padroni di casa pareggiano a 28’: cross di Pellegrini, Mancini si inserisce e di testa beffa Sommer. Al 44’, El Shaarawy concretizza il contropiede con un sinistro che colpisce la traversa, il primo palo e poi si insacca per il 2-1 all’intervallo. In avvio di ripresa subito pari dell'Inter: cross al centro, Thuram intercetta e segna. Dopo pochi minuti gli uomini di Inzaghi tornano in vantaggio: cross in mezzo, Thuram segna, ma la deviazione decisiva è di Angelino che manda la palla nella sua porta. Bastoni la chiude al 93’ rifinendo in porta un contropiede di Sanchez e Arnautovic. Sassuolo-Torino è terminata 1-1. I neroverdi si portano avanti al 5’ con Pinamonti che, di testa, fulmina Milinkovic Savic. Quattro minuti dopo arriva il pari del Torino con Zapata, che segna su ispirazione di Bellanova. Nella ripresa, Vlasic sfiora il gol, poi Consigli fa miracoli su Zapata. Finisce 1-1. La Fiorentina ha travolto 5-1 il Frosinone. Una vittoria che consente ai viola di restare agganciati al treno Europa. Partono forte gli ospiti, poi la traversa di Beltran al 12’ scuote gli uomini di Italiano, con Ikoné che propizia il primo gol in maglia viola di Belotti al 16’, poi è lo stesso francese a segnare il raddoppio al 19’, complice una deviazione decisiva di Okoli. Nico Gonzalez si divora un gol, poi Martinez Quarta realizza di testa il tris viola (43’). A inizio ripresa, il destro al volo di Nico Gonzalez vale il poker per la Fiorentina (53’). Al 66’, Mazzitelli riduce il passivo del Frosinone con un gol su punizione e deviazione della barriera, poi il 5-1 finale lo sigla Barak all'85' di testa.

Bologna-Lecce è finita 4-0 per i rossoblu, alla seconda vittoria di fila che vale quota 39 punti in classifica. Al Dall'Ara, il successo del Bologna è deciso dalla doppietta di Orsolini, a segno al 27’ e al 49’. La gara si sblocca al 5’ grazie a Beukema, abile a insaccare sugli sviluppi di corner. Sale in cattedra Orsolini, che prima batte Falcone con un destro che gli passa tra le gambe, poi fa il bis con un sinistro che si insacca sotto l'incrocio dei pali. Nel finale, Odgaard sfrutta l'errore di Baschirotto per segnare il definitivo 4-0 da solo davanti a Falcone. Vince il Bologna, Lecce a quota 24, a +5 sulla zona retrocessione. Nessun gol tra Monza e Verona nella 24esima giornata di Serie A. Pochissime le occasioni durante il match: al 19’ Colpani ci prova in rovesciata, dopo la parata esemplare di Montipò sul precedente tentativo di Birindelli. A metà secondo tempo, l’arbitro fischia un penalty per il Monza dopo un contatto tra Zerbin e Duda, ma il Var annulla tutto e finisce 0-0. Il Monza sale a 30 punti, il Verona a 19. L'Atalanta travolge 4-1 il Genoa e conquista il quarto successo di fila in campionato. A Marassi, apre le danze De Ketelaere con un gioiello al 22’. La risposta dei padroni di casa arriva con l’ex Malinovskyi, che centra il pari al 51’. Quattro minuti più tardi la Dea torna in vantaggio grazie alla bellissima punizione di Koopmeiners. A un quarto d'ora dalla fine, Scalvini trova il gol dell’1-3, ma il Var lo annulla per un fuorigioco quasi impercettibile di Pasalic. Sono tredici i minuti di recupero accordati dall’arbitro, durante i quali il Genoa incassa altri due gol, uno di Zappacosta, l’altro di Touré, che chiudono sul definitivo 1-4 per l’Atalanta che consolida così il quarto posto in classifica. Il Milan si è imposto 1-0 sul Napoli nel primo posticipo della 24esima giornata di campionato. Nella cornice di San Siro, gli uomini di Pioli hanno vinto sul Napoli di Mazzarri grazie alla rete di Theo Hernandez al 25’ su azione orchestrata dalla coppia Giroud-Leao. In avvio di ripresa, i rossoneri sfiorano il raddoppio in più occasioni, poi ci ha provato il Napoli con Lindstrom, palo. Milan terzo in classifica con 52 punti, Napoli a -7 dalla zona Champions con 35 punti. La giornata si è chiusa con il posticipo del lunedì tra Juventus e Udinese. La Juventus ha subìto una pesante sconfitta in casa rifilata per 0-1 dall’Udinese. Al 25’, l’Udinese ha sbloccato la gara con Giannetti, abile a intercettare un rinvio di Alex Sandro per portare a casa il gol e i tre punti. Gli errori di Milik e le parate di Okoye hanno deciso il punteggio finale che non è più cambiato.

La 23esima giornata di Serie A si è aperta con il match tra Lecce e Fiorentina. Il Lecce ha acciuffato tre punti preziosi imponendosi 3-2 negli ultimi minuti del match. Al minuto 17 ha sbloccato la gara Oudin su calcio di punizione, portando il Lecce avanti. Nella ripresa, Mandragora trova il gol del pari con una bellissima azione personale: respinta ai 20 metri, controllo del centrocampista e tiro a incrociare che fulmina Falcone per l’1-1 (50’). Al 67’, Beltran ribalta la gara segnando il 2-1 per i viola, poi accade di tutto: al 91’, Piccoli centra il pari per i salentini, poi, un minuto più tardi, il Lecce la rovescia completamente grazie al gol di Dorgu che fissa il punteggio sul 3-2 finale. Il 23esimo turno prosegue con altri quattro incontri: due delle ore 15:00, Empoli-Genoa e Udinese-Monza, terminati entrambi 0-0. Match senza reti al Castellani, dove a partire meglio sono i padroni di casa, che vanno subito vicini al gol con Cambiaghi. Sabelli segna per il Grifone, ma la rete viene annullata per fuorigioco, poi Zurkowski calcia in porta ma Martinez blocca. I toscani sfiorano il vantaggio nella seconda frazione: Cambiaghi calcia, Bani devia il pallone che, però, si stampa sul palo a Martinez battuto. Il Genoa ci prova con Spence di testa, ma Luperto salva tutto sulla linea di porta, poi, nel finale, Gudmundsson calcia dal limite dell’area e trova la pronta risposta di Caprile. Negli ultimi dieci minuti, il Genoa rimane in dieci per via dell’espulsione di De Winter. Finisce senza reti. Stesso risultato al Bluenergy Stadium, dove i friulani provano subito a sbloccarla, ma Lucca trova la respinta di Di Gregorio. Payero e Thauvin creano pericoli, poi ci riprova Lucca ma senza successo. Succede poco nella seconda parte della gara, poi il Monza sfiora il gol al 90’ sugli sviluppi di un corner, ma Lovric di testa salva lo 0-0 in prossimità della linea di porta. Frosinone-Milan è terminata 2-3, con i rossoneri che hanno ottenuto tre punti preziosi in ottica Champions. I ciociari sfiorano il vantaggio con Soulé, ma è il Milan a passare al minuto 17, quando Giroud segna su assist di Leao. Seck fa un tentativo in porta, ma Maignan non si lascia sorprendere e salva in angolo, poi è calcio di rigore per i padroni di casa dopo una deviazione di mano di Leao sul cross di Gelli. Soulé dal dischetto pareggia i conti al 24’. Pulisic sfiora il gol, poi Okoli sfiora l’autorete e Turati salva in tuffo. Mazzitelli porta avanti il Frosinone nella seconda frazione (65’), ma poco dopo arriva la risposta rossonera con Gabbia che centra il pari. All’81’, Jovic la decide sul 3-2 definitivo per la squadra di Pioli. Il Bologna ha battuto il Sassuolo 4-2 al Dall’Ara. Al quarto d’ora, Skorupski sbaglia e regala palla a Thorstvedt che segna e porta avanti i neroverdi (14’). Al 24’ il pareggio del Bologna è il risultato dell’autogol di Viti su conclusione di Zirkzee. Dieci minuti più tardi, il Sassuolo pressa, insiste e passa nuovamente in vantaggio grazie a un gol di Volpato. Nella seconda frazione, Calafiori sfiora il pareggio, ma la palla esce di un soffio. Al 73’, Fabbian riporta in vantaggio il Bologna con un’incornata vincente, poi, al minuto 83, i rossoblù ribaltano il match con una rete di Ferguson su assist di Zirkzee, poi blindano la vittoria tre minuti più tardi con il gol del 4-2 siglato da Saelemaekers.

Il lunch match tra Torino e Salernitana è terminato senza reti. La prima frazione è avara di emozioni e occasioni, con l’unico guizzo di Sanabria che ci prova di testa sugli sviluppi di un angolo, ma senza inquadrare. Buono il debutto di Boateng, che respinge i tentativi in profondità di Lazaro e Zapata. Nella ripresa ci provano Linetty, Dia e Pellegri, ma il risultato non cambia. Il Napoli ha battuto il Verona 2-1. Gli azzurri partono forte, Kvaratskhelia impegna Montipò, poi l’Hellas ci prova in contropiede e al 72’ passa con un gol di Coppola. Sette minuti più tardi, tuttavia, il Napoli pareggia con un gol di Ngonge, poi trova la rete del vantaggio con Kvaratskhelia al minuto 87. L’Atalanta batte 3-1 la Lazio e si porta in quarta posizione in classifica con 39 punti. Pasalic sblocca al 16’ sfruttando una sponda per beffare il portiere con una conclusione al volo. Il bis lo fa nel finale di frazione De Ketelaere, trasformando un penalty assegnato per fallo di mano di Marusic (43’). Nella ripresa, la doppietta di De Ketelaere vale il 3-0 al 76’, poi il gol della bandiera della Lazio lo trova Immobile all’84’ dal dischetto su calcio di rigore accordato per un intervento in ritardo di Djimsiti sullo stesso Immobile in area. Il Derby d'Italia della giornata numero 23 di Serie A se lo aggiudica all'Inter per 1-0. Una sfida piuttosto equilibrata, decisa da un singolo episodio, ossia l’autorete di Gatti al minuto 37: nel tentativo di anticipare in area Thuram, il difensore bianconero devia la palla sul palo e nella propria porta. Calhanoglu colpisce il palo nella ripresa, ma il risultato non cambia. Vince l’Inter che si porta a +4 sulla Juventus con una partita in meno. La giornata numero 23 di Serie A si è conclusa con il poker della Roma sul Cagliari. I padroni di casa sbloccano il match dopo appena due minuti con il gol di Pellegrini. Lapadula è l’unico a provarci tra gli ospiti, ma senza fortuna. Al 22’ la Roma raddoppia: assist di Pellegrini, velo di Lukaku e gol di Dybala. Lukaku si vede annullare un gol per fuorigioco, poi, nel finale di tempo, chance per il Cagliari con Lapadula che impegna Rui Patricio, poi ottiene un calcio di rigore che, tuttavia, non viene convalidato al Var per un suo step-on-foot. Al riposo il punteggio è sul 2-0. Nella ripresa, fallo di mano di Petagna e calcio di rigore che Dybala trasforma al 52’. Al 58’ arriva il poker di Huijsen che chiude i giochi. Terza vittoria di De Rossi, che guida la Roma al quinto posto con 38 punti.

Il primo match della giornata numero 22 del campionato di Serie A è quello disputato all'Unipol Domus Arena tra Cagliari e Torino. Una sfida che rappresenta anche un’occasione per ricordare Gigi Riva, il leggendario campione del team sardo scomparso qualche giorno fa. Avvio non molto fortunato per il Cagliari, con Sulemana che si fa male subito dopo uno scontro con Linetty. Si prosegue e la prima rete arriva al minuto 23, quando una conclusione vincente di Zapata porta in vantaggio il Torino. Il Cagliari ci prova, ma spreca delle occasioni, poi è ancora il Torino a segnare nel recupero con Ricci (48’). Nel secondo tempo i padroni di casa sfiorano il gol con Petagna e Dossena, poi riescono ad accorciare al 77’ con Viola che dedica il gol a Gigi Riva. Nel recupero Pellegri segna il terzo gol per i piemontesi, ma il Var lo annulla. Si prosegue con Atalanta-Udinese, terminata 2-0 per i padroni di casa. Accade tutto nella prima frazione: De Ketelaere mette al centro per Miranchuk che calcia di prima e porta in vantaggio i padroni di casa. Al 46’, sempre su sponda di De Ketelaere, Scamacca fa il 2-0 con un destro basso e potente. La Dea di Gasperini vince e sale al quarto posto in classifica, mentre l’Udinese rimane a quota 18 punti. Juventus-Empoli: nella prima frazione non accadono azioni degne di nota a parte l’espulsione di Milik che lascia la Juve in dieci al 18’. Al minuto 50 la sblocca Vlahovic che porta avanti i bianconeri. Al 70’, l'Empoli trova il gol del pareggio con Baldanzi: destro radente che sorprende e beffa Szczesny infilandosi all'angolino. Milan-Bologna è terminata 2-2. Al 16’, il match è stato interrotto in segno di solidarietà verso Mike Maignan (numero di maglia 16), in seguito ai cori razzisti rivolti al portiere rossonero durante la scorsa partita a Udine. Ai tifosi è stato richiesto di accendere le torce dei propri cellulari per portare luce nello stadio e contrastare il buio dei pregiudizi. La sfida la sblocca Zirkzee al 29’ portando in vantaggio il Bologna. Verso la fine della prima frazione, tuttavia, arriva il pari di Loftus-Cheek (45’). All’83’, la doppietta di Loftus-Cheek ribalta il risultato e porta il Milan in vantaggio sul 2-1, ma al 90’ il Bologna ottiene un calcio di rigore: Terracciano trattiene vistosamente Kristiansen e il rigore è inevitabile. Orsolini lo esegue perfettamente nonostante l'intuizione di Maignan e fissa il 2-2 finale.

Il turno è continuato con il lunch match della domenica Genoa-Lecce, terminato 2-1 per il Grifone grazie a un bellissimo gol in mezza rovesciata di Ekuban. Il Lecce si porta in vantaggio subito dopo la mezzora con Krstovic: l’attaccante montenegrino prima si fa parare un calcio di rigore da Martinez, poi si fa perdonare con una conclusione da fuori deviata da Vasquez che vale il vantaggio (31’). Nella ripresa, i rossoblù pressano con maggiore determinazione, vanno vicini al pareggio con Malinovskyi che colpisce il palo, poi trovano il pari grazie al colpo di testa di Retegui dopo una traversa su punizione di Gudmundsson (70’). Sei minuti più tardi, Ekuban la ribalta con una conclusione in girata su assist di Retegui dopo la traversa di Vasquez. Finisce 2-1 per il Genoa, 11esimo in classifica con 28 punti, a + 7 sul Lecce. Monza-Sassuolo finisce 1-0. Vince il club brianzolo grazie a un gol realizzato da Colpani al 31’. La gara è caratterizzata da un incidente capitato al quarto d'ora della ripresa, quando un tifoso del Sassuolo è caduto dalla ringhiera dell’area dei supporter emiliani da un'altezza di 3 metri. La partita viene interrotta per 5 minuti, l’uomo viene soccorso e, per fortuna, non ha riportato ferite gravi. La gara rimane equilibrata fino a un quarto d’ora dal termine, quando i neroverdi iniziano a spingere mettendo sotto pressione i padroni di casa. Al 90’, D’Ambrosio salva in extremis su Pinamonti che era andato al tiro. Nei 9 minuti di recupero il risultato non cambia. Pareggio sull’1-1 tra Verona e Frosinone: i padroni di casa partono forte, Folorunsho ci prova di testa, Lazovic con un pallonetto. Bourabia commette fallo su Noslin e per l’arbitro è calcio di rigore che Duda si fa parare da Turati, poi, sulla respinta, Lazovic trova l'esterno della rete. Nel recupero della prima frazione arriva un’altra chance dagli 11 metri e Suslov non sbaglia (48’). Al 58’, il Frosinone trova il pareggio con un colpo di testa di Kaio Jorge. Il Verona va vicino al potenziale 2-1 ma Turati si oppone in tuffo. Kaio Jorge sfiora la doppietta, Cheddira si divora il vantaggio, poi termina 1-1. Pari prezioso per Di Francesco, il Verona raggiunge Cagliari e Udinese a quota 18 punti.

Lazio-Napoli termina senza reti. All’Olimpico, la prima frazione è priva di grandi occasioni, le squadre si studiano senza rischiare: Isaksen fa un tentativo calciando un paio di volte verso la porta di Gollini, ma mancandola. Nella ripresa, Castellanos segna con un gol incredibile: stop di petto dalla distanza e gol con una rovesciata spalle alla porta, ma è in fuorigioco ed è tutto vano. Cataldi e Gaetano creano pericoli, Ostigard salva su Castellanos, poi, nel finale, la Lazio assalta l’area del Napoli, ma Gollini salva lo 0-0 con i pugni sull’angolo di Luis Alberto. Dopo cinque minuti di recupero si conferma lo 0-0 finale. Fiorentina-Inter termina 1-0 per i nerazzurri che si riprendono la vetta della classifica. In avvio occasione per i viola con Nzola che calcia addosso al portiere nerazzurro ma è in fuorigioco. Lautaro intercetta un retropassaggio sbagliato di Quarta, calcia e Terraciano devia sopra la traversa. Nzola segna all’11’, ma il gol è annullato dal fuorigioco, poi Lautaro porta l’Inter in vantaggio tre minuti più tardi, poi Sommer devia oltre la traversa il tentativo di Bonaventura. La ripresa si apre con un’invasione di campo da parte di un tifoso dell’Inter che è corso verso Lautaro Martinez per farsi un selfie con l’argentino, poi viene accompagnato fuori dalla Digos. Arnautovic si vede annullare un gol nella ripresa per fuorigioco di Mkhitaryan. Al 75’, la Fiorentina ottiene un calcio di rigore per un contatto tra Sommer e Nzola: Nico Gonzalez dal dischetto si fa parare dal portiere nerazzurro. L’Inter vince e riacciuffa la vetta della classifica. Buona anche la seconda per Daniele De Rossi, che ha guidato la Roma alla vittoria nel posticipo della 22esima giornata di Serie A all’Arechi. La partita è terminata 1-2, con la Salernitana volenterosa ma colpevole di troppa distrazione. La gara non si sblocca prima dell’avvio della ripresa, quando Maggiore allarga troppo il braccio su un colpo di testa di Cristante in area: per l’arbitro è cacio di rigore che Dybala trasforma nel vantaggio romanista (51’). Al 66’ arriva il raddoppio della Roma, al termine di una giocata rifinita da Dybala per Karsdorp sul cui cross Pellegrini si è inserito e ha segnato il 2-0. Quattro minuti dopo arriva la risposta della Salernitana con il colpo di testa vincente di Kastanos che fissa il punteggio sull’1-2 e da il via a un finale incandescente nella metà campo giallorossa, dove Rui Patricio è costretto a un paio di parate che mantengono il risultato invariato fino al fischio finale. La Roma è quinta con 35 punti, mentre la Salernitana è sempre più ultima con appena 12 punti.

La 21esima giornata di Serie A si è aperta con l’anticipo delle 18:00 tra Roma e Verona. Buona la prima per Daniele De Rossi sulla panchina della Roma: i giallorossi si impongono 2-1 sul Verona e accorciano sulla zona Champions League della classifica. Partita decisa in 6 minuti, tra il 19’ e il 25’: a sbloccare la gara ci pensa Lukaku al minuto 19 con un sinistro vincente su assist di El Shaarawy, poi l’egiziano si inventa un altro assist, questa volta per Pellegrini che scarica una sassata che si insacca sotto la traversa. Nella ripresa, un’incornata di Djuric trova la respinta col braccio largo di Llorente di spalle. Arbitro richiamato al Var e calcio di rigore: dal dischetto lo stesso Djuric calcia alle stelle e spreca. Al 76’ l’Hellas accorcia: Folorunsho calcia dalla distanza, Rui Patricio intuisce, ma si fa sorprendere e non riesce a respingere. Il finale è un assedio gialloblu, ma non basta e la Roma si porta a casa i tre punti che valgono quota 32 punti. Nel secondo anticipo del 21esimo turno di Serie A, il Milan torna a vincere a Udine dopo oltre tre anni battendo 3-2 l’Udinese. Nella prima frazione, il Milan sfiora subito il gol, poi trova il giusto corridoio al 31’, quando Giroud pesca Loftus-Cheek che scarica in rete, trova la deviazione di Kristensen che la rende imparabile per Okoye. La partita viene sospesa dall’arbitro per dei vergognosi cori razzisti provenienti dalla curva friulana e rivolti a Maignan. Appena il gioco riprende l’Udinese pareggia: al 42’, Samardzic si libera di Kjaer e la infila in rete con un gran sinistro. Nella ripresa tantissimi falli e occasioni sprecate da entrambi i lati, poi l’Udinese ribalta la gara: papera di Reijnders e Theo che aprono la strada a Thauvin che beffa Maignan con un mancino sotto la traversa (62’). Al minuto 83, Jovic, entrato da poco, si avventa su un pallone e in tuffo fa il 2-2. Al 93’ il Milan la chiude: angolo di Florenzi, Giroud fa la sponda per Okafor che consegna la vittoria al Milan da due passi. Nella sfida dell’ora di pranzo, il Frosinone batte il Cagliari 3-1 in rimonta. I sardi sbloccano il match al 26’ con Sulemana che realizza il suo primo gol in Serie A, poi Scuffet salva tre volte su Cheddira. Al 64’, Mazzitelli pareggia di testa da centro area, poi Soulé raddoppia con una bellissima punizione dal limite dell’area al minuto 75. Nel finale, Turati salva il risultato sui tentativi di Dossena e Pavoletti, poi il tris di Kaio Jorge in tap-in chiude i giochi al 96’ (assist di Zortea).

