Logo SNAI

 

Sport

Non puoi giocare più di 10 esiti per avenimento

Le squadre della Champions League

La Champions League è il torneo calcistico più prestigioso d’Europa, organizzato dalla UEFA (Union of European Football Associations) sin dal 1955 con cadenza annuale. La competizione, che prevede la partecipazione di 32 squadre, di norma prende il via a settembre e si conclude nel mese di maggio o giugno, con la finalissima da disputare in una città europea prestabilita. Le formazioni provengono dalle diverse federazioni continentali affiliate all’UEFA.

La coppa dalle grandi orecchie rappresenta un sogno per milioni di sportivi europei e non solo. La Champions League, nota come Coppa dei Campioni fino al 1992, è forse il torneo più celebre a cui prendono parte squadre di club ed è seguita con grande attenzione nel contesto europeo, così come nel resto del mondo. Vi giocano formazioni che da sempre costellano l’immaginario degli appassionati, come Real Madrid, Barcellona, Milan, Juventus, Manchester United e Bayern Monaco.

Il torneo calcistico più importante è interamente coperto dalla piattaforma online di SNAI, dove è possibile seguire tutti gli eventi relativi alla Champions League, con news, calendario aggiornato e un’ampia selezione di scommesse per ogni gara della competizione.


La Champions League ospita 32 compagini da ogni angolo del continente. In ciascuno dei campionati nazionali europei ci sono regole ben precise per la qualificazione alla competizione. Il numero di formazioni partecipanti al torneo è determinato in base al coefficiente UEFA di ogni federazione: ad esempio in Italia, Spagna, Inghilterra e Germania le prime due classificate nel torneo nazionale accedono direttamente alla fase a gironi, mentre la terza e la quarta si giocano la qualificazione nel corso del turno preliminare del mese di agosto.

Qualificate di diritto alla fase a gironi della competizione sono anche la squadra detentrice del titolo di campione d’Europa nella stagione precedente e la formazione vittoriosa in Europa League. Per vivere la magia di questa competizione e giocare online con SNAI, è possibile visitare il portale, procedere alla registrazione e consultare le diverse tipologie di quote proposte.

Puoi scommettere da pc o da qualsiasi dispositivo mobile, scaricando agevolmente l’app ufficiale SNAI dal relativo store. Entra con le tue credenziali di accesso, scegli la tipologia di scommessa che preferisci e fai la tua previsione sulle gare di Champions League e su tutti gli avvenimenti sportivi presenti sul portale.

La competizione prevede una prima fase costituita da 3 turni preliminari a cui partecipano più di 50 squadre, con una durata di poco più di un mese. All’inizio di agosto si conoscono le formazioni che partecipano agli spareggi per l’accesso alla seconda fase che prende il via a settembre. A fine agosto vengono sorteggiati a Montecarlo gli 8 gruppi da 4 squadre l’uno che animeranno da settembre a dicembre la fase a gironi della Champions League. La terza e ultima fase viene disputata da febbraio: si tratta delle gare ad eliminazione diretta, che prevedono sfide di andata e ritorno a partire dagli ottavi di finale fino alla finale con partita unica. Si qualificano agli ottavi le prime due classificate di ogni gruppo: ognuna delle squadre che conquista la prima posizione affronta la seconda di un altro girone. Nelle partite degli ottavi di finale non possono incontrarsi formazioni che militano nello stesso campionato nazionale e compagini che si sono già sfidate in precedenza nella fase a gironi, mentre dai quarti in avanti sono possibili tutti gli accoppiamenti.

Le formazioni che popolano la Champions League sono le più forti in Europa e probabilmente nell’intero panorama calcistico internazionale. Il calcio europeo è unanimemente reputato il più competitivo al mondo, con squadre di primissimo livello che hanno fatto la storia di questo sport.

La prima squadra da citare è certamente il Real Madrid, vera e propria istituzione in ambito continentale e internazionale. La formazione spagnola è quella che ha in bacheca il maggior numero di titoli: una tradizione che parte dagli anni ’50, con i Blancos guidati dall’argentino Alfredo Di Stefano e dall’ungherese Ferenc Puskas, che dal 1955 al 1960 trionfano 5 volte di fila nelle prime 5 edizioni della Coppa dei Campioni. Gli altri successi arrivano poi negli anni ’90 e ‘2000 con i cosiddetti Galacticos: fuoriclasse come Luis Figo, Zinedine Zidane, Raul, Fernando Hierro, Roberto Carlos e Iker Casillas. La seconda serie di vittorie si concretizza dal 2013 in avanti, con diverse Champions League conquistate grazie alle prestazioni del campione portoghese Cristiano Ronaldo e di altri giocatori fenomenali come Sergio Ramos, Marcelo, Luka Modric, Toni Kroos, Karim Benzema e Gareth Bale.

Tra le formazioni italiane quella che riscuote più successo in Europa è il Milan. Dopo le due vittorie degli anni Sessanta con calciatori di qualità eccelsa come Gianni Rivera e José Altafini, la squadra rossonera vince diverse edizioni della coppa a partire dal 1988, dando inizio all’era di successi targata Silvio Berlusconi. Nella prima fase della sua presidenza, la formazione milanista è guidata in panchina da Arrigo Sacchi e in campo dal trio olandese Rijkaard-Gullit-Van Basten, accompagnati da altri giocatori fondamentali come i leader difensivi Franco Baresi, Paolo Maldini e Alessandro Costacurta. All’inizio degli anni Duemila parte la seconda fase della presidenza Berlusconi, contraddistinta dalla scelta di Carlo Ancelotti come allenatore. Il tecnico emiliano vince alcune edizioni della Champions League grazie ad una squadra formata da fuoriclasse in ogni settore del terreno di gioco: la difesa è comandata ancora da Maldini, coadiuvato da Alessandro Nesta e dall’olandese Jaap Stam; i terzini brasiliani Cafù e Serginho che danno notevole spinta sulla fascia; un centrocampo impreziosito dalla presenza di Andrea Pirlo, vero faro in mezzo al campo, Clarence Seedorf e Ricardo Kakà, senza dimenticare l’energia e la forza fisica di Gennaro Gattuso; il reparto d’attacco vede il goleador Filippo Inzaghi e la stella ucraina Andriy Shevchenko, autore del rigore decisivo che nel 2003 consente