Comincia con una vittoria l’esperienza di Davide Nicola sulla panchina dell’Empoli. Il club toscano batte 3-0 il Monza e torna alla vittoria dopo oltre due mesi a secco. Autore del successo empolese è Zurkowski, autore di una tripletta con due gol realizzati nel primo tempo e uno nel secondo. Il centrocampista polacco sblocca al 13’ su tiro-cross di Cambiaghi, poi, al 38’, il copione si ripete per il meritato raddoppio: è ancora Cambiaghi a crossare al centro, Cerri anticipa tutti ma trova la respinta di Sorrentino, poi Zurkowski si avventa in velocità sulla palla e la mette dentro di testa. Al 73’ arriva il colpo di grazia per il Monza: Shpendi calcia in porta, Caldirola respinge ma Zurkowski si avventa e mette a segno la tripletta della vittoria. Nicola riporta a Empoli 3 punti che mancavano da metà novembre. Disfatta pesante per Palladino che rimane a metà classifica. Il Genoa batte la Salernitana in rimonta grazie ai gol di Retegui e Gudmundsson. All’Arechi, Martegani la sblocca dopo appena due minuti portando avanti i padroni di casa, poi Retegui trova il gol del pareggio poco prima del quarto d’ora, ma durante l’esultanza viene colpito da uno snack lanciato dagli spalti. Nella ripresa, Lovato prova di testa ma colpisce il pallone col braccio ed è calcio di rigore che Gudmundsson trasforma dal dischetto regalando tre punti ai suoi. La Juventus batte il Lecce e riesce nel colpaccio di prendersi la vetta solitaria della Serie A. Gli uomini di Allegri si impongono 3-0 sul Lecce al Via del Mare, dove la prima frazione si trasforma in una battaglia a tutto campo in cui si registra il salvataggio di Krstovic sulla testata di McKennie. Il secondo tempo vede i bianconeri aumentare il ritmo e portare a casa tre punti pesantissimi grazie alla doppietta di Vlahovic e al gol di testa di Bremer nel finale. Al 59’, Cambiaso mette al centro per Vlahovic che sblocca con un sinistro velenoso all’incrocio. La Juve cresce e raddoppia sempre con Dusan. Avanti di due gol, la squadra di Allegri blinda gli spazi davanti a Szczesny e chiude la gara con il tris siglato di testa da Bremer al minuto 85. La Juventus vola in vetta.

In occasione della 21esima di Serie A non scendono in campo Napoli, Inter, Lazio e Fiorentina, impegnate nella Supercoppa Italiana in Arabia Saudita. I recuperi delle partite in questione avranno luogo tra il 14 e il 28 febbraio.

Il recupero di Bologna-Fiorentina della 21esima giornata di Serie A si è disputato il 14 febbraio. Il Bologna ha battuto 2-0 la Fiorentina grazie ai gol di Orsolini e Odgaard. Al Dall’Ara, il derby dell’appennino si apre con il vantaggio dei felsinei conquistato da Orsolini al 12’: il centrocampista raccoglie la palla, entra in area, calcia col sinistro e batte Terraciano sul secondo palo. Al 36’, Orsolini raddoppia su punizione, ma il gol viene annullato per fuorigioco di Posh. Nella seconda frazione i rossoblu sfiorano il raddoppio in più occasioni, la Fiorentina si scuote con l’ingresso in campo di Nzola, il quale fa un tentativo di testa, ma il tiro è alto. Al 95’, Lykogiannis conquista palla, cross sul secondo palo dove Odgaard lsi inserisce e scaglia la palla in rete per il 2-0 finale.

La Lazio ha espugnato il campo del Torino 2-0 nel match valido per il recupero della 21esima di Serie A. Nella prima parte della gara, i padroni di casa ci provano con Sanabria che non va oltre il palo. Il Toro crea pericoli dalle parti di Provedel con Bellanova, Ilic e Vlasic. Al contrario, la Lazio fatica a portarsi dalle parti di Milinkovic-Savic. Nella ripresa la Lazio cambia faccia e segna due gol tra il 51’ e il 56’: la prima rete la fa Guendouzi con un diagonale rasoterra che non lascia scampo a Milinkovic-Savic. Cinque minuti più tardi, Cataldi sorprende il portiere granata piazzando la palla nell’angolino basso. Dal 79, la Lazio rimane in dieci per l'espulsione di Gila per somma di ammonizioni. Negli ultimi minuti la Lazio resiste e porta a casa 3 punti pesanti in chiave Europa.

Nel match di recupero della 21esima giornata di Serie A, il Napoli travolge il Sassuolo rifilando sei gol alla formazione neroverde. Al Mapei Stadium, gli uomini di Calzona battono i neroverdi 6-1. Una grande prova per gli azzurri, che in avvio vanno sotto di un gol: al 17’, Racic realizza il suo primo gol in Italia con un piattone dalla distanza che beffa Meret nell’angolino. Al 29’, tuttavia arriva la risposta del Napoli con il pareggio di Rrahamani su assist di tacco di Anguissa. Due minuti dopo inizia lo show di Osimhen: il nigeriamo raddoppia su assist di Politano, poi fa il tris al 41’ ancora servito da Politano, infine, in avvio di ripresa, realizza la tripletta su invito di Kvaratskhelia per il 4-1 al 47’. Quattro minuti dopo, Kvara si inserisce e batte Consigli con il destro, poi fa anche la doppietta che vale il 6-1 al 75’ sugli sviluppi di un corner. Il Napol si porta a -4 dalla zona Europa, mentre il Sassuolo è sempre più in crisi: i neroverdi sono terzultimi con 20 punti e 12 gol subiti nelle ultime tre sconfitte.

Altra netta vittoria per l’Inter, che si impone 4-0 sull’Atalanta nel match valido per il recupero della 21esima giornata. Un successo che vale +12 lunghezze sulla Juventus seconda in classifica. La Dea va vicina al vantaggio con un gol di De Ketelaere, annullato al Var. A questo punto gli uomini di Inzaghi dilagano: sblocca Darmian al 26’, poi Lautaro raddoppia nel recupero del primo tempo con un gran botta dal limite. Il secondo tempo si apre con un rigore fallito dal Toro, ma sulla ribattuta ci pensa Dimarco che fa il 3-0, mentre il poker è affidato a Frattesi, che entra, segna e chiede il cambio per infortunio subito dopo il gol. Terzo 4-0 di fila in campionato per l'Inter, che costringe l’Atalanta a restare al quinto posto con 46 punti.

La ventesima giornata di campionato apre le danze con lo scontro tra Napoli e Salernitana, terminato con il risultato di 2-1. La partita è stata intensa, con la formazione granata che ha resistito bene per 96 minuti, ma alla fine ha ceduto durante il recupero completo quando Rrhamani ha sfruttato una palla libera nel cuore dell'area avversaria per segnare il gol decisivo. Nel primo tempo, Candreva aveva inaugurato il punteggio con un preciso destro a giro dal limite dell'area, con la palla che si era infilata sotto l'incrocio dei pali. Verso la fine della prima frazione di gioco, la Salernitana aveva pareggiato i conti grazie a un rigore trasformato da Politano. Con questa vittoria, il Napoli raggiunge quota 31 punti, superando temporaneamente Atalanta, Lazio e Roma in classifica, e avvicinandosi così alla zona Champions League. Dall'altro lato, la Salernitana rimane ancorata all'ultimo posto con 12 punti, nonostante l'ottima resistenza offerta nella partita. Il match disputato al Marassi tra Genoa e Torino, invece, si è concluso a reti inviolate: i liguri hanno iniziato in modo promettente, sfiorando il vantaggio al 5' con un tiro sul primo palo di Gudmundsson, respinto con bravura da Milinkovic-Savic. Successivamente, i padroni di casa hanno cercato il gol anche con un tentativo da fuori area di Malinovskyi, ma il portiere del Torino ha deviato il pallone in corner. Nella ripresa, il Genoa ha continuato a rendersi pericoloso, soprattutto da calcio d'angolo, con i colpi di testa di De Winter e Vasquez, entrambi parati con sicurezza da Milinkovic-Savic. Poco dopo, il Torino ha creato la sua unica occasione nitida con un colpo di testa di Sanabria su cross di Buongiorno, ma il tentativo è terminato fuori dal bersaglio. Nel finale, Malinovskyi ha cercato la rete da una punizione, ma il suo tiro non ha sorpreso il portiere, confermando l'equilibrio della partita che si è conclusa senza reti. Nello scontro tra Verona ed Empoli, i gialloblu conquistano tre punti cruciali grazie a una rete per tempo di Djuric e Ngonge, superando il Cagliari in classifica e raggiungendo l'Udinese al quartultimo posto. Nonostante il gol di Zurkowski, che segna nel suo secondo esordio con la maglia azzurra, la squadra toscana non riesce a sfruttare la superiorità numerica nel finale dopo l'espulsione di Duda. L'Inter prosegue la sua straordinaria marcia in testa alla classifica con una convincente vittoria per 5-1 contro il Monza, estendendo momentaneamente il suo vantaggio a +5 punti sulla Juventus. La partita è stata sbloccata rapidamente e gestita dalla squadra nerazzurra: Calhanoglu ha trasformato un rigore, assegnato dopo un intervento del VAR per le mani di Gagliardini su un tiro di Lautaro e, subito dopo, è stato lo stesso Lautaro a raddoppiare con un immediato assist di Dimarco. Il Monza ha faticato a entrare in partita, registrando solo un momento di brivido con il gol annullato per fuorigioco di Pessina, arrivato in modo rocambolesco da un calcio piazzato. Tuttavia, questo non ha scalfito il dominio inequivocabile dell'Inter su tutti i fronti. Nel secondo tempo, Calhanoglu ha siglato il terzo gol prima che un rigore concesso per un fallo di Darmian su Mota permettesse a Pessina di ridurre le distanze per il Monza. La speranza della rimonta, tuttavia, è stata subito soppressa dal secondo rigore assegnato all'Inter per un fallo di Akpa Akpro su Frattesi, trasformato con successo da Lautaro. Thuram ha poi chiuso definitivamente i conti nel finale, confermando la supremazia nerazzurra nella partita. È il turno poi di Lazio-Lecce, dove i padroni di casa capitolini hanno dimostrato un grande cinismo con soli due tiri in porta, ma sufficienti per assicurarsi i tre punti da aggiungere in classifica. I meriti vanno Felipe Anderson, bravo a trovare il sorpasso vittorioso al 58esimo minuto, con un destro dritto sotto la traversa di Falcone. Questo successo spinge i biancocelesti temporaneamente al quinto posto con 33 punti, raggiungendo anche la Fiorentina, che però deve ancora giocare la sua partita nel pomeriggio. Per il Lecce, invece, la situazione si complica, rimanendo a 21 punti e allungando a quattro la striscia di partite senza vittorie in campionato.

Giornata buia per il Bologna, sconfitto dal Cagliari per 2-1: Dopo un primo tempo che si conclude in parità, con Orsolini che apre le marcature e Petagna che risponde poco dopo, la ripresa vede un calo dei ritmi e la squadra di Thiago Motta fatica a creare pericoli. Invece, sono i giocatori rossoblù di Ranieri a trovare l'ispirazione per rimontare il risultato grazie a una brillante azione di Wieteska, che provoca l'autorete di Calafiori. Nonostante l'assalto finale degli ospiti, il colpo di vitale importanza arriva per il Cagliari. La partita al Franchi tra Fiorentina e Udinese si conclude in parità, con un risultato finale di 2-2. Un confronto ricco di emozioni e colpi di scena vede l'Udinese prendere il comando con il gol di Lovric, ma nella ripresa la Fiorentina riesce a pareggiare grazie a Beltran. Gli ospiti ritornano in vantaggio con Thauvin, ma nel finale la Viola ottiene anche un rigore che Nzola trasforma. Nonostante il pareggio, la formazione di Italiano si mantiene al quarto posto con 34 punti, ma con soltanto un punto di vantaggio sulla Lazio, ora quinta in classifica. L'Udinese, invece, raggiunge il Cagliari a 18 punti, posizionandosi a un punto dalla zona retrocessione. Il Big match tra Milan e Roma si è concluso con i festeggiamenti casalinghi della formazione di Pioli, grazie ad un 3-1 netto. Dopo il vantaggio ottenuto da Adlin nel primo tempo, i giocatori del Milan iniziano la seconda frazione con il decimo gol in campionato di Giroud, grazie all'assist di Kjaer. La Roma cerca di reagire e riduce le distanze dagli undici metri con Paredes. Nonostante un tentativo di pareggio da parte dei giallorossi con Pellegrini, subentrato al 46', non riescono ad annullare il divario. Nel finale della partita, arriva una vera perla tutta francese: un assist di tacco di Giroud e un tiro fulminante sotto la traversa di Theo Hernandez chiudono definitivamente il match. Nonostante il Milan sfiori il poker colpendo un palo con Musah, il risultato rimane invariato fino al fischio finale dell'arbitro Guida. Vittoria netta anche quella dell’Atalanta contro il Frosinone, un 5-0 che pesa molto sulle spalle della squadra ciociara. Koopmeiners apre le marcature al 8' con una precisione ineccepibile dagli undici metri, seguito da Ederson al 13' che trasforma un cross chirurgico di Ruggeri. Poco dopo, al 14', De Ketelaere colpisce con potenza sotto la traversa sfruttando il passaggio di Marten De Roon. Nella ripresa, la squadra subisce due veloci contropiedi nei primi minuti: il più pericoloso è orchestrato da Walid Cheddira, che supera Carnesecchi, passa a Brescianini, ma il passaggio corto per Gelli viene chiuso da Holm. Al 83', la Dea segna il quarto gol con un cambio di gioco efficace di Pasalic che trova Zappacosta, il quale con un controllo impeccabile batte Turati con un tiro ad effetto. Le sorprese continuano e al 90' è Holm a siglare il quinto gol per l'Atalanta con un tap-in generato dal rimbalzo sulla traversa colpita precedentemente dallo stesso Holm. Va peggio al Sassuolo che ha dovuto incassare il tris bianconero degli uomini di Allegri. La Juventus prende il comando al 15esimo minuto grazie a Vlahovic, che, dopo essere stato servito da Miretti, segna dal limite dell'area, colpendo sotto la traversa. Al 37esimo minuto, il numero 9 raddoppia con una magistrale punizione che termina sotto l'incrocio di destra. Nella seconda metà della partita, il Sassuolo tenta di rientrare in gioco, ma non riesce a trovare la via del gol. All’89’, Chiesa chiude definitivamente la partita sfruttando un errore in fase di costruzione da parte dei neroversi: Locatelli entra in area e serve il numero 7 bianconero, la cui conclusione deviata si trasforma poi in rete.

Giornata numero 19 di Serie A, sono diversi gli esiti interessanti in questo turno dove si sono svolte diverse partite rilevanti in ottica Europa e/o retrocessione. Nell’anticipo di venerdì 5 gennaio il Bologna ha frenato col Genoa, contro il quale non è andato oltre l’1-1. Nella giornata dell’Epifania l’Inter ha proseguito la sua marcia trovando un bel successo contro il Verona, bene anche il Monza che supera il Frosinone per 3-2. Scontro salvezza fra Lecce e Cagliari, che si bloccano reciprocamente con il punteggio di 1-1, mentre il Sassuolo batte di misura la Fiorentina. Si arriva alla giornata di domenica, dove il Milan incasella un successo per 3-0 contro l’Empoli, stesso risultato del Torino sul Napoli, la Lazio batte 2-1 l'Udinese, la Juventus scavalca 2-1 la Salernitana e Roma e Atalanta pareggiano per 1-1.

Il pareggio fra Bologna e Genoa appare giusto sulla base di quanto visto in campo. Il Genoa passa avanti al minuto 20, Gudmundsson va a battere una punizione da posizione defilata e calcia direttamente in porta, Ravaglia è spiazzato e non riesce a opporsi. Per il resto, succede tutto nel finale e precisamente nel recupero. Martinez effettua due parate decisive, ma non può nulla al 95’ quando sugli sviluppi dell’ennesimo calcio d’angolo la palla arriva a Saelemaekers, che rimette al centro per De Silvestri, che si avventa sul pallone per depositare in rete. Al 98’ c’è spazio persino per una traversa di Gudmundsson su punizione. Con questo risultato, il Bologna sale a 32 punti mentre il Genoa, al quarto risultato utile di fila, raggiunge quota 21.

L’Inter apre il 2024 con una vittoria clamorosa contro l’Hellas Verona, un successo che vale il titolo di campione d’inverno e l’allungo a +5 sulla Juventus. Il match viene sbloccato al 13’ dopo una bellissima iniziativa nerazzurra, Mkhitaryan trova l’inserimento in area di Lautaro, che stoppa e beffa Montipò. Nel secondo tempo il Verona pareggia al 74’ con il neoentrato Henry, che tocca con il ginocchio sull’assist di Duda lasciando sul posto Acerbi e Sommer. Le due squadre insistono alla ricerca del gol vittoria e alla fine la spunta l’Inter al 93’, quando su una ribattuta di Montipò Frattesi devia in rete. 2-3 tra Frosinone e Monza in una partita concitata, che si apre al 18’ con il gol di Dany Mota sugli sviluppi di un corner. Il raddoppio brianzolo arriva allo scoccare del 45’ ed è messo a segno da Carboni. Nella ripresa ci sono altri due gol fra il 55’ e il 56’, prima Soulè è sfortunato e si fa autogol nel tentativo di intercettare un pallone al limite dell’area, poi Harroui riceve sulla destra, si sistema il pallone e infila Sorrentino sul primo palo. Al 76’ il match viene risolto da un rigore impeccabile trasformato da Soulè, che mette il pallone da una parte e il portiere dall’altra. Lecce e Cagliari, in cerca di punti preziosi per la propria classifica, non si fanno male e non vanno oltre l’1-1. Il primo gol è poco dopo la mezz’ora ed è a cura di Gendrey, che svetta su Augello sul cross di Oudin da calcio d’angolo. La rete del pari si registra al 68’, quando sulla punizione dalla trequarti di Viola Oristanio si inserisce tra le linee e appoggia in rete, Falcone si oppone ma la palla ha già oltrepassato la linea di porta. Finisce così, un punto a testa per le due formazioni: il Lecce aggancia il Genoa a 21 punti, il Cagliari sale a 15, momentaneamente fuori dalla zona rossa. Al Mapei Stadium si sfidano Sassuolo e Fiorentina in una partita che viene decisa da un solo gol. Succede tutto al nono minuto, Pedersen mette al centro dalla sinistra, Pinamonti apre il piattone e spedisce la sfera alle spalle di Terracciano. Al 19’ viene anche annullato un altro gol al Sassuolo per fuorigioco, cosa che succede anche a inizio ripresa. La Fiorentina ha l’occasione di sbloccarla al 63’ quando l’arbitro assegna un calcio di rigore per un fallo di mano di Ferrari in area, Bonaventura batte il tiro ma Consigli indovina la traiettoria e respinge. Tre minuti più tardi viene annullata una rete anche ai viola per posizione di fuorigioco. Nulla da fare, passa il Sassuolo per 1-0.

Si arriva così alla giornata di domenica, aperta dalla sfida tra Empoli e Milan. I rossoneri passano senza difficoltà, dopo i primi 45 minuti il punteggio è già 2-0. Loftus-Cheek sblocca la gara dopo essersi ritrovato in area tutto solo sull’assist di Leao, poi Giroud raddoppia dal dischetto sul rigore assegnato per un fallo di mano di Maleh sulla rovesciata di Loftus-Cheek. Nel secondo tempo il Diavolo continua a dominare fino a quando non arriva il gol che corona la partita due minuti prima del novantesimo, da calcio d’angolo dell’Empoli Pulisic riparte in contropiede, si fa tutto il campo e scarica per Chaka che infila Caprile. La Lazio è in un momento positivo e lo conferma anche in questa 20esima giornata, dove arriva il 2-1 ai danni dell’Udinese. Apre le marcature Pellegrini su punizione, che batte Okoye sul suo palo con un mancino insidioso al minuto 12. È l’unico sussulto del primo tempo, dove non succede niente di spettacolare. Nella ripresa si torna in parità al 59’ con la punizione di Lovric sfruttata da Walace che sconfigge Provedel. Al 76’ i biancocelesti mettono la testa in avanti con l’inserimento vincente di Vecino su assist di Felipe Anderson, davanti a Okoye l’ex Inter non sbaglia e porta avanti i suoi. Il Torino ottiene un perentorio 3-0 ai danni del Napoli, una partita tutt’altro che semplice che il club granata risolve al meglio. Il primo tempo è combattuto e al 43’ viene sbloccato da una punizione di Ilic che trova la deviazione vincente di Zapata a favorire la conclusione di Sanabria. La ripresa si apre con l’espulsione di Mazzocchi dopo solo cinque minuti, due minuti dopo Vlasic sigla il raddoppio con un tiro dal limite imparabile per Gollini. Al 66’ il Toro cala il tris con la rete di testa di Buongiorno sull’angolo di Lazaro, è il gol che archivia la partita. La Salernitana cade contro una Juventus in grande forma, eppure è la prima a passare in vantaggio al 39’ con la conclusione di prima di Maggiore inarrivabile per Szczesny. Nella ripresa, però, i bianconeri si scuotono e prima pareggiano con Iling Junior al 65’, poi trovano il 2-1 che vale il sorpasso in pieno recupero con Vlahovic. 1-1 fra Roma e Atalanta, un pareggio intenso e ricco di episodi. Koopmeiners porta in vantaggio i suoi dopo otto minuti grazie a un gol di testa di Koopmeiners su assist di Miranchuk, poi Dybala realizza dal dischetto la rete del pareggio. Nel secondo tempo si registrano varie occasioni per Lukaku ed Ederson e un gol annullato a Scamacca, ma il risultato non cambia.

La 18esima giornata di Serie A si apre con la sfida tra Napoli e Monza: la formazione partenopea si è dimostrata costantemente orientata all'attacco, spinta dalle incursioni offensive di Kvara ma frenata dai numerosi interventi decisivi di Di Gregorio. Tuttavia, l'opportunità più significativa è stata per il Monza, con un calcio di rigore assegnato a Pessina, ma Meret è riuscito a parare. Alla fine, le due squadre escono dal campo con un punto ciascuna, ma con sensazioni completamente diverse: una dolce per i brianzoli e un'amara per i partenopei. Nella gara Fiorentina-Monza, il gol di testa realizzato da Ranieri, su assist di Kayode, è risultato decisivo e ha momentaneamente catapultato la Fiorentina nella zona Champions. Dopo un primo tempo privo di emozioni ma con un Torino più propositivo, la Fiorentina è riuscita a prendere il controllo della partita e a capovolgere la situazione a proprio favore. Niente da fare per gli uomini di Juric, che subiscono la seconda sconfitta nelle ultime tre trasferte e ora rischiano di perdere il treno che li porterebbe in Europa. Durante la stessa giornata di campionato, l'Inter si interrompe dopo una serie di quattro vittorie consecutive, trovando un pareggio contro il Genoa in un match che ha regalato poche emozioni. Arnautovic ha sbloccato il risultato al 42', ma i padroni di casa hanno risposto prontamente con la rete di Dragusin. Nella ripresa, le azioni decisive sono state scarse, con un momento chiave al 68' quando Martinez ha salvato su Acerbi. La partita ha vissuto un'interruzione nel primo tempo, durata circa otto minuti, a causa di fumogeni accesi sugli spalti. Un episodio che ha contribuito a rendere la sfida non solo sul campo, ma anche fuori dal terreno di gioco. La Lazio affronta il Frosinone nel quarto match della serata, inaugurando la 18esima giornata di Serie A. I biancocelesti di Maurizio Sarri, dopo la vittoria contro l'Empoli, continuano la loro ascesa in classifica con l'obiettivo di raggiungere la zona europea della graduatoria. In una partita che si è conclusa 3-1 in rimonta contro gli uomini di Di Francesco, il rigore di Soulé è stato contraccambiato da Castellanos, Isaksen e Patric. Dall'altra parte, il Frosinone, dopo aver ottenuto solo un punto nelle ultime cinque gare, continua a faticare nel raccogliere punti per allontanarsi dalla zona calda della classifica. L'Atalanta affronta il Lecce al Gewis Stadium, conquistando la vittoria grazie al gol decisivo di Lookman, che ha siglato un diagonale imparabile dal limite dell'area. Dopo un primo tempo piuttosto equilibrato, entrambe le squadre hanno regalato uno spettacolo avvincente nella seconda frazione di gioco, con il Lecce che ha faticato a creare opportunità di pareggio. Nel finale, Oudin ha cercato di colpire, ma Carnesecchi ha dimostrato le sue doti tra i pali con una respinta di ottima qualità. L'Atalanta si posiziona momentaneamente al sesto posto in classifica, mentre il Lecce, seppur sconfitto, può uscire a testa alta da questa trasferta. L'Udinese trionfa in modo travolgente, riconquistando tutto con un colpo solo, mentre il Bologna sembra una Cenerentola che si è "normalizzata" appena passata la mezzanotte. Tre gol e un dominio evidente: l'Udinese si mostra per la prima volta in una veste così brillante ed efficace, mentre il Bologna, anche se solo per brevi periodi, non riesce a ritrovare la forma che lo aveva portato al quarto posto in classifica. In sintesi, Pereyra si vede come protagonista in tutte le azioni, aprendo le marcature con l'1-0, seguito dallo scatenato Payero che firma il 3-0 dopo una sponda precisa di Lucca per il raddoppio. Proprio Lucca, che in passato aveva la possibilità di trasferirsi al Bologna ma scelse l'Ajax. Il Bologna appare annichilito e non riesce a imporre il proprio gioco, subendo l'aggressività costante di un'Udinese che ottiene la seconda vittoria in campionato e la prima in casa.

Il confronto tra Cagliari ed Empoli si conclude con un pareggio 0-0. Dopo un primo tempo equilibrato ma con scarse opportunità da gol, la seconda metà della partita offre più emozioni, con il Cagliari che prende il controllo del gioco e sfiora il vantaggio in due occasioni significative. Al 67', il VAR annulla un gol che avrebbe portato i sardi in vantaggio, segnalando un fallo in attacco di Pavoletti. Poco dopo, all'82', il numero 10 di casa vede respingersi un calcio di rigore. Da parte dei toscani, è da sottolineare la prestazione di Caprile, che si dimostra decisivo anche nel finale con una parata sul sinistro ravvicinato di Petagna. La Salernitana conquista una preziosa vittoria contro l'Hellas al Bentegodi, dando un nuovo slancio alla corsa per la salvezza. Attualmente quartultima, la formazione granata rinvigorisce notevolmente le proprie ambizioni di permanenza in Serie A: un solo punto dall'Empoli, due da Cagliari e Verona. A decidere la partita è la prima rete in Serie A di Loum Tchaouna (autore di una doppietta in Coppa Italia), che nel finale si fa anche eroe salvando sulla linea un possibile gol del pareggio. L'incontro tra Milan e Sassuolo si è concluso con la prevedibile vittoria rossonera dei ragazzi di Pioli. Dopo un primo tempo poco brillante, durante il quale la squadra di Pioli ha dominato gran parte dei 45 minuti di gioco, la ripresa ha visto un'inversione di tendenza con il Sassuolo che ha iniziato con un'impronta più decisa: Berardi e Toljan hanno impegnato Maignan con due tiri respinti a pugni. La risposta del Milan non si è fatta attendere, al 59esimo minuto Pulisic ha segnato il gol del vantaggio momentaneo e poi definitivo, sfruttando un preciso assist di Bennacer. Il resto della partita è stato meno entusiasmante, con la squadra di casa che ha mantenuto il controllo, interrotto solo occasionalmente da qualche iniziativa di Volpato e Pinamonti che hanno messo alla prova la difesa rossonera. La sfida si è conclusa dopo 4 minuti di recupero, estesi a 5, con il risultato di 1-0 a favore dei Diavoli. Nel big match tra Juventus e Roma, ai bianconeri è bastato il gol di Adrien Rabiot all'inizio del secondo tempo per assicurarsi i tre punti nell'ultimo incontro della 18esima giornata di Serie A. L'acuto del centrocampista francese e la ritrovata solidità difensiva sono risultati determinanti. Dopo due partite in cui la squadra di Allegri aveva incassato almeno un gol, questa volta la Juventus ha superato la Roma e chiude il 2023 a soli -2 dalla capolista Inter. D'altro canto, la squadra di Mourinho non è riuscita a capitalizzare le opportunità, soprattutto nel primo tempo, con un clamoroso palo colpito da Cristante nei primi minuti su sviluppo di un calcio d'angolo, e con un sinistro di Dybala appena fuori target in chiusura di tempo.

Il 17esimo turno di massima serie è cominciato al Mapei Stadium, dove Sassuolo e Genoa si sono affrontati in un confronto teso, con entrambe le squadre desiderose di conquistare punti cruciali per garantirsi una posizione sicura in classifica. Nel primo tempo, i padroni di casa hanno preso il controllo al 28' con una rete di Pinamonti. Laurienté è stato l'artefice dell'azione con i suoi rapidi contropiedi, superando Bani in uno contro uno e servendo Pinamonti per il gol. Nonostante il Genoa abbia cercato di reagire nel secondo tempo, la mancanza di incisività in zona d'attacco ha impedito loro di diventare realmente pericolosi. La partita è stata caratterizzata da un'azione tumultuosa, con due gol annullati e un rigore assegnato al Genoa dal VAR per un tocco di mano di Erlic. Gudmundsson ha poi trasformato il rigore, riducendo lo svantaggio. La Lazio ha ottenuto una vittoria fondamentale contro l'Empoli al Castellani per 2-0. Nonostante il risultato positivo, la gioia è stata leggermente offuscata dalla perdita di Immobile e Luis Alberto a causa di problemi muscolari in soli tre minuti. Il primo gol è arrivato al nono minuto con una giocata di Luis Alberto in area, il cui tiro è stato salvato sulla linea, ma Guendouzi è intervenuto con un preciso sinistro. Il secondo gol è giunto nel secondo tempo al minuto 67, quando Guendouzi ha avviato l'azione, e Zaccagni ha colpito due volte prima che il pallone finisse in rete. La vittoria ha riportato la Lazio nel mix delle squadre di vertice in Serie A. Festeggiamenti anche per la Fiorentina, che ha superato il Monza con un unico gol di Beltran, confermando la loro forma positiva. Italiano ha orchestrato una tattica efficace, sfruttando le qualità della squadra e costringendo il Monza agli errori difensivi. Nonostante un'occasione sprecata da Ikoné, la Fiorentina ha gestito bene la partita, mantenendo la pressione e chiudendo con una vittoria per 1-0. Nel confronto tra Salernitana e Milan, i rossoneri hanno impiegato 17 minuti per portarsi in vantaggio con Tomori. Nonostante il pareggio di Fazio su un calcio d'angolo, il Milan ha concesso spazi alla Salernitana, che ha approfittato con Candreva, portando il risultato sul 2-1. Seppure ci sia stata una scarsa reazione degli ospiti, il gol di Jovic alla fine ha portato al pareggio di 2-2, chiudendo un match intenso e spettacolare.

La Juventus viene messa in difficoltà dal Frosinone al Benito Stirpe, ma la vittoria sfugge ai padroni di casa. Yildiz, esordiente da titolare, apre le marcature mentre Baez segna il gol del pareggio. Nel corso della partita, Szczesny compie parate miracolose su Soulé e Harroui, e McKennie colpisce la traversa. Nel finale, il presunto terzo gol di Vlahovic viene annullato, suscitando una forte reazione di Allegri in panchina. La Juventus ritrova la vittoria, mettendo pressione all'Inter, ora a soli -1 in classifica. Il Bologna supera l'Atalanta con un gol di Orsolini al termine di un'agonia di 86 minuti. Un calcio d'angolo impeccabile, un movimento decisivo di Ferguson e un preciso colpo di testa siglano l'1-0, portando i rossoblu a superare i 31 punti nelle prime 17 giornate. Torino e Udinese dividono i punti all'Olimpico Grande Torino, con un finale emozionante. Il lampo di Zarraga sembra regalare la vittoria al Torino, ma il pareggio voluto di Ilic, con un cross che inganna Silvestri, porta il punteggio sull'1-1. Il Torino resta a 24 punti, in compagnia della Lazio, mentre l'Udinese è coinvolta nella lotta per la salvezza. Nel match tra Hellas Verona e Cagliari, molte occasioni vengono sprecate, ma la partita termina 2-0. Nel primo tempo, il controllo è a favore dei rossoblu, che però mancano di concretezza: Nandez spreca due occasioni, Prati colpisce il palo e Goldaniga segna, ma il gol viene annullato per fuorigioco, mentre Suslov è l'unico a mettere alla prova Scuffet. Nella ripresa, Ngonge rompe l'equilibrio con un preciso sinistro, e il raddoppio arriva al novantesimo con Djuric su rigore, dopo un'azione di Mboula. Anche per l'Inter il 17esimo turno si può ritenere soddisfacente, grazie alla conquista di una vittoria prevedibile ma convincente per 2-0 contro il Lecce, in una partita avvincente e intensa, più di quanto il risultato finale possa suggerire. Bisseck apre le marcature nel primo tempo, segnando così il suo primo gol con la maglia nerazzurra, mentre Barella trova la rete nella ripresa, grazie a un eccellente assist di tacco da parte di Arnautovic. Nonostante il Lecce tenti di rispondere e sfiori il gol, l'espulsione di Banda per proteste mette a rischio la squadra, ma un'eccezionale Falcone evita ulteriori danni. Nell'ultima gara della giornata, la Roma sfrutta appieno il terreno dell'Olimpico e la superiorità numerica nel finale contro il Napoli. Pellegrini apre le marcature con un gol in girata, approfittando dell'espulsione di Politano per un fallo di reazione. L'azione prolungata della Roma vede El Shaarawy cercare la conclusione, ma il suo errore si trasforma in un'opportunità per Pellegrini, che con una girata batte Meret. Nel finale, anche Osimhen viene espulso e la Roma chiude la partita con Lukaku: un rapido contropiede contro un Napoli sbilanciato in avanti, con un preciso cross di N'Dicka che raggiunge Lukaku sul secondo palo, il quale segna battendo Meret.

La 16esima giornata di Serie A si è aperta con l’anticipo a Marassi tra Genoa e Juventus terminato 1-1. Poco prima della mezzora, grazie a un pasticcio di Badelj e Martinez al limite della propria area, Chiesa si procura e trasforma un calcio di rigore, sbloccandosi dopo quasi tre mesi senza segnare. Nella ripresa, la reazione del Grifone arriva con il meritato pareggio di Gudmundsson su assist del neoentrato Ekuban (48’). Le parate di Martinez su Chiesa e di Bremer hanno blindato l’1-1. La Juve infila l’11esimo risultato utile di fila. Lecce-Frosinone è terminata 2-1 per i salentini, che passano in vantaggio dopo dieci minuti: Turati rinvia ma regala la palla a Banda, il quale entra in area e serve Piccoli che segna, complice l’intervento sbagliato del portiere. Poco dopo, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, l’arbitro indica il dischetto per un contatto tra Gendrey e Brescianini, ma dopo il controllo Var annulla tutto. Subito dopo la mezzora, Monterisi viene scalciato da Blin, il Var richiama l’arbitro che assegna il rigore: dal dischetto Kaio Jorge trasforma il penalty segnando il suo primo gol in Serie A. Nel secondo tempo chance da entrambi i lati, poi i padroni di casa passano nuovamente in vantaggio con Ramadani che, da trenta metri, fulmina Turati che si fa passare la palla sotto le braccia (89’). Il Lecce si porta a quota 20 punti in classifica, a +1 sul Frosinone. Napoli-Cagliari è terminata 2-1 per i partenopei. La partita inizia con mezzora di ritardo per problemi legati al forte vento. In avvio di gara il Napoli crea subito delle occasioni con Rrahmani che, su cross di Politano, centra il palo in pieno. Il Cagliari cerca di pungere sulle ripartenze, poi Nandez va vicinissimo al gol. Il Napoli la sblocca nella ripresa grazie a un colpo di testa di Osimhen (69’), ma tre minuti dopo i sardi trovano il pari con Pavoletti su assist del neo entrato Luvumbo. Al 75’, tuttavia, gli azzurri detentori del titolo si riprendono il vantaggio: Osimhen serve Kvaratskhelia che non sbaglia e firma il 2-1. Nel finale il Cagliari sfiora il pareggio, ma alla fine è la formazione di Mazzarri ad aggiudicarsi i tre punti. In serata è andata in scena Torino-Empoli, terminata 1-0 per il Toro. Al 25’ passa in vantaggio il Torino grazie all’incornata di Zapata, servito da Bellanova. Poco dopo Ebuehi trova il pari, ma dopo una lunga revisione il gol viene annullato per fuorigioco. Prima dell’intervallo, altro gol annullato all’Empoli per fuorigioco di Cacace. Nella ripresa, l’Empoli reagisce alla ricerca del pari, ma Milinkovic Savic non si fa sorprendere e il risultato non cambia più.

Si prosegue con il lunch match tra Milan e Monza terminato 3-0 per i rossoneri. Al Meazza, dopo appena tre minuti sblocca Reijnders con una magia, i padroni di casa creano pericoli dalle parti di Di Gregorio con Florenzi in un paio di occasioni, poi fanno il bis con Simic al 41’ su assist di Leao. Prima dell’intervallo Pulisic centra la traversa. Nella ripresa, i brianzoli alzano il ritmo e provano a colpire, ma Maignan salva tutto sul sinistro di Colpani. Al 76’, Okafor cala il tris al termine di una bellissima azione. Finisce 3-0 per il Milan, che si porta al terzo posto in classifica con 32 punti. Contro il Verona, la Fiorentina ottiene una vittoria importante. In avvio di gara, Terracciano perde tempo nel rinvio e atterra Folorunsho che stava pressando: calcio di rigore che lo stesso Terraciano para a Djuric facendosi perdonare per averlo causato (3’). La partita prosegue a ritmi elevati, Ngonge ci prova ma viene murato, poi i viola si vedono annullare il gol di Nzola per un tocco di mano (15’). La partita si sblocca al 78’, quando un'azione convulsa termina con la rete di Lucas Beltran: Ikoné mette il pallone in area, l’ex River calcia, Amione devia e Montipò non può nulla. Finisce 1-0 per la Fiorentina, a quota 27 punti insieme al Napoli, mentre il Verona rimane penultimo con 11 punti. Udinese e Sassuolo non sono andati oltre il 2-2. Al Bluenergy Stadium di Udine succede di tutto: partono meglio gli emiliani, che ci provano con Pinamont e Laurentié, poi è l’Udinese a passare in vantaggio. Al 36’, Pereyra crossa e trova la deviazione da fermo di Lucca per l'1-0. Nella ripresa, Laurienté spreca e l’Udinese trova il raddoppio approfittando di un errore di controllo di Matheus Henrique: Pereyra raccoglie, supera Erlic e fulmina Consigli per il 2-0. Al 59’ arriva la svolta per il Sassuolo: Payero entra malissimo su Erlic, viene espulso e lascia i friulani in dieci. Al 75’, Ebosele atterra Pinamonti e Berardi trasforma dal dischetto accorciando sul 2-1. Poco dopo il copione si ripete, con capitan Berardi che segna il 2-2 finale ancora una volta dal dischetto (fallo di Kabasele su Mulattieri). Punto pesante per il Sassuolo, che in classifica si piazza a quota 16 punti, a +4 sulla terzultima, mentre l’Udinese incassa il quinto pareggio consecutivo e sale a quota 13 punti insieme al Cagliari. Il Bologna ha vinto 2-0 sulla Roma e si è aggiudicato lo scontro diretto per il quarto posto. Al Dall'Ara, in una gara ricca di agonismo e intensità, gli uomini di Thiago Motta hanno sbloccato il risultato al 37’ con un'azione in verticale terminata con la conclusione vincente di Moro su assist di Ndoye. Nella ripresa arriva il raddoppio del Bologna: sponda di Zirkzee, Ferguson si libera sulla destra, poi arriva l’autorete di Kristensen sul tiro-cross. La Roma tenta una reazione con Pellegrini e Belotti, ma non succede niente e il risultato non cambia più. All’Olimpico di Roma, l’Inter batte 2-0 la Lazio. I nerazzurri sbloccano al 40’: papera di Marusic, Lautaro Martinez raccoglie la palla, dribbla il portiere e insacca in porta l’1-0. Il raddoppio arriva al 66’: Barella serve Thuram, diagonale che supera Provedel per il 2-0. All’86’ viene espulso Lazzari per aver rivolto all’arbitro alcune parole di troppo. Finisce 2-0 per l’Inter, che allunga sulle inseguitrici portandosi a quota 41 punti in classifica. Il posticipo del turno tra Atalanta e Salernitana è terminato 4-1 per i bergamaschi. Una vittoria in rimonta per la Dea, che dopo dieci minuti subisce il gol degli ospiti, che passano grazie al colpo di testa di Pirola su calcio di punizione di Candreva. Tuttavia, al secondo minuto di recupero, Muriel trova il pari sugli sviluppi di un corner, poi Dia prova a riportare i campani in vantaggio ma viene murato. Al 52’, l’Atalanta la ribalta con Pasalic: destro nell’angolino basso su assist di Lookman, poi Costil fa un miracolo sulla conclusione di Muriel. Al minuto 83, De Ketelaere cala il tris, mentre Miranchuk arrotonda il punteggio all’89’ mettendo in cassaforte il 4-1 finale. La Dea centra la seconda vittoria di fila in campionato ed è settima con 26 punti, mentre la Salernitana rimane ultima con 8 punti.

La 15esima giornata di Serie A si è aperta con il big match tra Juventus e Napoli, terminato 1-0 per i bianconeri. Gli uomini di Allegri hanno battuto i campioni in carica grazie a un gol di Gatti a inizio ripresa. Il primo tempo è intenso, con occasioni da entrambe le parti: Vlahovic spreca da solo davanti alla porta, mentre Kvaratskhelia a porta vuota calcia clamorosamente sul fondo. A fine frazione, Di Lorenzo calcia a botta sicura, ma Szczesny salva il risultato. Nella ripresa, dopo il palo di Vlahovic, Gatti trova il gol del vantaggio al 51’ con un’incornata su cross di Cambiaso. Il Napoli trova il pareggio al 70’ dopo un rilancio sbagliato di Szczesny, ma il fuorigioco di Osimhen sul colpo di testa di Politano viene segnalato subito. Dopo altri tentativi del Napoli, al triplice fischio vince 1-0 la Juve. Verona e Lazio si annullano e non vanno oltre l’1-1. Al Bentegodi, dopo un inizio di gara in sostanziale equilibrio, la Lazio passa grazie al colpo di tacco dell’ex Zaccagni. Nella ripresa, Felipe Anderson si divora una buona chance, poi Henry pareggia. La Lazio trova il gol del raddoppio con la testata di Casale, ma il Var annulla per una spinta del difensore. Al 77’, Duda ottiene il secondo cartellino giallo e viene espulso lasciando i gialloblu in dieci. Luis Alberto e Pedro ci provano, ma Montipò salva il risultato che rimane sull’1-1. Atalanta-Milan termina con un rocambolesco 3-2. In avvio di gara subito chance per la Dea con De Ketelaere che spreca un’ottima occasione calciando laterale, poi Tomori si divora il vantaggio centrando Ederson sulla linea di porta. I padroni di casa sbloccano il match al 38’, quando il tiro di Lookman trova la deviazione involontaria di Tomori per l’1-0. Nel recupero della prima frazione, i rossoneri rispondono con una rete di testa di Giroud che manda tutti all’intervallo sull’1-1. Nella seconda frazione, la Dea ci prova con Pasalic, poi è la doppietta di Lookman al 55’ a portare i nerazzurri sul doppio vantaggio (assist di De Ketelaere). Maignan è costretto agli straordinari in un paio di occasioni, poi gli uomini di Pioli pareggiano ancora, questa volta con un gol di Jovic (80’). Al minuto 93, il capitano del Milan Calabria viene espulso per aver atterrato Miranchuk, poi, due minuti più tardi, Muriel la chiude segnando di tacco il 3-2 definitivo. L’Inter rifila un poker di reti all’Udinese nel match valido per la 15esima giornata di Serie A. I nerazzurri sfiorano subito il gol, ma Lautaro colpisce il palo di testa, poi Silvestri salva con una grande parata la conclusione di Dimarco. Gli ospiti rispondono con Pereyra, poi, dopo un controllo Var, viene assegnato un calcio di rigore all’Inter per una trattenuta di Perez su Lautaro: dal dischetto Calhanoglu non sbaglia e porta i suoi avanti (37’). Al 42’ arriva il raddoppio di Dimarco, mentre il tris lo segna Thuram due minuti dopo. Al 68’ segna l’Udinese con Lucca, ma il gol viene annullato dal fuorigioco. Il punteggio rimane sul 3-0, poi, all’84’, Lautaro cala il poker insaccando la palla in porta. 4-0 per l'Inter che si gode la vetta della classifica a quota 38 punti.

La 15esima giornata del massimo campionato è proseguita con il pareggio a reti inviolate tra Frosinone e Torino al Benito Stirpe. Pochi i tentativi nel lunch match allo Stirpe, con i ciociari che hanno sfiorato il vantaggio alla mezzora con Garritano, mentre i torinesi ci hanno provato con il sinistro di Ilic che, però, si è stampato sul palo. Il secondo tempo ha visto chance per Zapata da un lato e per Kaio Jorge dall’altro, ma il risultato è rimasto 0-0. Il Monza ha battuto 1-0 il Genoa grazie a un gol di Dany Mota, che ha deciso la sfida in favore dei brianzoli. Una partita molto equilibrata tra brianzoli e liguri. Subito dopo la mezzora, Ciurria porta il Monza in vantaggio, ma il suo gol viene annullato per fuorigioco in avvio di Colombo. Nella ripresa, Messias ci prova da una parte, Pessina dall’altra, poi Retegui si divora l’occasione per il vantaggio. All’83’ i padroni di casa la sbloccano con Mota che devia un cross in porta. La rete decide la sfida e regala tre punti al Monza. Il Bologna espugna lo stadio Arechi, battendo 2-1 la Salernitana con una doppietta di Zirkzee. L’attaccante olandese del Bologna sblocca la gara dopo 9 minuti, abile ad avventarsi sulla respinta di Costil sulla conclusione precedente di Posch. Al 20’ arriva il raddoppio, ancora con Joshua Zirkzee: retropassaggio corto di Lovato, l’olandese supera il portiere e insacca a porta vuota. Al 75’, Simy accorcia le distanze con un piattone su assist di Candreva, ma alla fine è il Bologna a portare a casa i tre punti. Nel finale espulso Fazio dalla panchina. Roma e Fiorentina si annullano e non vanno oltre l’1-1. I padroni di casa partono forte, Lukaku ci prova subito e sblocca dopo 5 minuti con un colpo di testa al termine di una bellissima azione con protagonisti Kristensen e Dybala. Nella ripresa, tuttavia, i giallorossi subiscono il pareggio della Fiorentina, a segno al 66’ con Martinez Quarta, bravo a sfruttare un cross di Kouamé. Nella ripresa, la squadra di casa rimane in 9 uomini per via delle espulsioni di Zalewski (doppio giallo) e Lukaku (intervento pericoloso con il piede a martello su Kouamé). Il risultato rimane 1-1 dopo 7 minuti di recupero. Nel primo posticipo del 15esimo turno, Empoli e Lecce non vanno oltre l’1-1. Un punto a testa nello scontro salvezza al Castellani, dove, dopo, un primo tempo equilibrato, Berisha si fa passare tra le gambe un tiro di Banda dalla distanza, poi l’autogol di Rafia, che beffa Falcone al 71’, decide il pareggio finale. Il portiere salentino salva su Luperto. Quarto pareggio consecutivo per il Lecce. Il turno si chiude con il posticipo tra Cagliari e Sassuolo. Il Cagliari trova il successo nell’ultimo minuto di recupero. In avvio di gara, sblocca il Sassuolo con Erlic al 7’. Nella ripresa, il Cagliari crea poco, poi viene espulso Tressoldi per somma di ammonizioni e, con l’uomo in più, i rossoblu partono all’arrembaggio finale: il pari lo firma Lapadula al 94’, poi, al minuto 99, con una bellissima rovesciata, Pavoletti regala i tre punti ai padroni di casa.

La sfida tra Monza e Juventus all'U-Power Stadium ha aperto la 14esima giornata di Serie A. Nella prima parte della gara, la Juve conquista un calcio di rigore per una trattenuta in area di Kyriakopoulos su Cambiaso. Dal dischetto ci prova Vlahovic, ma Di Gregorio para il rigore (12’), poi si supera sulla respinta ancora sul serbo. Sul successivo calcio d’angolo, la Juve passa in vantaggio grazie al colpo di testa di Rabiot. Dopo diverse occasioni nella ripresa per entrambe le compagini, il Monza spinge e trova il pari nel recupero con il tiro-cross dalla trequarti di Carboni, ma tre giri di orologio più tardi i bianconeri blindano la vittoria grazie a una rete di Gatti che fissa il punteggio sull’1-2 finale. Si prosegue con Genoa-Empoli, terminata 1-1. In avvio di gara i rossoblù si fanno più aggressivi, Messias va alla conclusione, ma non supera la traversa, poi il risultato lo sblocca Malinosky con un gioiello dal limite dell’area (37’). Nella ripresa, mister Andreazzoli fa entrare Cancellieri che, al 67’, riporta tutto in parità con un colpo di testa su assist di Kovalenko. Si prosegue con Lazio-Cagliari: dopo la vittoria in Champions che ha portato la Lazio agli ottavi, i biancocelesti tornano a vincere anche in campionato. Contro il Cagliari, decide tutto una rete di Pedro nella prima frazione: all’8’, Pedro sfrutta l'assist di Lazzari e, a pochi passi dalla linea, la insacca con un facile tap-in che vale l’1-0. Il Cagliari ha giocato per oltre un’ora in dieci a causa dell’espulsione di Makoumbou per una trattenuta su Guendouzi che stava per entrare in area. La Lazio di Sarri sale a quota 20 punti, mentre il Cagliari rimane a quota 10 punti nelle zone basse della classifica. Il Milan batte 3-1 il Frosinone. Succede tutto poco prima del termine della prima frazione, quando Cuni ruba palla a Tomori, poi calcia addosso a Maignan. Sessanta secondi dopo, Jovic la sblocca con un sinistro al volo dall’interno dell’area (43’). In apertura di ripresa arriva il raddoppio del Milan con il gol di Pulisic al minuto 50, poi il tris è opera della conclusione vincente di Tomori al 74’. Il Frosinone accorcia le distanze con una punizione di Brescianini al minuto 82, ma non è sufficiente per riaprirla.

Lecce-Bologna finisce 1-1. Meglio i salentini nella prima parte della partita, mentre i felsinei si fanno vedere solo nel finale del primo tempo con il diagonale insidioso di Ndoye. Nella ripresa il Bologna la sblocca: punizione di Lykogiannis che supera la barriera e si infila sotto la traversa. Pochi minuti più tardi il greco sfiora la doppietta, poi i Ferguson manca il 2-0. Al 98’, calcio di rigore per il Lecce per un entrata fallosa di Calafiori su Falcone: dal dischetto, Piccoli trasforma nell’1-1 finale. Al Franchi, la Fiorentina batte la Salernitana 3-0. Sbocca la gara il gol di Beltran dopo appena tre minuti: calcio di rigore concesso ai viola per un fallo di Fazio su Arthur, l’attaccante argentino dal dischetto firma la sua prima rete in massima serie. Al 17’ arriva il raddoppio di Sottil: destro a giro che scheggia la traversa, sfiora il palo e termina in rete. Il tris viola arriva al 56, quando, su una bella giocata di Duncan, la palla arriva a Bonaventura che finalizza con un mancino chirurgico che vale il 3-0 finale. La Salernitana ci prova con Ikwuemesi, traversa nella ripresa, poi viene graziata dalle parate di Costil. Tra Udinese e Verona al BluEnergy Stadium finisce con un pirotecnico pareggio, l’ennesimo in casa per i padroni di casa. In extremis, nell’ultima azione cardiopalma del match, Henry salva i suoi e punisce di testa la goffa uscita di Silvestri. Una partita incredibile, ricca di gol, errori e agonismo: al 16’, Kabasele segna il primo gol in Serie A e porta l’Udinese in vantaggio. Al 30’, Lucca trafigge Montipò con il destro per il raddoppio dei friulani. Dopo sette minuti, Djuric batte Silvestri, che aveva intuito la traiettoria dal dischetto: Kabasele ha respinto il tiro di Ngonge con le mani. Nel recupero di frazione, Montipò salva coi pugni il tiro potente di Samardzic. Nella ripresa, il pareggio lo firma Ngonge con un autentico gioiello in rovesciata (61’), poi Montipò si immola sul tiro di Pereyra a botta sicura. Al 72’, Thauvin serve Lucca che si alza in volo e incorna di testa il nuovo vantaggio dell’Udinese. Minuto 97: cross di Ngonge per Henry, Silvestri sbaglia l’uscita l'attaccante gialloblu segna di testa il 3-3 finale. Ancora una volta, l'Udinese non riesce a vincere in casa, nemmeno con un vantaggio di due gol.

La Roma espugna il Mapei Stadium di Reggio Emilia, battendo in rimonta il Sassuolo 2-1. Al 26’, i neroverdi sbloccano la sfida: tiro-cross di Berardi per Matheus Henrique che, sul secondo palo, la appoggia in rete. Al 63’ il Sassuolo rimane in dieci per l’espulsione di Boloca per una brutta entrata su Paredes. La Roma si riversa in avanti e si procura un calcio di rigore per un contatto tra Erlic e Kristensen: dagli 11 metri Dybala pareggia (1-1). All’82’ la Roma sorpassa e il Sassuolo incassa il colpo del ko: Dybala innesca Kristensen che tenta la conclusione, la palla trova la deviazione di Tressoldi, pallonetto e Consigli battuto. Finisce 2-1 per la Roma. Il big match tra Inter e Napoli se lo aggiudica l’Inter 3-0. Al Maradona, Politano centra la traversa dopo la mezzora, poi Calhanoglu sblocca il risultato con una conclusione da fuori area al minuto 44. Nella ripresa, il Napoli pressa, ma ad andare a segno è l’Inter, questa volta con Barella che raccoglie l’assist di Lautaro, elude l'intervento di un difensore e scavalca Meret (62’). All’85’, a chiudere il match è il gol di Thuram su assist di Cuadrado. Vincono i nerazzurri che tornano al comando della classifica, a +2 lunghezze sulla Juventus. Nel posticipo del 14esimo turno, il Torino ha battuto perentoriamente l’Atalanta 3-0. Meglio i granata nella prima frazione, che sbloccano la gara al 22’ grazie alla conclusione dell’ex Zapata. Nella ripresa, il Torino domina e fa il 2-0 con Sanabria al 55’ su calcio di rigore procurato da Buongiorno, trattenuto da Scalvini. L’Atalanta ci prova con Pasalic e Miranchuk, ma Milinković-Savić non si lascia sorprendere. Al 95’, Vlasic pesca Zapata, Scalvini difende male e permette a Duvan di firmare la sua doppietta. Vince 3-0 il Torino, che accorcia la classifica e si porta a un solo punto proprio dall'Atalanta.

Dopo la pausa nazionali, il campionato di Serie A riparte dalla tredicesima giornata, iniziata con l’anticipo tra Salernitana e Lazio: all’Arechi, la Salernitana travolge 2-1 la Lazio. Le prime chance della gara sono per i padroni di casa con Candreva e Bohinen, ma Provedel non si lascia sorprendere. Gli ospiti prima reagiscono con Felipe Anderson, poi si portano in vantaggio su calcio di rigore concesso per un fallo di Gyomber su Immobile: dal dischetto il capitano biancoceleste non sbaglia e porta i suoi sull’1-0. Tuttavia, nella ripresa, la Salernitana trova il pari con Kastanos al 55’, poi la ribalta grazie al gol di Candreva che supera Provedel con un destro centrale (67’). Gli anticipi proseguono con Atalanta-Napoli, terminata 1-2 in favore dei partenopei. In avvio succede poco, poi il Napoli la sblocca al 34’ ma il Var annulla: Rrahmani si libera di Scalvini e di testa batte Carnesecchi, ma è in posizione di offside. Al 44’, il Napoli passa in vantaggio: Di Lorenzo per Kvara che di testa fulmina prima Scalvini, poi Carnesecchi. Nel recupero grande chance per Koopmeiners, ma l’olandese viene respinto da Gollini, poi il Napoli spreca la chance per il raddoppio: dribbling di Ederson che, però, perde palla, Carnesecchi in uscita dice no a Zielinski, sulla ribattuta Scalvini svetta e salva su Di Lorenzo. Nella ripresa i padroni di casa trovano il pari con Lookman su assist di Hateboer (53’), poi Pasalic si vede annullare un gol per fuorigioco di Koopmeiners con cui aveva triangolato l’azione finalizzata in rete. Al 79’, i campioni in carica del Napoli riconquistano il vantaggio con Elmas, a segno su assist di Osimhen. Si prosegue con Milan-Fiorentina, terminata 1-0 per i rossoneri. L’avvio di gara è ingessato, poi Pulisic ha la prima occasione, ma Terraciano si tuffa spazza via oltre la traversa. I viola reagiscono con la conclusione a giro di Nico Gonzalez, ma senza successo. Nel recupero di frazione, per un fallo di Parisi su Theo Hernandez, calcio di rigore per il Milan che il francese trasforma nel vantaggio dei padroni di casa. La ripresa si apre con il tentativo di testa di Chukwueze respinto da Terraciano, poi Jovic spreca il possibile raddoppio. Entra in campo Camarda, che con i suoi 15 anni e 8 mesi è il più giovane esordiente nella storia della Serie A. Verso lo scadere dei minuti occasioni per la Fiorentina, l’ultima delle quali è di Maxime Lopez che sfiora l'incrocio. Nel recupero, Maignan salva su una conclusione da vicino di Mandragora. Vince 1-0 il Milan.

Termina 1-1 il match tra Cagliar e Monza. I sardi passano in vantaggio dopo dieci minuti, quando, su angolo di Viola, Goldaniga ci prova di testa ma trova la respinta di Di Gregorio, ma sulla ribattuta Dossena segna. Nella ripresa, Mota centra in pieno la traversa, poi i brianzoli pareggiano grazie al colpo di testa di Maric, appena entrato, al suo primo gol in A. In pieno recupero si registra la traversa di Ciurria. Empoli-Sassuolo termina 3-4. I padroni di casa sbloccano il match dopo 4 minuti con il rigore di Caputo (fallo di Viti su Cambiaghi). Al 12’ Pinamonti trova il pari di testa sugli sviluppi di un calcio d'angolo. Dieci minuti più tardi, il colpo di testa di Matheus Henrique vale il vantaggio degli emiliani (22’). L’Empoli pareggia alla mezzora grazie al destro piazzato di Fazzini che sorprende Consigli. La prima parte della gara termina 2-2, poi, nella ripresa, Berardi riconquista il vantaggio dei neroverdi al 66’ su calcio di rigore assegnato dopo un fallo di Cancellieri su Toljan. A ripristinare la parità al 41’ ci pensa Kovalenko dopo una traversa di Gyasi. Al secondo minuto di recupero finale, sugli sviluppi di una punizione, un cross dalla sinistra favorisce Berardi che calcia in rete, trova la deviazione di Cacace e finisce in rete alle spalle di Berisha. Termina 4-3 per il Sassuolo. Il Frosinone supera 2-1 il Genoa. La gara si sblocca dopo la mezzora, quando Soulè finalizza in rete un'azione propiziata da un errore di Martinez (34’). I ciociari rimangono in vantaggio per appena quattro minuti, poi Frendrup ha la meglio su Malinovski e sorprende Turati con un tiro parabolico. All’intervallo le squadre sono sull’1-1. Nella ripresa, Malinovskyi colpisce la traversa, poi, nell’ultimo istante prima del triplice fischio, Soulé pesca Brescianini, assist per Monterisi che decide lo scontro-salvezza sul 2-1 per i padroni di casa. La Roma batte 3-1 l’Udinese. I padroni di casa la sbloccano al 20’ grazie a un colpo di testa di Mancini. Il primo tempo finisce con i giallorossi in vantaggio. Nella ripresa, Thauvin segna il gol dell’1-1 al 57’, poi la Roma dilaga nel finale: minuto 81, combinazione tra Lukaku e Dybala, che di fronte alla porta non sbaglia e fa il 2-1. A chiudere la gara ci pensa El Shaarawy al 90’, con un tiro a giro impossibile da parare per Silvestri. All’Olimpico la Roma vince 3-1.

A Torino, il derby d’Italia termina 1-1. A sbloccare la gara è la Juventus, che 27’ si porta avanti grazie al gol di Vlahovic che, servito da Chiesa, piazza il pallone alle spalle di Sommer con un destro potente. Al 33’ arriva il pareggio dei nerazzurri: Thuram pesca Lautaro Martinez che anticipa Gatti e battee Szczesny. Nella ripresa, l’eccessivo equilibrio e la scarsità di occasioni bloccano la gara che non si schioda più dall’1-1. Le due squadre sono ancora imbattute da due mesi. Finisce 2-2 il posticipo del lunedì sera di Serie A. Tra Verona e Lecce non si va oltre il pari. I salentini si portano in vantaggio per ben due volte, ma si fanno raggiungere in altrettante occasioni dai veronesi. I gialloblu partono forte, con Ngonge che crea le prima chance della partita, poi Banda va vicino al gol. La rete è solo questione di tempo: a passare in vantaggio è il Lecce, che,alla mezzora, segna con una conclusione potente e ad effetto di Oudin che non lascia scampo a Montipò. Ma il Verona non ci sta e rialza la testa al 41’, quando un errore di Dorgu favorisce il pari di Ngonge su assist di Djuric. Nella ripresa il Lecce torna in vantaggio: al 68’, il tiro di Gonzalez viene deviato da Lazovic ed è 2-1. Dopo nove minuti, gli uomini di Baroni pareggiano con Djuric per il 2-2 finale al minuto 77. L’Hellas sfiora anche il gol partita, ma la doppia parata di Falcone su Ngonge e Duda salva il risultato, poi, nel finale, Piccoli segna ma si vede annullare il gol per fuorigioco. Finisce 2.2, D'Aversa riaggancia il Sassuolo a quota 15 punti, il Verona è penultimo a quota 9. Nel posticipo che ha chiuso questa 13esima giornata di Serie A, il Bologna ha superato il Torino 2-0. Il Bologna parte subito aggressivo, Fabbian sfiora il gol, poi è il Toro a passare alla prima occasione: sinistro dalla distanza di Vlasic sul quale Skorupski non può nulla. Tuttavia, il Var rileva un offside sulla conclusione del croato e l’arbitro annulla. 0-0 all’intervallo. Nella ripresa, Fabbian trova il corridoio vincente per superare Gemello in uscita e segnare facendo esplodere il Dall'Ara. I rossoblù gestiscono il vantaggio senza problemi, poi, al 92’, Zirkzee dribbla tutti e chiude i conti con un rasoterra chirurgico che vale il 2-0 finale.

La dodicesima giornata del campionato di serie A è iniziata con l’anticipo tra Sassuolo e Salernitana: i ragazzi di Inzaghi partono forte e conquistano il vantaggio dopo cinque minuti con Ikwuemesi, servito al bacio sul filo del fuorigioco da Mazzocchi. Al 17’ arriva il raddoppio: Dia viene servito magistralmente da Tchaouna e raddoppia. Al 37’ il Sassuolo alza la testa e accorcia le distanze con Thorstvedt, abile a sfruttare la sponda di Defrel. Nella ripresa, Thorstvedt mette la firma sulla doppietta che vale il pareggio neroverde al 52’, poi il Sassuolo dilaga, ma Ochoa fa miracoli e mantiene il pari invariato negando il gol a Volpato, poi a Laurienté, ancora a Mulattieri e poi a Berardi. La Salernitana è ultima in classifica con 5 punti, il Sassuolo sale a quota 12. Si prosegue con la vittoria del Genoa sul Verona per 1-0. A Marassi, i padroni di casa fanno il gioco nella prima ora, sbloccando il risultato al 44’ grazie al gol di Dragusin, il primo in Serie A. Ekuban colpisce il palo, poi Puscas e Badelj sfiorano il raddoppio. L’Hellas ci prova e sfiora il pari con Terracciano e Djuric, fermati dal palo e da Martinez. Il Grifone si porta a quota 14 punti in classifica, l’Hellas rimane a 8 e incassa la quinta sconfitta consecutiva. La 12esima giornata di Serie A prosegue con Lecce-Milan, terminata 2-2. Al Via del Mare è il Milan di Pioli a sbloccare il risultato al 28’ grazie al gol di Giroud su assist di Theo Hernandez. Al 35’ arriva il raddoppio, con Reijnders che finalizza in rete una bella azione partita dalla metà campo del Milan. L’olandese ci riprova ma viene fermato dal palo. La reazione dei padroni di casa è con Banda, ma Maignan respinge. Al 66’ Sansone la riapre, poi, quattro minuti dopo, Banda trova il pari. Dopo un palo clamoroso del Lecce, il Milan rimane in dieci per l’espulsione di Giroud per eccessive proteste. Al 94’, Piccoli segna il gol da tre punti, ma l’arbitro annulla per un fallo dell'attaccante su Thiaw. La giornata prosegue allo Stadium con la sfida tra Juventus e Cagliari. Dopo un primo tempo senza gol e con poche occasioni, ci prova Viola per il Cagliari, poi Dossena. La Juve risponde con Cambiaso, ma senza successo. Nella ripresa, Chiesa sfiora il gol, ma a segnare di testa è Bremer su punizione di Kostic, poi Rugani raddoppia colpendo prima la traversa, poi ribadendo in rete. In meno di cinque minuti il Cagliari accorcia le distanze: Dossena batte Szczesny di testa, poi ci riprova, ma il palo gli nega il pareggio. Monza-Torino termina 1-1. Partono meglio i granata, con i tentativi di Linetty e Sanabria. Al 24’, Rodriguez trova il gol che, però, viene annullato per fallo di Zapata. Il Monza reagisce con Colpani, Colombo e D'Ambrosio, ma il match non si sblocca prima del 55’, quando il Torino passa in vantaggio con Ilic su assist di Zapata. Dieci minuti dopo i biancorossi trovano il pari con Colpani. Sul finale tentativo di Ilic sul quale salva Di Gregorio.

La giornata numero 12 di Serie A continua con il lunch match Napoli-Empoli terminato 0-1 per i toscani. Al 12’, il Napoli va vicino al gol, ma Berisha compie il miracolo e salva. Poco prima della mezzora, Simeone segna, ma la rete viene annullata per fuorigioco, poi Gollini salva sulla conclusione di Cambiaghi. La ripresa è un susseguirsi di tentativi, ma è l’Empoli a trovare il gol partita nel primo minuto di recupero finale: gran gol di Kovalenko che vale i tre punti. Si prosegue con Udinese-Atalanta, sfida conclusa sull’1-1. I friulani partono forte, ma sprecano un calcio di rigore che Success calcia sul palo. Samardzic non va oltre la traversa, poi Walace calcia da molto lontano, Djimsiti devia con il corpo e beffa Carnesecchi. Nella ripresa occasioni per Zemura e Pereyra, ma il portiere della Dea salva. Nel recupero, Ederson pareggia con un’incornata su assist di Zappacosta (92’). Ultima chance del match per Lookman al 94’, ma la palla esce di poco. Al Franchi, la Fiorentina sfida il Bologna. I padroni di casa passano in vantaggio al 18’ con Bonaventura, poi, alla mezzora, il Bologna pareggia su calcio di rigore concesso per un fallo di mano di Parisi: Zirkzee dal dischetto spiazza Terracciano. Saelemaekers sfiora il gol in più occasioni, poi Orsolini si vede annullare un gol nel recupero per fuorigioco di Ferguson sull’assist. Nella ripresa, la Fiorentina si riporta in vantaggio su rigore assegnato per una trattenuta di Kristiansen su Ikoné: dagli 11 metri Gonzalez fa il 2-1, poi sfiora il tris. Nel finale, Terracciano salva il risultato sulla conclusione di Ferguson. Il derby della Capitale numero 181 tra Lazio e Roma si conclude senza reti. La Roma gioca meglio in avvio, ma Lukaku e Karsdorp peccano di imprecisione. Da un lato Provedel salva su Karsdorp, dall’altro il destro di Luis Alberto non supera il palo, poi Rui Patricio respinge una zuccata di Romagnoli. Nella ripresa stessa storia, poche occasioni, ci prova Vecino ma Rui Patricio non si fa sorprendere, poi Immobile calcia a lato. Le due formazioni si annullano e si dividono la posta in palio. La 12esima giornata si chiude con il posticipo tra Inter e Frosinone, terminato 2-0. Nel primo tempo l’Inter sfiora il vantaggio con Thuram che, però manca di poco la palla. Subito dopo Turati salva su Lautaro, poi i ciociari ci provano con Reinier, ma Darmian non si lascia sorprendere. Al 43’ l’Inter sblocca: Dimarco calcia da 56 metri, il pallone prende una traiettoria incredibile e si insacca sotto la traversa per l’1-0. Il raddoppio nerazzurro arriva nella ripresa, con Calhanoglu su rigore. A inizio ripresa, Okoli scivola e lascia che Thuram si involi verso la porta, il francese entra in area, si libera di Marchizza ma viene messo ko da Monterisi. L’arbitro indica il dischetto da quale Calhanoglu non sbaglia. Dumfries e Darmian sfiorano il tris, mentre il Frosinone viene fermato dalle parate di Sommer. Finisce 2-0 per l'Inter.

L’undicesima giornata del campionato di serie A si è aperta con l’anticipo del venerdì tra Bologna e Lazio allo stadio Dall’Ara, dove i padroni di casa hanno vinto grazie a un gol di Ferguson in avvio di ripresa: servito da Zirkzee, lo scozzese si presenta davanti a Provedel e lo supera. La Lazio costruisce poco durante la ripresa, non trova il gol del pari e lascia i tre punti agli emiliani che conquistano la zona Europa in classifica. Il turno prosegue con Salernitana-Napoli, terminata 2-0 per gli azzurri. Il derby campano vede una Salernitana aggressiva in avvio, ma nonostante le occasioni create è il Napoli a sbloccare la gara grazie a una conclusione vincente di Raspadori al 13’, che sfiora il bis subito dopo ma viene murato da Ochoa. Nella ripresa Politano non va oltre il palo, poi ci provano sia Zielinski sia Di Lorenzo. Al minuto 82 arriva il raddoppio del Napoli con il gol di Elmas che chiude i giochi. Il Napoli è quarto ì, la Salernitana è ancora ultima. Atalanta-Inter finisce 1-2 per gli ospiti. Al Gewiss Stadium di Bergamo, i padroni di casa ci provano subito con Djimsiti e Scalvini. Al 40’, Calhanoglu sblocca la gara e porta l’Inter in vantaggio trasformando un calcio di rigore assegnato per un fallo di Musso su Darmian. Nella ripresa, Lautaro si vede annullare un gol di testa per fuorigioco, poi il raddoppio lo trova sempre l’argentino al minuto 57. Pochi minuti dopo, Scamacca riporta in gara la Dea (61’), poi i bergamaschi impegnano Sommer, mentre Musso deve bloccare un tentativo di Dumfries: Nel finale l’Atalanta rimane in dieci per l'espulsione di Toloi per somma di ammonizioni. L’Inter è primo in classifica con 28 punti, a +9 sull’Atalanta. L’Udinese espugna San Siro per 1-0. I friulani rendono le cose difficili ai milanesi, ci provano Reijnders e Calabria, poi Pereyra che da buona posizione manda oltre la traversa. La ripresa si apre con un calcio di rigore in favore della formazione di Cioffi (fallo di Adli su Ebosele): dal dischetto Pereyra trasforma nell’1-0 friulano. Success sfiora il raddoppio, ma Maignan salva in tuffo, poi grande chance di testa per Giroud, ma Silvestri fa il miracolo e salva. I rossoneri pressano, il recupero si trasforma in un assedio del Milan, ci prova Florenzi ma Silvestri devia oltre la traversa, poi Leao ci prova da fuori, niente di fatto. Finisce 0-1 tra i fischi della curva rossonera.

Il lunch match Verona-Monza termina 1-3. Al 9’ gli ospiti centrano il palo con Marì, poi Dawidowicz deve abbandonare il campo per un problema muscolare. Al 32’ il Verona sfiora il vantaggio con Duda, poi è il Monza a trovarlo: contropiede di Colpani che innesca Colombo, il cui diagonale fulmina Montipò (41’). Nella ripresa gli ospiti raddoppiano con la doppietta di Colombo realizzata al 73’ con un sinistro micidiale. Il tris brianzolo lo segna Caldirola all’84’ con un’incornata vincente che vale il 3-0. Due minuti dopo, Folorunsho accorcia le distanze segnando su assist di Ngonge con deviazione di Marì. Vincono i lombardi che salgono a 16 punti in classifica, mentre la squadra di Baroni non vince da ben 9 giornate. Il Cagliari batte 2-1 il Genoa. Luvumbo sblocca la gara al 40’, ma l’arbitro annulla per fallo. La gara si sblocca nella ripresa, quando il neoentrato Viola la insacca nell’angolino con un tiro perfetto (48’). Il Genoa trova il pari tre minuti dopo con Gudmundsson, ma i sardi si riportano avanti al 69’, quando Zappa beffa Martinez sul primo palo su assist di Petagna. Il Genoa continua a provarci fino alla fine, ma la gara termina 2-1 per la squadra di Ranieri, alla sua seconda vittoria di fila in casa. Alle 18 hanno giocato Roma e Lecce all’Olimpico. La Roma ha battuto il Lecce 2-1 con un gol nel recupero finale. La gara si apre con un rigore per la Roma causato da un tocco di mano in area di Baschirotto. Dagli 11 metri Lukaku si fa parare il tiro da Falcone (5’). Il primo tempo si conclude 0-0. Al 72’ sblocca il Lecce nonostante le numerose occasioni per i giallorossi: Almqvist batte Rui Patricio con un sinistro sul primo palo. Nei minuti di recupero la Roma riesce a rimontare: al 91’ Azmoun trova il pareggio di testa, poi Lukaku si fa perdonare al 94’ segnando il gol partita su assist di Dybala. Finisce 2-1 per i giallorossi, che sorpassano la Lazio in classifica a sette giorni dal derby.

Fiorentina-Juventus è finita 0-1. Alla Juventus basta il gol di Miretti nel primo tempo per decidere la partita: Kostic mette al centro per il centrocampista che insacca alle spalle di Terracciano. Gonzalez e Biraghi provano a creare pericoli per i padroni di casa, ma Szczesny non si lascia sorprendere. Nella ripresa, la Fiorentina spinge con Biraghi e Kouamé, ma il muro difensivo della Juve regge. Ci provano anche Parisi e Bonaventura, ma il risultato non cambia. La Juventus espugna il Franchi e rimane in scia all'Inter. Il Frosinone si impone 2-1 sull’Empoli allo Stirpe, dove i padroni di casa vincono grazie a due bellissimi gol. La prima rete la segna Cuni di tacco al minuto 58, mentre il raddoppio lo sigla Ibrahimovic al 74’ finalizzando in rete un’azione spettacolare. All’86’ Caputo accorcia le distanze, poi pareggia due minuti più tardi, ma è in fuorigioco. I ciociari si portano a quota 15 punti, i toscani restano a quota 7. L'11esima giornata di Serie A si conclude con il 2-1 tra Torino e Sassuolo. All’Olimpico di Torino, i padroni di casa vanno subito in vantaggio con Sanabria (5’), ma al 18’ Thorstvedt trova la rete del pari su assist di Berardi. A decidere la sfida è il gol di Vlasic che, entrato al posto di Ricci, va a segno a metà secondo tempo e regala vittoria (la seconda di fila) e tre punti a mister Juric. Toro a quota 15 punti insieme al Frosinone, il Sassuolo rimane a quota 11.

La decima giornata del campionato di Serie A 2023/24 è iniziata nella cornice dello stadio Luigi Ferraris di Genova, dove i padroni di casa si sono imposti per 1-0 sulla Salernitana. I rossoblu di Gilardino partono forte e sfiorano il gol dopo 3 minuti, quando Dragusin ci prova di testa sugli sviluppi di un corner, ma Ochoa si tuffa e respinge, poi Badelj viene fermato dal palo. La partita si sblocca al 35’, quando Gudmundsson trova il vantaggio per i suoi con un tiro dal limite dell’area. Nelle fila campane si registra l’unico tentativo di Dia che, però, non impensierisce il portiere rossoblu. Nella ripresa la Salernitana reagisce, Mazzocchi ci prova su cross basso di Sambia, ma non inquadra la porta. All’85’ il copione si ripete: cross di Sambia sempre per Mazzocchi che centra la traversa di testa. Nel recupero è Dia a provarci per i granata, ma manca la rete. Vince il Genoa che si porta a quota 11 punti, mentre la Salernitana è ultima con 4 punti. Il derby emiliano Sassuolo-Bologna è terminato 1-1. Al Mapei, il Bologna, la cui imbattibilità dura da 9 giornate, sblocca la gara in avvio: al 3’, Zirkzee controlla la palla, dribbla Consigli in uscita, poi appoggia in rete per il vantaggio rossoblu. Il Sassuolo reagisce subito, sfiora il pari con Berardi e Pinamonti, poi lo trova poco prima dell'intervallo grazie al destro dal limite di Boloca, al suo primo gol in Serie A. Nella ripresa la sfida si accende, i neroverdi alzano il ritmo e vanno vicini al gol con Pinamonti ed Erlic, mentre i rossoblu ci provano con Ferguson. Skorupski si supera su Berardi, poi Zirkzee si vede annullare il gol per fuorigioco di Orsolini. Nel finale è ancora il portiere polacco ad essere decisivo sulla conclusione di Volpato dal limite, spazzando via la palla con il piede. Finisce 1-1. La decima giornata prosegue con Lecce-Torino: 0-1 per i granata. Nella decima giornata di Serie A, il Torino torna alla vittoria battendo il Lecce 1-0 al Via del Mare. A decidere la vittoria granata è il gol di Buongiorno al 41’, che insacca la palla su assist di Ricci. Nella ripresa, D'Aversa prova a cambiare tutto, ma senza risultati. Vince il Torino che sale a 12 punti, a -1 dal Lecce. Nel quarto anticipo della 10a giornata di campionato, la Juventus si impone 1-0 sul Verona. Succede tutto al 97’, quando la zampata di Cambiaso regala la vittoria ai bianconeri. Eppure, la partita si era messa male per la Juve, che si era vista annullare due gol dal Var, il primo al 13’ con la conclusione di Kean deviata in rete da Vlahovic, ma invalidata da un fuorigioco millimetrico in avvio di azione, poi con Kean al 53’, colpo di testa annullato per una sbracciata dell’azzurro su Faraoni. Poco prima del triplice fischio, il gol di Cambiaso fa esplodere lo Stadium.

Il Cagliari batte 4-3 il Frosinone in rimonta. Il risultato si sblocca al 23’, quando Soulé beffa il portiere sul primo palo. Poco prima della mezzora, calcio di rigore per il Cagliari per un fallo di mano di Soulé in area: dal dischetto calcia Mancosu, ma il tiro non va oltre la traversa. I ciociari trovano il raddoppio al 37’, quando Soulé sigla la doppietta che vale il 2-0 per il Frosinone. I padroni di casa colpiscono un altro palo con Mancosu di testa al 44’. In avvio di ripresa il Frosinone cala il tris con Brescianini, gol che scatena la reazione del Cagliari. Al 72’, il neo entrato Oristanio fa l’1-3, poi Makoumbou fa il 2-3 quattro giri di orologio più tardi. Al 94’, sugli sviluppi di un corner, Pavoletti pareggia con un’incornata vincente e, due minuti dopo, i sardi la ribaltano: sponda di testa e destro di Pavoletti che vale la vittoria, la prima del Cagliari in questo campionato. Monza-Udinese è finita pari sull’1-1. All’U-Power Stadium, la gara la sblocca Colpani al 27’, inserendosi sul cross di Kyriakopoulos al centro dell’area e anticipando Zemura per l’1-0. Al 66’, su un lancio lungo in area, la zampata di Lucca, subentrato da appena 11 minuti, vale l’1-1. L'arbitro convalida il gol dopo il controllo Var. Il big match tra Inter e Roma se lo aggiudica l’Inter per 1-0. Nonostante siano subito aggressivi, i nerazzurri sbloccano la gara solamente al minuto 80 con Thuram, abile a inserirsi su cross di Dimarco e a buttarla in rete con un tocco micidiale che fa esplodere il Meazza. La Roma corre ai ripari con tre punte, Azmoun al fianco di Belotti e Lukaku, ma è ancora occasione per l’Inter al 90’, con Carlos Augusto che centra in pieno la traversa. L’Inter rimane in testa alla Serie A con 25 punti, la Roma rimane a quota 14. Il secondo big match della giornata tra Napoli e Milan termina 2-2. Succede di tutto, i rossoneri sbloccano al 22’ Giroud che, di testa, batte Meret. Al 31’, è ancora il francese a trovare il raddoppio. In mezzo un gol sbagliato da Politano, che nella ripresa si fa perdonare andando a segno e accorciando le distanze (50’). Tredici minuti dopo arriva il pari di Raspadori. Nel finale il Milan si divora una chance che Calabria non concretizza. I rossoneri sono terzi con 22 punti, mentre il Napoli è quarto a quota 18.

Nel posticipo del decimo turno di Serie A, l’Atalanta batte 3-0 l’Empoli al Castellani. Protagonista indiscusso del match è Gianluca Scamacca, autore di una doppietta e dell’assist per il gol di Koopmeiners. Con questa vittoria l’Atalanta si porta a quota 19 punti in classifica al quarto posto. La partita si sblocca dopo 5 minuti, quando Lookman pesca Scamacca che supera Berisha col tacco, poi colpisce il palo al 16’ e si vede annullare la doppietta tre minuti dopo per un fuorigioco di Koopmeiners. Dopo aver evitato due gol, Berisha deve arrendersi al rasoterra di Koopmeiners, che al 28’ insacca l'assist di Scamacca per il 2-0. Stesso copione nella ripresa, con Scamacca che fa il tris al 51’ e la sua doppietta. L'attaccante sfiora anche la tripletta e colpisce una traversa. L’unico guizzo dei toscani è con Cambiaghi che impegna Musso, ma senza successo. Vince la Dea che sorpassa Napoli e Fiorentina in classifica, mentre l’Empoli è terzultimo con 7 punti. Nell’ultimo posticipo della giornata, la Lazio batte 1-0 la Fiorentina grazie a un rigore trasformato da Immobile al 95’. Nella prima frazione gol annullato e palo di Beltran. Nella ripresa, Terracciano ha fatto miracoli su Castellanos, Felipe Anderson e Luis Alberto, poi, in pieno recupero, l’episodio che cambia il volto del match: fallo di mano di Milenkovic su colpo di testa di Vecino e calcio di rigore che Ciro Immobile trasforma dal dischetto consegnando i tre punti ai suoi che valgono quota 16 punti in classifica, a -1 dalla Fiorentina.

La Serie A 2023/24 è ripartita dopo la sosta per le Nazionali con gli anticipi del nono turno: sabato si sono disputate tre sfide, con il Napoli che ha vinto 3-1 al Bentegodi di Verona grazie al gol di Politano e alla doppietta di Kvaratskhelia. A sbloccare il match al Bentegodi è Politano, che riceve palla da Raspadori al 27’ e sblocca il risultato. Al 43’ arriva il raddoppio di Kvaratskhelia, che fa la sua doppietta al 10’ della ripresa fissando il punteggio sul 3-0. Cinque minuti più tardi l’Hellas accorcia le distanze con il gol del neoentrato Lazovic. Finisce 3-1 per il Napoli, che ha ritrovato il successo dopo la disfatta contro la Fiorentina. Si prosegue con il successo dell’Inter sul Torino per 3-0 con reti di Thuram, Lautaro Martinez e Calhanoglu su rigore. Dopo una prima frazione senza reti, nella ripresa Schuurs si infortuna ed è costretto a uscire in barella. Al 59’, cross di Dumfries per Thuram che controlla, calcia rasoterra e segna. Il raddoppio nerazzurro è di Lautaro, che insacca da distanza ravvicinata sugli sviluppi di un corner. Nel recupero, un fallo di Ilic su Mkhitaryan vale il rigore che Calhanoglu trasforma per il 3-0 finale. L’Inter di Inzaghi torna alla vittoria. In serata, la Lazio di Sarri ha battuto 2-0 il Sassuolo al Mapei Stadium grazie ai gol di Felipe Anderson e Luis Alberto. Succede tutto nella prima frazione della gara, quando Felipe Anderson si inventa un diagonale che beffa Consigli al 28’. Al 35’, il raddoppio laziale lo segna Luis Alberto con una conclusione da due passi. Il Sassuolo prova a reagire nella seconda frazione, ma è la Lazio a sfiorare il tris prima con Cataldi che, però, non va oltre il palo, poi con una conclusione di Vecino. Vince la Lazio di Sarri per 2-0.

Prosegue la nona giornata di Serie A con altre cinque partite. Il lunch match Roma-Monza è finito 1-0 per i giallorossi grazie a un gol di El Shaarawy nel finale. Dopo una prima frazione ingessata, la Roma ha due occasioni con Aouar e Belotti, ma Di Gregorio salva su entrambi. D’Ambrosio viene espulso per doppia ammonizione poco prima dell'intervallo e lascia il Monza in dieci. Nella seconda frazione la Roma prova a sfruttare la superiorità numerica, pressa con Lukaku che, al 73’, centra il palo da buona posizione, poi Azmoun fa lo stesso nel finale. I giallorossi trovano il vantaggio al minuto 91 con una girata di El Shaarawy. 1-0, poi c’è tempo per l’espulsione di Mourinho, che si rivolge verso la panchina del Monza con dei gesti plateali. Il Bologna batte 2-1 il Frosinone. Gli uomini di Thiago Motta partono aggressivi e trovano subito il gol con un tocco sotto porta di Ferguson al 19’, per poi raddoppiare tre minuti più tardi con un colpo di testa di De Silvestri dal limite dell’area. Nella ripresa, il Frosinone riapre la gara, accorcia le distanze con Soulé dal dischetto (calcio di rigore assegnato per fallo di Beukema), ma non basta per pareggiarla. Dopo cinque minuti di recupero, il match finisce con la vittoria del Bologna, al suo ottavo risultato utile consecutivo. Salernitana-Cagliari è terminata 2-2. La prima frazione scorre senza particolari emozioni, i padroni di casa ci provano, ma non trovano una vera e propria chance. Prima della mezzora, Luvumbo va a segno per il Cagliari, ma il gol viene annullato per posizione di fuorigioco. Nella ripresa è sempre Luvumbo a sbloccare il risultato trovando il gol al 79’. Il Torino trova il pareggio poco dopo con Dia (86’). Due giri di orologio più tardi, la formazione di Ranieri torna in vantaggio con il gol di Viola. Nel recupero, per un fallo di mano di Viola, un calcio di rigore per la Salernitana viene trasformato da Dia nel nuovo e definitivo pareggio.

Tra Atalanta e Genoa al Gewiss finisce 2-0 per i padroni di casa. In avvio di gara ci prova subito Scamacca dalla distanza, ma Leali non si lascia sorprendere. Dopo una mezzora di grande equilibrio in campo, al 29’ doppia occasione per la squadra di casa con Scamacca e De Roon: Leali blocca il primo tentativo, poi devia oltre la traversa il secondo. Lookman sfiora il gol, ma il portiere del Genoa si supera ancora. Nella seconda frazione, l’Atalanta sfiora ancora il vantaggio, ma il colpo di testa di Scalvini non va oltre il palo. I nerazzurri pressano, poi Dragusin ci prova per i liguri, ma trova la parata di Carnesecchi. Al 68’ Lookman la sblocca: dopo un check al Var per un possibile fallo di mano, il vantaggio dell’Atalanta viene confermato insieme al gol. Al 95’, Carnesecchi salva su Puscas, poi la Dea raddoppia con un gol di Ederson e chiude sul 2-0. Il big match tra Milan e Juventus è terminato 0-1 per la Juve. A San Siro i ritmi sono elevati sin dalle prime battute. Ci provano Reijnders e Weah, poi, al 14’, occasione per il Milan: Leao mette al centro per Giroud, il francese stoppa e tenta il diagonale, ma Szczesny si allunga e di riflesso nega il gol ai rossoneri. Al 40’ il Milan rimane in dieci per l’espulsione diretta di Thiaw per un fallo su Kean, che poco dopo fallisce di un soffio il gol del vantaggio bianconero. Nella ripresa la Juventus trova il vantaggio con Locatelli al 63’ grazie alla deviazione decisiva di Krunic, poi Mirante salva due volte su Vlahovic e una su Cambiaso. Vince la Juventus che torna a battere il Milan dopo 5 partite.

Il posticipo del lunedì sera tra Udinese e Lecce è terminato pari sull’1-1 al Bluenergy Stadium di Udine. Il Lecce ci prova in avvio, ma non riesce a inquadrare lo specchio della porta con Strefezza, né con Kaba. All’intervallo il risultato è sullo 0-0. Al rientro in campo, Ebosele mette al centro per Success, Baschirotto salva in rovesciata sulla linea e Gendrey mette ko Pereyra. Calcio di rigore che Thauvin trasforma nel vantaggio friulano al 49’. D’Aversa stravolge la sua squadra, inserisce Sansone che si rivela decisivo quando pesca Piccoli, il quale insacca una zampata che vale il pareggio al minuto 83. Banda fallisce il possibile vantaggio e finisce 1-1 al Bluenergy Stadium di Udine. Il Lecce manca la possibilità di salire in settima posizione. Nell’ultimo posticipo del nono turno di Serie A, la Fiorentina cade 2-0 al Franchi contro l’Empoli e si fa raggiungere in classifica dal Napoli, a quota 17 punti. A sbloccare l’incontro è l’Empoli, che dopo 20 minuti passa con Caputo, abile a insaccare con uno scavetto il cross di Grassi. I viola accusano, gli ospiti sfiorano anche il raddoppio con Cambiaghi, poi il bis empolese arriva nei minuti di recupero, quando il cross al bacio di Cancellieri viene intercettato da Caputo che si tuffa e di testa segna il 2-0. L’arbitro convalida, ma il Var annulla il gol per un tocco di mano dello stesso attaccante. Gol annullato. I padroni di casa ci provano nella ripresa, ma senza impensierire Berisha. L’inserimento di Gyasi si rivela decisivo: a meno di dieci minuti dalla fine, l’attaccante trova il raddoppio con una zampata in scivolata su cross di Fazzini. Poco prima del triplice fischio, Destro si divora il 3-0 in contropiede. L’Empoli festeggia la vittoria del derby e sale a quota 7 punti.

L’ottava giornata del campionato di Serie A 2023/24 è cominciata con gli anticipi del venerdì: la prima sfida al Castellani tra Empoli e Udinese termina sullo 0-0. Nella prima frazione si registrano diverse occasioni, ma nessuna delle due squadre riesce a sbloccarla. La squadra di casa segna al 39’ con Caputo, ma il gol viene invalidato dalla posizione irregolare di Baldanzi, autore dell’assist. Al 58’, Cancellieri si procura un rigore, ma il Var annulla la decisione iniziale dell’arbitro. Niente di fatto, le due squadre ci provano fino all’ultimo, ma il risultato rimane 0-0. Il secondo anticipo è Lecce-Sassuolo: la gara si sblocca al 22’ con un calcio di rigore in favore del Sassuolo accordato per un fallo di braccio di Baschirotto in area. Dal dischetto, Berardi trasforma il suo quinto gol in campionato nel vantaggio neroverde. Il Lecce reagisce, al 38’ Krstovic viene fermato dal palo, ma l’azione era comunque invalidata da un precedente fallo dell’attaccante. Nella ripresa il Lecce pareggia: Krstovic sfrutta la sponda di Baschirotto sugli sviluppi di un corner e insacca l'1-1 al 48’. Il Lecce sfiora il raddoppio con Pongracic, ma il croato spreca, poi Strefezza calcia a lato di un soffio. Il Sassuolo sfiora il vantaggio nel finale con Defrel che colpisce laterale di testa. Finisce 1-1 al Via del Mare, i salentini si portano a quota 12, gli emiliani a dieci punti. La giornata prosegue con un altro pareggio: il Bologna rimonta l’Inter a San Siro e chiude la sfida sul 2-2. L’avvio dei padroni di casa è scoppiettante, con Acerbi che la sblocca dopo dieci minuti su corner battuto da Calhanoglu. Due minuti più tardi arriva il raddoppio di Lautaro con un missile dal limite dell’area che vale il 2-0. Il copione della gara sembra deciso, ma al 19’ il Bologna accorcia le distanze: Lautaro trattiene in area Ferguson, l’arbitro viene richiamato al Var e assegna il rigore per i rossoblù che Orsolini trasforma dal dischetto. Il Bologna di Motta inizia a crederci e, in avvio di ripresa, arriva il pareggio: grande assist di Ferguson per Zirkzee che controlla e piazza il pallone alle spalle di Sommer per il 2-2. Girandola di cambi per Inzaghi, Sanchez ci prova e segna allo scoccare dell’ora di gioco, ma il gol viene annullato per offside. L’Inter sfiora di nuovo il vantaggio, ma la conclusione del Toro su calcio d’angolo non ha successo. Finisce pari, l’Inter spreca una chance in casa, il Bologna sale a quota 11 punti insieme alla Roma.

La stracittadina torinese tra Juve e Torino termina con la vittoria 2-0 dei bianconeri. Dopo un primo tempo senza gol, né emozioni particolari, salvo il gol di Kean che viene annullato per fuorigioco al 6’, al 47’ la Juve passa con Gatti, a segno sugli sviluppi di una mischia in corner. Il gol viene inizialmente annullato per segnalazione di fuorigioco, poi viene convalidato dopo un check al Var. Al 62’ la juve raddoppia: incornata di Milik che vale il 2-0, poi Gatti sfiora il 3-0 di testa, ma non inquadra la porta. Il derby della Mole è bianconero. Il Milan espugna lo stadio del Genoa 1-0. I rossoneri partono forte, Okafor, Florenzi e Reijnders ci provano subito, poi Theo Hernandez viene fermato dal palo. Il Genoa chiude gli spazi, il Milan fatica a concretizzare negli ultimi metri. Dopo il primo tempo a reti inviolate, nella ripresa Leao sfiora il vantaggio di testa, ma Martinez salva con una super parata. Dragusin ci prova per il Genoa, complice la deviazione di un difensore del Milan, ma Maignan si distende e salva in corner. Al minuto 87 il Milan passa con Pulisic. Nel recupero finale, Maignan viene espulso per un intervento pericoloso su Ekuban e Giroud lo sostituisce in porta. Rosso anche per Martinez, poi Giroud esce anticipa Puksas bloccando la palla. Finisce 1-0 per il Milan. Il Monza batte 3-0 la Salernitana, andando in vantaggio già al nono minuto con Colpani, abile a fulminare Ochoa con un potente diagonale. Al 18’ i brianzoli raddoppiano: Gagliardini serve Vignati che la piazza in rete sotto le gambe del portiere. Al 73’, i campani provano ad accorciare le distanze, me Dia non va oltre la traversa. Il Monza la chiude nel finale quando un tocco di mano degli avversari si traduce nel calcio di rigore che Pessina trasforma dagli 11 metri. Nel recupero Gagliardini colpisce la traversa. Il Frosinone batte 2-1 il Verona. La gara si sblocca nel recupero del primo tempo, quando Soulè pesca Cheddira che calcia e centra il palo, ma sulla respinta Reinier segna l’1-0 a porta vuota. Al 66’, dopo aver colpito un palo, Soulè firma il 2-0 di testa. Nel recupero gli ospiti accorciano le distanze con Djuric, che al 93’ segna il 2-1 di testa su cross di Tchatchoua. Finisce 3-2 tra Lazio e Atalanta. La Lazio sblocca dopo 5 minuti grazie a un autogol di De Ketelaere, che la tocca dopo il colpo di testa di Luis Alberto sugli sviluppi di un corner. All’11’ arriva il raddoppio con Castellanos, al suo primo gol in Serie A, su assist di Felipe Anderson. Al 33’ l’Atalanta si riporta in gara: cross di Ruggeri, Ederson segna il 2-1 di testa. Al 59’, il gol di Pedro viene annullato per fuorigioco, poi l’Atalanta trova il pari: al 63’, Koopmeiners serve Kolasinac che di testa segna la sua prima rete sul suolo italiano. Al minuto 83 la Lazio torna avanti con Vecino che batte Musso con una conclusione al volo su sponda di Castellanos, poi l’arbitro espelle Sarri per proteste due minuti dopo. L’Atalanta ci prova fino alla fine, ma la gara termina 3-2 per la Lazio.

La Roma batte il Cagliari 4-1. Giallorossi in vantaggio al 19’, quando Spinazzola serve Aouar che, in diagonale, mette la palla in rete e sblocca. Un minuto dopo, Lukaku raddoppia deviando la palla in rete di petto dopo un passaggio di Karsdorp. Dopo 37 minuti la Roma perde Dybala per un problema al ginocchio sinistro. Il tris giallorosso arriva al 51’, con Belotti che supera Scuffet con un bolide rasoterra. Otto minuti dopo è ancora Lukaku a segnare, servito da Paredes, con un piattone sinistro. Prati segna al 72’, ma il Var annulla per offside. Nel finale penalty per il Cagliari per un tocco col braccio di Cristante in area: dal dischetto Nandez non sbaglia e trasforma nell’1-4 finale. Nell’ultimo appuntamento della giornata la Fiorentina batte 3-1 il Napoli al Maradona. Dopo appena 7 minuti, Martinez Quarta colpisce il palo, ma sulla ribattuta Brekalo la infila in rete con un tunnel tra le gambe di Meret. Al 22’ Osimhen pareggia, ma l’arbitro annulla per fuorigioco di Olivera. Prima dell’intervallo, rigore per il Napoli per un fallo di Terracciano su Osimhen, il quale dal dischetto segna l’1-1 al 50’. Nella ripresa, i viola si portano ancora in vantaggio con Bonaventura, che da solo nel cuore dell’area la insacca nell’angolino. Al 93’, la chiude Nico Gonzalez segnando il gol del 3-1 finale su assist di Parisi.

La settima giornata del campionato di Serie A 2023/24 si è aperta con la vittoria 4-0 del Napoli sul Lecce al Via del Mare. I partenopei passano in vantaggio al 16’, con Ostigard che mette la testa sulla punizione di Zielinski e sblocca. Krstovic e Pongracic ci provano per i salentini, poi, nella ripresa, entra Osimhen che raddoppia subito: cross di Kvaratskhelia, colpo di testa del nigeriano, la palla scheggia il palo ed entra in porta (91’). Al 57’ Strefezza si vede annullare il gol per fallo di mano a inizio azione di Krstovic. Il tris azzurro lo firma il neo-entrato Gaetano su assist di Raspadori, poi chiude il match il gol di Politano al 94’, che dal dischetto trasforma un rigore assegnato per un fallo di Ramadani su Gaetano. Alle 18:00 si è giocata Milan-Lazio, finita 2-0. Dopo un primo tempo senza reti, si fa vedere Felipe Anderson, ma le chance migliori sono del Milan, che si rende pericoloso con Leao, Giroud e Reijnders che colpisce il palo prima dell’intervallo. Nella ripresa, Leao mette al centro per Pulisic che si libera e segna col sinistro, Provedel devia la palla ma non è sufficiente. Al minuto 88, ancora su assist di Leao, Okafor raddoppia le marcature rossonere. Pedro si vede annullare un gol al minuto 94 per fuorigioco di Immobile. Terzo successo di fila per il Milan, ora a quota 18 punti in classifica insieme all’Inter. In serata c’è stata la sfida tra Salernitana e Inter, con gli ospiti che hanno espugnato l’Arechi per 4-0. Partono forte i nerazzurri, poi i campani alzano la testa ed emergono, ma a sfiorare il gol sono gli uomini di Inzaghi con Sanchez e Dumfries. Dall’altro lato, si fanno pericolosi Cabral e Kastanos. All’intervallo è ancora 0-0. Nella ripresa succede di tutto: l’Inter passa in vantaggio al 63’ con Lautaro che, appena entrato, evita l’intervento di Ochoa e la insacca (assist di Thuram). Tre minuti più tardi segna Legowski, gol annullato per fuorigioco. Al 78’ l’Inter raddoppia con Lautaro su assist di Barella. Minuto 85: il tris nerazzurro lo firma ancora Lautaro, questa volta su rigore concesso per fallo di Lovato su Thuram. Al minuto 89 è ancora l’attaccante argentino dell’Inter a siglare il poker su assist di Carlos Augusto. 4-0, con Lautaro Martínez che diviene il primo giocatore a segnare quattro gol in una partita di Serie A partendo dalla panchina.

Nella sfida dell’ora di pranzo, una tripletta di Orsolini ha portato il Bologna al successo sull'Empoli. Al 22’, grande azione di Orsolini, che prima controlla di tacco, poi si libera di Walukiewicz con uno scavetto e batte Berisha calciando sul primo palo. I toscani reagiscono subito con Maleh che, però, colpisce il palo (24’) con Skorupski battuto. Al 37’ Caputo si vede annullare il gol per fuorigioco di Ebuehi e il primo tempo termina qui. Nella ripresa, l’Empoli prova ad accorciare, ma è di nuovo il Bologna a segnare ancora una volta con Orsolini che, al 66’ e con il sinistro, insacca il 2-0 su assist di Ferguson. Al 92’ Orsolini completa la sua tripletta su assist di El Azzouzi. Finisce 3-0 con il Bologna che ritrova la vittoria al Dall'Ara. Udinese e Genoa non vanno oltre il 2-2. Poco prima del quarto d’ora, Gudmundsson la sblocca: Silvestri sbaglia il rinvio, Frendrup raccoglie e serve il compagno islandese che stoppa, si gira e calcia di potenza trovando il gol. Il pari dei friulani arriva al 23’: cross di Kamara, Haps devia involontariamente la palla al centro, Lucca controlla con la coscia e insacca il suo primo gol in Serie A. Gudmundsson si vede annullare un gol per fuorigioco, poi, al 41’, l’islandese ci riprova e va a segno su assist di Retegui. Nella ripresa, l’Udinese riesce a trovare il 2-2 al 91’ sugli sviluppi si un corner, grazie all’autogol di Matturro. Tre minuti dopo c’è il rosso diretto per Lovric, ma non c’è più tempo: termina 2-2. Termina pari senza gol la sfida a Bergamo tra Atalanta e Juventus. Nella prima frazione la Dea ha il maggior possesso palla, ma mancano le occasioni da gol e la Juventus si difende bene. Nella ripresa, Chiesa ha una buona chance, ma Musso respinge la conclusione. Al 74’, la punizione di Muriel viene deviata in tuffo da Szczesny sulla traversa. Koopmeiners, Ederson e Muriel ci provano nel finale per i padroni di casa, ma il risultato non si sblocca e termina 0-0. In serata, la Roma ha superato 2-0 il Frosinone con reti di Lukaku e Pellegrini. Dopo due chance per i ciociari in avvio di gara, la Roma passa in vantaggio al 21’: Pellegrini serve Dybala, che a sua volta pesca Lukaku che dal limite dell’area non sbaglia. Gli ospiti sfiorano il pari con Cuni che, però, colpisce l’esterno della rete. Nella ripresa la Roma sfiora il raddoppio, poi il Frosinone si rende pericoloso. All’83’, sull’ennesimo assist di Dybala servito su punizione, Pellegrini chiude i giochi fissando il 2-0.

I posticipi del turno hanno visto la vittoria del Monza sul Sassuolo per 1-0 al Mapei Stadium. Laurienté sfiora il gol in avvio, poi Ciurria fa partire un bolide sinistro che viene respinto in modo esemplare da Consigli. Laurienté si divora il vantaggio, poi, a inizio secondo tempo, l'ex Kyriakopoulos ha una chance ma calcia alto. Al 66’ i brianzoli passano in vantaggio con un bellissimo gol di Colombo, che ruba la palla a un avversario sulla trequarti, fugge in dribbling, entra in area e fulmina il portiere sbloccando il risultato. Nel finale, Colombo infila il sinistro nell’angolino, ma è in fuorigioco e l’arbitro annulla, poi Laurienté spreca la rete del pari. Vince il Monza che aggancia proprio il Sassuolo in classifica a quota 9 punti. Finisce con un pareggio senza reti il match tra Torino e Verona. Il Toro parte forte, costringendo Montipò a deviare in corner, poi anche l’Hellas alza la testa e si rende offensiva con Folorunsho e Ngonge. Nel finale di tempo, Lazaro va vicino al gol, ma Montipò si mostra ancora decisivo. Al Bentegodi regna l’equilibrio che non viene intaccato dai cambi effettuati. Verona pericoloso con Faraoni, Torino con l'ex Tameze e con Schuurs che, però, calcia alto. Finisce 0-0, il Torino ha 9 punti, il Verona ne ha 8. Al Franchi, la Fiorentina batte 3-0 il Cagliari e sale a quota 14 punti insieme a Napoli e Juventus. Gli uomini di Italiano disputano un primo tempo brillante, indirizzando la partita già al primo affondo, con Gonzalez che al terzo minuto risolve una mischia a centro area e supera Radunovic portando i viola in vantaggio. Il Cagliari reagisce con Nandez, ma la sua conclusione viene deviata in extremis sulla linea. La Fiorentina pressa e trova il raddoppio al 21’ grazie a un autogol di Dossena su cross di Kayode. Nella ripresa, dopo una traversa colpita da Petagna, è la Fiorentina a dominare in campo, andando anche a segno con Nzola, che nel recupero della partita realizza la sua prima rete in maglia viola e fissa il risultato sul 3-0 finale.

La sesta giornata del campionato di calcio di Serie A 2023/2024 si è aperta all’Allianz Stadium, dove il Lecce ha incassato la sua prima sconfitta in questa stagione contro la Juventus. Gli uomini di Allegri vincono 1-0 grazie al gol di Milik nella seconda frazione. Un tap-in vincente quello di Arkadiusz Milik su assist di Rabiot, dopo l’iniziale respinta della difesa salentina. Grazie a questa vittoria, i bianconeri raggiungono quota 13 punti in classifica, mentre il Lecce di D'Aversa, che all’Allianz ha totalizzato zero tiri in porta, è costretto a frenare dopo cinque risultati utili di fila. Il mercoledì di Serie A ha visto il Milan espugnare il campo del Cagliari per 3-1 dopo una rimonta completata da Okafor, Tomori e Loftus-Cheek. I padroni di casa sbloccano al 29’ con il sinistro di Luvumbo, servito da Nandez. Al 40’ arriva il pareggio del Milan: cross di Pulisic, Radunovic arriva prima di tutti ma non trattiene la palla, Okafor ne approfitta e segna il suo primo gol in maglia rossonera. Al 45’, gli uomini di Pioli rovesciano la sfida: calcio d’angolo, Tomori da due passi la ribalta. Il tris arriva al 60’, quando Pulisic serve Loftus-Cheek che scaglia un tiro che s’infila nell’angolino basso. Il Milan aggancia l’Inter in classifica a quota 15 punti, mentre il Cagliari rimane ultimo con appena due punti raccolti. Trova la prima vittoria in questo campionato l’Empoli, che vince lo scontro salvezza con la Salernitana grazie alla rete di Baldanzi: al 34’, Baldanzi pesca Cancellieri che trova la profondità, il pallone arriva sui piedi di Ochoa e poi nuovamente a Baldanzi, che segna l’1-0 a porta vuota. All’86’, la Salernitana sfiora il pari, ma Cabral non va oltre il palo. Finisce 1-0 per l’Empoli che raccoglie i primi punti della sua stagione. A Verona, l’Hellas perde 0-1 con l’Atalanta. A decidere la vittoria dei bergamaschi è un gol di Koopmeiners al 13’: Lookman innesca De Roon, l’olandese vede l’inserimento di Koopmeiners che, con un destro a incrociare, fulmina Montipò e regala la prima vittoria esterna in campionato all’Atalanta.

A San Siro, il Sassuolo ha battuto in rimonta l’Inter per 2-1. I nerazzurri partono aggressivi, ma gli ospiti si difendono e resistono. Al 46’, Dumfries sblocca con un diagonale chirurgico su assist di Thuram. Nella ripresa arriva il pari del Sassuolo con la rete di Bajrami, poi gli emiliani la ribaltano al 63’ con Berardi. Verso la fine, i neroverdi sfiorano anche il tris con Laurientè. Vince il Sassuolo che infligge la prima sconfitta stagionale all’Inter. Lazio-Torino termina 2-0 all’Olimpico di Roma. Dopo una prima frazione senza reti, in cui il Toro ha concesso poco spazio agli avversari, nel finale di frazione ci provano Vlasic, Casale e Immobile, ma il risultato rimane sullo 0-0. Nella ripresa la Lazio passa: filtrante centrale di Lazzari e deviazione vincente di Vecino. Al 75’ arriva il raddoppio dei padroni di casa con Zaccagni che segna su assist di Felipe Anderson. Nel recupero, un fallo di mano di Hysaj viene controllato al Var, ma non c’è rigore. Torna alla vittoria il Napoli, che batte 4-1 l’Udinese e si riporta a -4 punti dalla vetta della classifica con 11 punti. Vanno a segno tutti i big: al 19’, su calcio di rigore per un contatto tra Ebosele e Kvaratskhelia in area, Zielinski trasforma. Il raddoppio lo segna Osimhen al 39’ su assist di Politano, poi il nigeriano sfiora il tris e la doppietta. Dopo aver colpito il palo due volte, Kvaratskhelia trova la porta e sigla il 3-0 al 74’. L’Udinese accorcia le distanze con Samardzic, ma dopo appena 60 secondi Simeone chiude i giochi segnando il poker azzurro con un colpo di testa.

Il primo posticipo del turno ha visto il pareggio tra Frosinone e Fiorentina allo Stirpe. Sfuma la vittoria per la Fiorentina di Italiano, che contro il Frosinone non va oltre l’1-1 e fallisce l’aggancio al terzo posto in classifica. Un gol di Soulé risponde alla rete iniziale di Nico Gonzalez e fa esplodere lo Stirpe. I viola dominano in campo, il vantaggio è solo questione di tempo e arriva, infatti, al 19’: cross di Duncan e colpo di testa di Nico Gonzalez per l'1-0. Nella ripresa la Fiorentina appare ancora in totale controllo, poi arriva la reazione dei ciociari con Mazzitelli, che costringe Terracciano a deviare in corner. Il pari arriva al 70’, quando il neoentrato Caso si inventa un cross al bacio per Soulé, che si invola e di testa sancisce l’1-1 finale e il brillante avvio di campionato del Frosinone, che finora ha perso solamente contro il Napoli ed è a quota 9 punti in classifica, a -2 dalla Fiorentina. Monza e Bologna non sbloccano il match valido per la sesta giornata di Serie A: 0-0 all’U-Power Stadium, con le due squadre che si vedono annullare un gol a testa. Il gol di testa di Mota al quarto d’ora viene annullato al Var per un fuorigioco millimetrico, mentre la rete di Ferguson viene invalidata da un fallo di Zirkzee in avvio di ripresa. Nel finale si registra l’espulsione di Saelemaekers per eccessive proteste verso l’arbitraggio. Sono 6 i punti in classifica per il Monza, a -1 dal Bologna. Nell’ultimo appuntamento calcistico di questa giornata, il Genoa ha travolto 4-1 la Roma. A Marassi, gli uomini di Gilardino la sbloccano già al 5’ con un bolide rasoterra di Gudmundsson. La Roma trova il pareggio con l’inserimento di testa di Cristante al 22’, ma Retegui riporta avanti i padroni di casa al 45’ con un eurogol che si infila nell’angolino. Nella ripresa la Roma crolla e il Genoa diventa letale: al 74’, il 3-1 arriva sugli sviluppi di corner con Thorsby, poi c’è spazio per il poker all’81’ con il neoentrato Messias, al suo esordio stagionale. La Roma raccoglie 5 punti in 6 partite e viene superata in classifica proprio dal Genoa.

La quinta giornata del campionato di calcio di Serie A 2023/2024 si è giocata nel weekend del 22, 23 e 24 settembre 2023. La giornata è iniziata con l’anticipo tra Salernitana e Frosinone all’Arechi di Salerno, dove, con un gol per tempo, Romagnoli e Cabral hanno decretato l’1-1 finale. La squadra di Di Francesco si vede annullare il raddoppio di Caso per fuorigioco. Si continua con la gara tra Lecce e Genoa. Il match è inizialmente equilibrato, con occasioni specialmente per i salentini con Krstovic, poi il Genoa rimane in dieci subito dopo la mezzora per l’espulsione di Martin per somma di ammonizioni. Il grifone prova a rendersi pericoloso nella ripresa nonostante l’inferiorità, ma il Lecce fa la partita e conquista il meritato vantaggio al minuto 83: il neoentrato Oudin scaglia un potente sinistro dalla distanza che vale l’1-0 finale. La giornata di sabato si apre con Milan-Verona, sfida vinta dai rossoneri per 1-0. Un forte temporale fa slittare il calcio di inizio di circa trenta minuti. Il match si sblocca dopo 8 minuti, quando l’Hellas perde palla nella sua metà campo, Giroud raccoglie e serve in profondità Leao: il sinistro a incrociare del portoghese vale l’1-0 che rimane invariato fino alla fine. Occasioni da entrambe le parti, ma il risultato non cambia più. La giornata prosegue con il poker del Sassuolo sulla Juventus: finisce 4-2 al Mapei Stadium, con i neroverdi che la sbloccano dopo 12 minuti con una conclusione dai 20 metri di Laurienté. La Juve riesce a pareggiare poco dopo grazie a un autogol di Vina, poi il sinistro di Berardi vale il nuovo allungo dei Sassuolo. Al 78’ la Juventus pareggia di nuovo: Chiesa firma il 2-2 su assist di Fagioli. Al minuto 82, Laurienté calcia da lontano, Szczesny respinge sulla testa di Pinamonti che segna il 3-2 per il Sassuolo. Nel finale, il 4-2 è il risultato dell’autorete di Gatti, che sbaglia un retropassaggio e infila il suo portiere che era fuori dai pali. Finisce 4-2 per il Sassuolo.

Termina 1-1 l’incontro all’Olimpico tra Lazio e Monza. Con un gol per parte, le due formazioni decidono l’1-1 nella prima parte della gara: Immobile sblocca e porta in vantaggio la Lazio al 13’ su calcio di rigore concesso per fallo in area di Ciurria su Zaccagni. Al 36’ Gagliardini pareggia per il Monza con un tiro dall'altezza del dischetto che beffa Provedel. Nonostante le occasioni per entrambi, la partita termina 1-1. Quinta vittoria consecutiva in campionato per l’Inter di Inzaghi, che ha battuto 1-0 l’Empoli al Castellani. In avvio di gara, Calhanoglu e Frattesi ci provano, ma Ismajli nega la gioia a Darmian. Thuram si vede annullare un gol per fuorigioco. Nella ripresa la sblocca Dimarco con un sinistro potente, poi Thuram sfiora il raddoppio. Finisce 1-0 per i nerazzurri, primi in classifica. Nel pomeriggio, l'Atalanta ha battuto 2-0 il Cagliari con i gol di Lookman e Pasalic: la Dea fa la partita, Lookman e Zappacosta fanno il pieno di legni nella prima parte della gara, poi Lookman segna a porta vuota dopo la mezzora su assist di De Ketelaere. Al 76’ arriva il raddoppio di Pasalic che segna sul secondo palo l’assist di Muriel. Nel finale, Oristanio colpisce una traversa per i sardi. La Fiorentina vince in trasferta a Udine per 2-0: i friulani partono bene, creano occasioni, ma sono i viola a passare al 31’ con Martinez Quarta che batte Silvestri con un destro nell’angolino su assist di Bonaventura. Nella ripresa l’Udinese costruisce occasioni da gol, ma è la Fiorentina a trovare il raddoppio in pieno recupero con Bonaventura. Si è conclusa 0-0 la sfida Bologna-Napoli, con i campioni d’Italia che falliscono un rigore con Osimhen e frenano in classifica: al 70’, cross di Kvaratskhelia sul quale Calafori, nel tentativo di anticipare Osimhen, tocca col braccio. Per l’arbitro è rigore che Osimhen calcia fuori. La quinta giornata di Serie A si è conclusa con Torino-Roma, sfida serale terminata 1-1. Dopo un primo tempo terminato senza reti, al 58’ Cristante centra il palo, poi Lukaku trova il vantaggio al 68’. Il Torino non ci sta e si riversa in avanti trovando il gol del pareggio al minuto 85: punizione di Ilic sul secondo palo, Zapata si inserisce e, di testa, fulmina Rui Patricio da vicino.

La quarta giornata del campionato di calcio di Serie A 2023/2024 si è giocata tra sabato 16 e lunedì 18 settembre 2023. È iniziata sabato con gli anticipi delle squadre qualificate ai gironi di Champions League 2024/25: Juventus-Lazio è terminata 3-1 per i bianconeri, mentre Inter e Milan si sono sfidate nel primo derby di questa stagione, terminato con uno storico 5-1. Incredibile anche il 2-2 tra Genoa e Napoli. La domenica ha visto il pareggio 0-0 tra Cagliari e Udinese, mentre il Frosinone ha steso 4-2 il Sassuolo nel match di domenica pomeriggio. Monza-Lecce è finita 1-1, Fiorentina-Atalanta 3-2, mentre in serata la Roma ha affondato 7-0 l’Empoli. La quarta giornata di campionato si è conclusa lunedì con i posticipi Salernitana-Torino e Verona-Bologna. Il Toro espugna lo stadio Arechi per 3-0, mentre Verona e Bologna si annullano e finiscono la gara senza reti.

La quarta giornata di Serie A si è aperta con la netta vittoria della Juventus sulla Lazio. La partita, terminata 3-1, è stata un dominio bianconero fin dall’inizio, mentre la Lazio non si è resa mai pericolosa. Dopo dieci minuti arriva il vantaggio di Vlahovic su assist di Locatelli, ma per la sua convalida si rende necessario un lungo controllo al Var. Al 26’, il sinistro di Chiesa sul primo palo vale il 2-0. Nella ripresa la Juve sfiora il terzo gol in un paio di occasioni a distanza ravvicinata, poi la Lazio accorcia: la Juve perde una palla velenosa, Luis Alberto raccoglie e con il destro la infila all’incrocio per il 2-1. Tre minuti dopo, McKennie pesca Vlahovic che, con il destro, inventa un gol da fuoriclasse. Finisce 3-1 con una standing ovation a Vlahovic. L’Inter ha vinto il derby in modo perentorio battendo 5-1 il Milan. A San Siro, gli uomini di Inzaghi hanno conquistato la quinta stracittadina di fila, valida per la quarta giornata. Sblocca dopo appena 5 minuti Mkhitaryan, che devia in rete da pochi passi un assist di Dimarco. Il Milan protesta per una presunta spinta su Thiaw, ma l’arbitro lascia giocare, poi l’armeno sfiora il bis. I ritmi in campo sono elevatissimi, Giroud risponde per il Milan con un diagonale che termina a lato di un soffio. Al primo contropiede l’Inter raddoppia: Dumfries crossa per Thuram che segna infilando la palla all’incrocio dei pali e fa esplodere il Meazza. Il Milan ha riaperto i giochi al 57’ con un guizzo di Leao su assist di Giroud, ma l’Inter è poi scappato trovando il tris con Mkhitaryan che firma la sua doppietta su assist di Lautaro Martinez. Il Milan è in ginocchio, non c'è più partita, poi Hernandez stende in area Lautaro regalando ai nerazzurri il rigore del 4-1 realizzato dall’ex Calhanoglu. Nel finale c’è tempo per il 5-1 di Frattesi che fa volare la capolista Inter al Meazza e in classifica. Dopo la disfatta interna contro la Lazio, il Napoli di Garcia non riesce a tornare alla vittoria. Finisce 2-2 contro il Genoa. I liguri si portano in vantaggio al 40’, grazie al gol di Bani che appoggia in rete da distanza ravvicinata. Nella ripresa, il raddoppio genoano arriva dopo 11 minuti di gioco con Retegui che trova l’angolino su assist di Strootman. Il Napoli non riesce a impostare un gioco lucido, poi rialza la testa al 76’ quando accorcia le distanze con un gol di Giacomo Raspadori servito da Cajuste. Al minuto 84 è stato Matteo Politano, con un gran gol, a evitare il ko ai campioni d’Italia, ripristinando la parità. Inutili i tentativi del Napoli nei cinque minuti di recupero di portare a casa i tre punti.

Cagliari e Udinese non vanno oltre lo 0-0 all’Unipol Domus. Le due formazioni avrebbero delle occasioni per passare in vantaggio, ma il risultato non si schioda dallo 0-0. Tanti rimpianti per i padroni di casa, che vanno vicini al gol con un colpo di testa di Deiola da pochi passi, laterale. Stesso copione poco prima dell’intervallo quando l’incornata finisce alta sopra la traversa. Nel mezzo, il palo di Zito Luvumbo. Il finale vede anche un cartellino rosso per Witieska, che lascia i sardi in dieci al 95’. Gli uomini di Sottil e Ranieri rimandano ancora l’appuntamento con la prima vittoria in campionato. Allo Stirpe, il Frosinone di Di Francesco batte 4-2 il Sassuolo in rimonta. I neroverdi partono meglio e passano dopo appena 7 minuti: Viña pesca Pinamonti che non sbaglia e fulmina Turati. Al 24’ il Sassuolo raddoppia con Pinamonti che trova il terzo gol in quattro gare con una volée su assist di Toljan. Al 48’, Tressoldi mette ko Cheddira e causa un rigore che l’ex Bari trasforma senza problemi. Nella ripresa inizia il dominio dei ciociari con l’uno-due di Mazzitelli, che al 70’ replica il gol di Pinamonti, poi colpisce da terra dopo la deviazione di Thorstvedt cinque minuti dopo. Il Frosinone sfiora anche il poker con Soulé, palo, poi viene graziato dalle parate di Turati. Il 4-2 dei ciociari arriva al 96’, quando Lirola segna a porta vuota su assist di Cheddira. Secondo successo per il Frosinone, che vola a quota 7. Monza-Lecce della quarta giornata di Serie A termina 1-1. Dopo appena tre minuti di gioco il Monza è già sotto di un gol: Krstovic trasforma il vantaggio del Lecce su calcio di rigore (fallo di Caldirola su Almqvist). Il pareggio del Monza di Palladino arriva al 24’ con un gol del solito Colpani sul secondo palo, poi il Lecce rimane in 10 per il cartellino rosso diretto rimediato da Baschirotto al 55’. Al 69’ Carboni segna il gol del vantaggio per il Monza, che però viene annullato per fuorigioco. Al minuto 85, Caldirola ristabilisce la parità numerica in campo per somma di ammonizioni. Finisce 1-1 nonostante i minuti finali siano pieni di occasioni da gol. La Fiorentina torna a vincere battendo 3-2 l’Atalanta in rimonta. A sbloccare il risultato è il gol di Koopmeiners al 20’, aiutato da una deviazione involontaria di Parisi. Il Vantaggio della Dea dura poco, perché i viola si riprendono il possesso palla e pareggia al 35’ con Bonaventura, che raccoglie una sponda di Nico e sfrutta uno spazio lasciato aperto dalla difesa atalantina. Dieci minuti dopo è Scalvini a farsi anticipare da Martinez Quarta, abile a infilare di testa un cross perfetto di Duncan. A inizio ripresa, Lookman approfitta di una distrazione di Brekalo e Dodo per raccogliere un assist di De Roon e pareggiare i conti. A decidere la partita al 75’ è il gol di Kouamé. La Fiorentina si porta a quota 7 scavalcando proprio l’Atalanta, ferma a 6. La Roma di Mourinho scaccia i fantasmi dell’avvio di campionato con una goleada ai danni dell’Empoli. Sono 7 le reti messe a segno dai giallorossi, che vanno subito in vantaggio con Dybala su calcio di rigore assegnato dopo appena 30 secondi (tocco di mano in area di Walukiewicz su cross di Kristensen). Renato Sanches raddoppia i conti di testa portando la Roma avanti di due gol dopo 8 minuti di gioco. Il tris arriva grazie all’autorete di Grassi, poi sul poker giallorosso c’è la firma di Dybala a inizio ripresa: servito da Cristante, il giocatore argentino fredda Berisha con il sinistro facendo esplodere l’Olimpico. Il pokerissimo lo sigla Cristante gelando Berisha con un bolide dalla distanza, poi Lukaku partecipa alla goleada segnando la cinquina in contropiede. A chiudere i conti ci pensa Mancini, con un colpo di testa sugli sviluppi di un corner. Empoli affondato.

I posticipi della giornata hanno visto il Torino espugnare 3-0 l’Arechi contro la Salernitana. I piemontesi si scatenano e travolgono i campani andando a segno già al quarto d’ora: un rimpallo sugli sviluppi di corner favorisce la deviazione da pochi passi di Buongiorno che sblocca il risultato. La Salernitana non risponde e il Toro raddoppia poco prima dell’intervallo: destro a giro di Radonjic dopo una respinta poco convincente di Mazzocchi. Cabral centra un palo poco prima della fine del primo tempo. Paulo Sousa stravolge la squadra, ma i cambi non sortiscono l’effetto desiderato, anzi, è il Torino a calare il tris: deviazione in area di Radonjic che fa la sua doppietta e il 3-0. C’è tempo anche per la tripletta del serbo, ma c’è il fuorigioco su assist di Zapata. Il Torino sale a 7 punti, la Salernitana resta a quota 2. Verona e Bologna chiudono la quarta giornata di Serie A senza gol. Finisce 0-0 a Bentegodi, in un match dominato dall’equilibrio. Poche emozioni e tanto equilibrio in campo, con lo 0-0 che è sembrato il risultato più giusto per quanto mostrato dai giocatori durante il match. Il Verona parte meglio, mostra un buon ritmo di gioco, poi Hien segna, ma la sua marcatura viene annullata per fuorigioco di Bonazzoli in avvio di azione. Il Bologna cresce nella ripresa, creano delle chance con Karlsson che viene murato da Montipò. Nel finale, Ndoye ha un’ottima occasione, ma il tiro è debole. Finisce 0-0.

La terza giornata del torneo di Serie A 2022/23 si è disputata tra venerdì 1 e domenica 3 settembre 2023. La giornata è l’ultima prima dello stop di due settimane previsto per lo svolgimento delle partite delle nazionali. I due anticipi del del venerdì hanno visto le vittorie di Sassuolo e Milan rispettivamente contro Verona e Roma. Bologna-Cagliari è terminata 2-1, mentre Udinese e Frosinone non sono andati oltre lo 0-0. In serata, l’Atalanta ha battuto 3 a 0 il Monza, mentre la Lazio ha espugnato 2-1 il campo del Napoli. Nella giornata di domenica l’Inter ha affondato 4-0 la Fiorentina, Torino-Genoa è finita 1-0, Empoli-Juventus 0-2, mentre il Lecce si è imposto 2-0 in casa contro la Salernitana.

La prima partita della terza giornata di Serie A inizia con Sassuolo-Verona, terminata 3-1. Al Mapei Stadium, il Sassuolo si porta in vantaggio dopo appena 11 minuti grazie al colpo di testa di Pinamonti. L’Hellas risponde con Ngonge, che si vede annullare un gol e poi spreca un’occasione nel finale di frazione. Nella ripresa, il Verona pareggia grazie al mancino di Ngonge, che trova il gol dopo aver dribblato Boloca. I padroni di casa non si arrendono, pressano e trovano il raddoppio al 64’ con Berardi su assist di Laurentié. Al 72’ arriva il tris del Sassuolo, su calcio di rigore assegnato per un fallo di Doig su Berardi: lo stesso Berardi trasforma dal dischetto il 3-1 finale. Nel secondo anticipo, il Milan domina e vince all’Olimpico contro la Roma. I rossoneri dominano nella prima frazione, andando a segno al 9’ su rigore trasformato da Giroud e procurato da Loftus-Cheek (fallo di Rui Patricio). In avvio di secondo tempo, una sforbiciata di Leao regala il raddoppio ai rossoneri (48’) che poi rimangono in dieci per la somma di ammonizioni di Tomori. Al 92’, Spinazzola accorcia le distanze su deviazione di Kalulu, ma non c’è tempo per tentare di trovare il pareggio. Terzo successo di fila per il Milan di Pioli. Bologna-Cagliari termina 2-1, con i padroni che partono meglio, eppure è il Cagliari a passare in vantaggio: al 22’, Zito Luvumbo segna il suo primo gol in Serie A che equivale alla prima rete del Cagliari in questo campionato. Al 30’, Radunovic salva su Karlsson e Zirkzee che sfiorano il pari. Pareggio che arriva al 59’, quando Zirkzee va a segno di prima con un tiro a giro. Al 73’ il Bologna ottiene un calcio di rigore per un fallo di mano di Di Pardo su cross di Kristiansen: Orsolini dal dischetto calcia sulla traversa. Al 90’ il Bologna conquista il vantaggio sugli sviluppi di una punizione: Kristiansen calcia, Radunovic si perde la palla che Fabbian insacca. Al 95’ Zirkzee firma il 3-1, ma il gol viene annullato per fuorigioco. Termina 2-1 per il Bologna. Termina senza reti la partita tra Udinese e Frosinone valida per la terza giornata di Serie A. Tante occasioni durante il match, ma nessun gol da registrare. All’11’, Soulé viene fermato dal palo, poi, al 26’, il Frosinone ottiene un calcio di rigore per fallo di Ferreira su Gelli, ma il Var annulla per fuorigioco di Mazzitelli. Stesso copione per l’Udinese al 45’, con l’arbitro che accorda il penalty per un fallo di Monterisi su Lucca, ma dopo il controllo Var annulla la decisione. Al 50’ l’Udinese si vede annullare un gol perché la sfera era già oltre la linea di fondo. Finisce senza gol. L’Atalanta si impone 3-0 sul Monza. La Dea la sblocca al 35’ sugli sviluppi di un corner, con Ederson che batte Di Gregorio. Al 42’ arriva il raddoppio: palla al centro di Ruggeri, Scamacca di testa raddoppia. Il tris è ancora opera di Scamacca: al 62’, su cross di Koopmeiners, Scamacca controlla e la infila in porta.

La Lazio vince 2-1 al Maradona. Il Napoli parte meglio, crea occasioni con Kvara e Osimhen. Tuttavia, a sbloccare il match sono i biancocelesti, che al 30’ segnano con Luis Alberto su cross di Felipe Anderson. Due minuti dopo gli azzurri pareggiano: Zielinski calcia e Provedel non ci arriva, complice una deviazione. Al 52’ Felipe Anderson parte in contropiede, mette al centro per Kamada che sigla il 2-1 per gli ospiti. Al 68’ gol annullato a Zaccagni per fuorigioco, stesso copione al 72’ per Guendouzi. Il Napoli ci prova, ma il risultato non cambia più. A San Siro, l’Inter travolge 4-0 la Fiorentina e aggancia il Milan in testa alla classifica. Al 24’, Marcus Thuram segna la sua prima rete con la maglia interista: incornata vincente su cross di Dimarco. Al 53’, su assist di Thuram, Lautaro calcia e beffa Christensen, poi, poco dopo, i nerazzurri conquistano un penalty per fallo di Christensen su Thuram: dal dischetto Calhanoglu non sbaglia (58’). Al 73’ doppietta di Lautaro che vale il poker nerazzurro: assist di Cuadrado, destro potente dell’argentino che fissa il risultato sul 4-0. Il Torino batte 1-0 il Genoa in extremis grazie al gol di Radonjic. Dopo un incontro privo di emozioni e chance, il serbo, entrato nella ripresa, si inventa una magia e regala al Toro la prima vittoria di questa stagione al 94’: destro chirurgico che s’infila sotto l’incrocio. La Juventus vince 2-0 al Castellani contro l’Empoli. I bianconeri passano al 24’: sugli sviluppi di un corner, Danilo calcia e batte Berisha, complice una deviazione. Al 37’, calcio di rigore per la Juve provocato da un fallo di Maleh in area su Gatti: dagli 11 metri Vlahovic calcia, ma Berisha blocca in due tempi. Il bis bianconero arriva al minuto 82, quando Milik serve Chiesa che, partito dalla sua metà campo, raggiunge la porta di Berisha, lo supera e sigla il 2-0 finale. Lecce-Salernitana finisce 2-0. Il match si sblocca al 6’: cross di Gendrey, Krstovic anticipa Gyomber e segna con un colpo di testa. Nel finale, la Salernitana si getta in avanti alla ricerca del pari, ma il Lecce si difende. Cabral viene fermato dal palo al 74’, poi si divora il pari al minuto 87 calciando alto da buona posizione. Nel recupero, penalty per il Lecce per un fallo di mano in area di Cabral: dal dischetto Strefezza non sbaglia (97’). Salentini quarti in classifica con 7 punti.

La seconda giornata del campionato di calcio di Serie A 2023/2024 viene disputata tra sabato 26 e lunedì 28 agosto. Si parte con gli anticipi di Atalanta, Milan e Roma, che affrontano rispettivamente Frosinone, Torino e Verona: il Frosinone ha battuto 2-1 l’Atalanta, il Milan ne ha rifilati quattro al Torino (4-1), mentre la Roma ha perso a Verona con il punteggio di 2-1. Monza-Empoli è terminata 2-0, mentre la domenica si è aperta con due pareggi: 2-2 tra Fiorentina e Lecce e 1-1 tra Juventus e Bologna. In serata, la Lazio ha perso 0-1 in casa con il neopromosso Genoa, mentre il Napoli ha battuto 2-0 il Sassuolo. I due posticipi del turno hanno visto il pareggio 1-1 tra Salernitana e Udinese, mentre chiudono la giornata sul 2-0 Inter e Cagliari.

La seconda giornata di Serie A 2023/24 si apre con il colpaccio del Frosinone, che ha sconfitto 2-1 l’Atalanta davanti al proprio pubblico. L’avvio di gara è dei padroni di casa, che partono aggressivi: dopo 4 minuti, Harroui si invola, calcia e batte Musso con un tiro rasoterra. Zapata e Zappacosta provano a rispondere per la Dea, ma non inquadrano la porta, poi arriva il raddoppio dei ciociari: al 24’, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Monterisi anticipa Koopmeiners e insacca il 2-0. Il Frosinone controlla il vantaggio fino all’intervallo senza troppi problemi, mentre Gasperini corre ai ripari inserendo Zortea e De Ketelaere. Nella ripresa l’Atalanta riesce ad accorciare: al 56’, il filtrante di Ederson viene agganciato da Zapata che beffa Cerofolini col destro, poi Scalvini si divora il potenziale pareggio. Nel finale occasione per Scamacca, ma il muro giallazzurro regge: il Frosinone batte 2-1 l'Atalanta allo Stirpe e la raggiunge a quota tre punti. Prima vittoria per il Monza in questo campionato. All’U-Power Stadium, i brianzoli battono 2-0 l'Empoli. Il successo del Monza porta il nome di Andrea Colpani, autore della doppietta vincente. Al 19’ Gagliardini viene fermato dalla traversa, poi il vantaggio arriva poco prima dell’intervallo: Colpani controlla il pallone sul sinistro e beffa Perisan dal limite dell’area spedendo la palla all’incrocio dei pali. Zanetti cambia assetto, gli ospiti si scuotono con Marin che, però, non va oltre la traversa, poi arriva il raddoppio dei padroni di casa: Ciurria serve Colpani in area, cross dalla destra e insaccata di testa per la doppietta che vale il 2-0 al 53’. Inutile il forcing finale dei toscani, vince 2-0 il Monza che sale a 3 punti, mentre rimane a 0 l’Empoli. Nella seconda giornata di Serie A, il Milan mette ko il Torino vincendo 4-1 a San Siro. Una vittoria che vale punteggio pieno per i rossoneri in classifica. La gara si sblocca al 33’, quando Pulisic riceve palla a centro campo da Tomori, accelera e chiude con la rete dell'1-0. Il vantaggio tuttavia dura poco, perché il Toro pareggia tre minuti più tardi con Schuurs (36’). poco prima dell’intervallo i rossoneri si riportano in vantaggio: un cross di Leao viene deviato da Buongiorno con la mano, l’arbitro assegna il rigore che Giroud trasforma senza problemi dal dischetto. Al 48’, Theo Hernandez cala il tris con uno scavetto. Nella ripresa, il Milan archivia subito il match: dopo diverse occasioni non concretizzate, Schuurs atterra nuovamente il nuovo numero 10 del Milan e regala a Giroud il secondo penalty della serata per il 4-1 finale. La Roma cade a Verona e rimane a quota 1 punto nelle prime due giornate. Dopo appena 4 minuti, Duda sfrutta un pasticcio di Rui Patricio per metterci la zampa e fare l’1-0. La Roma reagisce subito, ma la zuccata di Cristante sul corner di Pellegrini si stampa sulla traversa al 10’. al 16’ Pellegrini sfiora il pari, ma dopo una prodezza in area di rigore calcia a lato di un soffio. Dopo la mezzora, i giallorossi hanno un’altra ghiotta occasione, questa volta con il destro a botta sicura di Zalewski, ma Magnani salva tutto a portiere battuto. Pochi istanti prima del duplice fischio, l’arbitro indica il dischetto per un tocco di mano di Hongla, ma il Var annulla la decisione per fuorigioco in avvio di azione. Al quarto minuto di recupero, Smalling e Mancini si fanno attrarre nella metà campo avversaria e Ngonge li punisce in contropiede per il 2-0. Nella ripresa continuano le occasioni per la Roma, prima con El Shaarawy, poi con Mancini, entrambi respinti da Montipò, che due minuti più tardi viene beffato da Belotti che lo anticipa, tocca per Aouar che accorcia le distanze realizzando il suo primo gol in Serie A. Verso la fine, Belotti scavalca Hien che lo atterra, l’arbitro estrae il cartellino giallo, poi lo cambia con il rosso dopo il controllo al Var. Sulla successiva punizione ancora tanta sfortuna per la Roma, con un gioiello di Pellegrini che centra la traversa, sbatte su Montipò ed esce. I minuti di recupero sono 13, durante i quali Aouar avrebbe l’occasione di raddoppiare, ma la sua incornata sfiora soltanto il palo. Al triplice fischio gli scaligeri festeggiano i tre punti.

La domenica all’insegna del calcio si è aperta con Fiorentina-Lecce, terminata sul 2-2. Alla Fiorentina bastano appena 3 minuti per passare in vantaggio con Nico Gonzalez che mette la testa sul corner battuto da Duncan e sblocca. I salentini non reagiscono, i viola ne approfittano: al 24’, Duncan raddoppia incornando di testa in tuffo una palla di Arthur. Lo stesso Duncan centra il palo in pieno al 42’. Nella ripresa, il Lecce cambia completamente faccia e accorcia: al 48’, Rafia ruba palla e segna dalla distanza. Il Lecce è più aggressivo e coraggioso, sfiora il pareggio con Pongracic, poi lo trova al 75’ con il neoacquisto Krstovic: il montenegrino inizia l’azione e la rifinisce di testa per il 2-2 finale. Fiorentina e Lecce sono appaiati a quota quattro punti. Finisce 1-1 tra Juventus e Bologna sotto il diluvio. La prima occasione è per gli ospiti, che ci provano con il destro di Ndoye, ma Perin blocca a terra, poi il Bologna la sblocca: manovra di Zirkzee, che apre la strada a Ferguson per il gol dello 0-1. Gli emiliani si chiudono e controllano il vantaggio fino al fischio dell’intervallo. Nella ripresa, la Juve prova a chiudere il Bologna nella propria metà campo. Il risultato è il gol di Vlahovic su sponda di Bremer, ma l’arbitro annulla per presunto fuorigioco di Rabiot. Poco dopo ci prova Weah dalla distanza, ma senza successo. Allegri inserisce Pogba e Iling Jr nel tentativo di scuotere la squadra. È proprio l’inglese a propiziare il pari: a dieci minuti dalla fine, pennella un cross per la testa di Vlahovic, che si avvita e beffa Skorupski segnando l’1-1. La seconda giornata di Serie A prosegue con il colpaccio del Genoa, che all’Olimpico sconfigge la Lazio 1-0 grazie al gol di Retegui, che firma la prima vittoria del Grifone nel suo ritorno in Serie A. In avvio di gara, prima Retegui poi Vasquez impegnano Provedel, poi, al 18’, il centravanti della Nazionale segna con un tap-in dopo la deviazione di Provedel sul tiro di Frendrup. La Lazio non riesce a sfondare il muro del Genoa, si innervosisce, poi ci prova con Kamada, bloccato da Bani. La ripresa si trasforma in un assedio biancoceleste, con Luis Alberto e Zaccagni che sfiorano il pari insieme a Immobile, il quale non va oltre la traversa. Dopo una girandola di cambi da entrambe le parti, il Genoa sfiora il raddoppio con Ekuban e si difende fino alla fine, portando a casa la prima vittoria in Serie A sotto la guida tecnica di Gilardino. Due ko in due giornate per la Lazio di Sarri, ultima in classifica con Udinese, Empoli e Sassuolo. Nella seconda giornata di Serie A, il Napoli di Garcia batte 2-0 il Sassuolo. I partenopei partono aggressivi, con capitan Di Lorenzo che, dopo appena 56 secondi, pesca Raspadori che al volo centra il palo. Al 13’, Boloca entra scomposto su Politano e il direttore di gara assegna il calcio di rigore: Osimhen fulmina Consigli per l’1-0 al 16’. il Napoli prova a cercare la via del raddoppio, ma il Sassuolo si difende e reagisce anche in fase offensiva. Pinamonti non riesce a trovare spazio nella difesa azzurra, mentre Tressoldi si rende pericoloso di testa su corner di Bajrami. Dopo 6’ di recupero, il Napoli va meritatamente al riposo in vantaggio. Il secondo tempo è lo stesso copione del primo, con Osimhen che sfiora il bis 44 secondi su assist di Politano, ma il colpo di testa esce di poco. Al 50’, Maxime Lopez si fa espellere per qualche parola di troppo rivolta all’arbitro e lascia in dieci il Sassuolo. Osimhen, Raspadori e Zielinski provano a sfruttare subito la superiorità numerica, poi, al 60’, Raspadori calcia alto dal dischetto (calcio di rigore assegnato per fallo di mano di Toljan). Al 64’, il neoentrato Kvaratskhelia ci mette pochissimo a confezionare per Di Lorenzo l’assist decisivo: il capitano azzurro raccoglie e a tu per tu con Consigli realizza il 2-0 col destro. Al 75’ è ancora Osimhen a sfiorare il gol, ma Consigli si oppone. Al triplice fischio Garcia può sorridere per una prima memorabile davanti ai tifosi azzurri.

Salernitana e Udinese si annullano e non vanno oltre l’1-1 nella gara all’Arechi. La partita è intensa e ricca di occasioni, i friulani partono forte, la prima occasione è per Wallace, ma non inquadra il bersaglio. Pirola va vicino al gol con un bolide dalla distanza, poi i granata si fanno pericolosi anche con Bohinen al 38’. Si va all’intervallo con Ochoa costretto a salvare sul colpo di testa di Lucca. Nella ripresa, dopo aver salvato ancora su Thauvin, Ochoa non può nulla sulla conclusione al volo di Samardzic su assist di Lucca. I bianconeri sfiorano anche il bis con Lovric, poi è Kastanos a impegnare Silvestri. Al 72’ la Salernitana trova il pari: Candreva innesca Dia che fulmina sul primo palo il portiere e fa l’1-1. Dopo il pareggio, i granata vanno vicini al ribaltone con un bolide di Martegani e con Candreva, ma il risultato non cambia più e il match termina 1-1. I campani salgono a quota 2 punti, mentre i friulani raccolgono il loro primo punto in questo campionato. Nell’ultimo appuntamento della giornata, l’Inter batte 2-0 il Cagliari, si prende la seconda vittoria in due turni e aggancia Milan, Napoli e Verona in cima alla classifica. All’Unipol Domus, l’Inter prova a schiacciare il Cagliari nella sua metà campo già dai primi minuti. Al quarto d’ora, una conclusione stupenda di Lautaro non va oltre il palo. Pavoletti ci prova, poi, al 21’, Thuram innesca Dumfries che brucia uno Sulemana e batte il portiere sardo con un destro a incrociare. Due minuti dopo Calhanoglu si immola sulla conclusione di Nandez e salva. Verso la mezzora, l’Inter trova il raddoppio: percussione Thuram-Dimarco, l’azzurro serve Lautaro che, completamente indisturbato, controlla la palla e insacca lo 0-2. Al 35’ Ranieri deve rinunciare a capitan Pavoletti per un problema muscolare. Nella ripresa, l’Inter controlla il vantaggio senza problemi, mentre il Cagliari fatica a creare occasioni. L’unica grande chance per i padroni di casa arriva al 90’: a due passi dalla porta, Azzi si ritrova la palla tra i piedi, ma non riesce a concretizzare in porta. Termina 2-0 per l’Inter.

Torna la Serie A con l’edizione 2023/24, le squadre in gara sono pronte ad affrontarsi sul prestigioso palcoscenico del massimo campionato italiano in una giornata in cui il caldo e l’afa attanagliano ancora l’Italia. Non è un caso che più di qualche squadra abbia accusato le alte temperature, mostrando una certa stanchezza, mentre altre hanno trionfato facilmente anche grazie all’ottima preparazione fisica. Fra i match che aprono la giornata c’è quello tra il Frosinone neopromosso e il Napoli campione d’Italia in carica. Nessuna sorpresa qui, come da pronostico la sfida si risolve a favore del Napoli, sebbene nei primi minuti la fortuna sorrida ai ciociari: dopo soli cinque minuti di gioco, infatti, l’arbitro assegna un calcio di rigore al Frosinone per un contrasto fra Cajuste e Baez, il penalty viene trasformato dal nuovo acquisto Abdoulrahmane Harroui. Ma è solo un’illusione, perché presto la superiorità fisica e tattica dei napoletani si fa sentire. Al 24’ ecco il pareggio: ripartenza degli azzurri, il tiro di Zielinski viene murato, il pallone arriva a Politano che calcia al volo e deposita in rete. Prima dell’intervallo arriva anche il sorpasso del Napoli, Di Lorenzo scarica per il solito Osimhen che scarica un tiro potente sotto la traversa, mettendo il pallone dove Turati non può arrivare. Nella ripresa il Napoli completa l’opera al 79’ con la doppietta di Osimhen sul suggerimento in verticale di Di Lorenzo. Nella giornata di sabato si giocano altre tre partite: Empoli – Verona, Genoa – Fiorentina, Inter – Monza. Il Verona ha battuto di misura l’Empoli. Nonostante l’avvio incoraggiante dei toscani, che in avvio colpiscono in pieno una traversa, è il Verona a trovare la chiave per sbloccare la partita. Dopo un primo tempo opaco, nella ripresa gli scaligeri passano in vantaggio al 75’ su un calcio da fermo: corner battuto da Duda, Caprile esce a vuoto e Bonazzoli non si lascia sfuggire l’occasione per depositare in rete. Subito dopo il Verona raddoppia con Djuric, vittorioso su un rimpallo con Caprile, ma l’azione era viziata dal fuorigioco. Nel finale sono ancora i gialloblù a sfiorare il gol con il mancino al volo di Bonazzoli, troppo centrale per indispettire Caprile. Al triplice fischio decide la partita il gol di Bonazzoli. La gara tra Genoa e Fiorentina, invece, regala più spettacolo dal punto di vista dei gol segnati, ma è uno show a senso unico perché si assiste allo stradominio del club viola, vittorioso infine con il punteggio di 4-1. La prima rete è dopo soli cinque minuti, ci pensa il capitano Biraghi che, servito da Nzola, si mette il pallone sul destro sconfiggendo Martinez con un tiro all’incrocio. Passano altri sei minuti e i viola raddoppiano, Gonzalez calcia improvvisamente da fuori area e costringe Martinez a immolarsi per deviare sul palo, ma Bonaventura è lesto a ribadire in rete il doppio vantaggio viola. Dopo questo inizio da incubo, per il Genoa non è facile reagire, e di fatto continua a vedersi in campo solo la Fiorentina. Al punto che poco prima dell’intervallo gli ospiti completano l’opera con il terzo gol, ottimo lo stacco di Nico Gonzalez sul corner di Biraghi, Martinez deve arrendersi per la terza volta. Nella ripresa i viola calano il poker al 56’ a seguito di un’altra bellissima azione, Bonaventura serve un pallone perfetto a Mandragora che si inserisce e batte di testa Martinez. Poco dopo il Genoa accorcia sugli sviluppi di un calcio d’angolo respinto, Frendrup rimette al centro e trova Biraschi, pronto a infilare Terracciano per il gol della bandiera. Quando a Marassi cala il sipario, il risultato finale è 4-1. Tutto facile anche per l’Inter, che supera il Monza senza difficoltà. Nella giornata del debutto a San Siro, i nerazzurri piegano gli avversari con un 2-0. La prima rete si registra all’ottavo minuto, l’autore è Lautaro Martinez che raccoglie l’assist di Dumfries e segna a pochi passi dalla porta. I brianzoli provano a reagire e a impensierire la porta avversaria con Caprari e Colpani, ma senza successo. Nella ripresa l’Inter firma il raddoppio al 76’ ed è ancora Lautaro a far festeggiare i tifosi insaccando a porta spalancata il cross rasoterra di Arnautovic.

Nella giornata di domenica sono state disputate le seguenti sfide: Sassuolo – Atalanta, Roma – Salernitana, Lecce – Lazio, Udinese – Juventus. Al Mapei trionfa l’Atalanta, che fin dalle prime battute si mostra più intraprendente sotto il profilo offensivo. Nel primo tempo, l’occasione più significativa è il colpo di testa di Zapata salvato sulla linea di porta da Maxime Lopez, mentre il Sassuolo si propone nel finale con una buona conclusione di Matheus Henrique, deviata in corner da Musso. Nel secondo tempo De Keteleare ha una buona occasione, ma il suo tiro si infrange sulla traversa. Ma poco prima della fine De Ketelaere si riscatta siglando la rete del vantaggio nerazzurro, un bello stacco da calcio d’angolo che Consigli para, ma il pallone ha già oltrepassato la linea di porta. Nel recupero Zortea chiude i conti con un gran tiro su assist di Adopo, l’Atalanta espugna il Mapei. Inaspettato, invece, il pareggio della Roma, che non va oltre il 2-2 contro la Salernitana, squadra che nella scorsa stagione ha dovuto lottare duramente per la salvezza. Apre le marcature Belotti che, dopo un gol annullato, ne segna uno valido impreziosito da un gran gesto tecnico che beffa Ochoa, l’assist è di Llorente. Poco dopo la mezz’ora i granata pareggiano con un’azione avviata da Candreva, che scambia con Fazio e poi riprende il pallone per scagliare una conclusione potente direttamente sotto la traversa. In apertura di secondo tempo si registra la doppietta di Candreva, che addomestica con il destro un pallone di Bradaric e con il sinistro schiaccia il pallone all’incrocio dei pali. Ora è la Roma a dover inseguire, e con grande concentrazione assume il controllo del gioco fin quando non trova, al minuto 82, il gol del pareggio sul calcio d’angolo perfetto di Paredes e la torsione vincente di Belotti. La gara si chiude dopo 6 minuti di extra-time con il punteggio di 2-2. Il Via del Mare di Lecce ospita una delle grandi squadre del campionato, la Lazio, seconda classificata lo scorso anno. Contro ogni pronostico, vincono i salentini con il punteggio di 2-1. Eppure i laziali chiudono il primo tempo in vantaggio per 1-0 grazie al gol di Immobile, complice l’assist al bacio di Luis Alberto. La Lazio resta in vantaggio fino all’85’, ma poi il Lecce mette in scena una clamorosa rimonta andando a segno con Almqvist prima e Di Francesco poi. Festeggia il Via del Mare, mastica amaro la Lazio per l’esordio poco convincente. Vittoria netta per la Juventus alla Udinese Arena, la Vecchia Signora si impone con lo score di 3-0. I bianconeri la sbloccano subito con il gol di Chiesa dal limite su assist di Vlahovic, poi al 20’ arriva il raddoppio proprio per mano di Vlahovic, che la mette nell’angolo alla destra di Silvestri. Nel recupero ecco il 3-0 da parte di Rabiot, che di testa approfitta dell’uscita sbagliata di Silvestri sul cross morbido di Cambiaso in area. Nella ripresa la Juve resta in controllo e non segna altri gol.

Il posticipo del lunedì fra Torino e Cagliari si è concluso con uno 0-0. Nonostante un primo tempo acceso con diverse occasioni, le due squadre non riescono a farsi male e nella seconda frazione accusano la stanchezza. Tanti guizzi, ma nulla di decisivo. L’altro posticipo della giornata è Bologna – Milan, qui la vittoria va ai rossoneri che la chiudono in un tempo: all’11’ Giroud batte Skorupski con il destro sulla sponda di Reijnders, poi Pulisic completa il lavoro con un destro sul palo lontano dove il portiere non può arrivare. Nel secondo tempo il Milan amministra il vantaggio e nel finale sfiora anche il tris con Leao, che colpisce il palo.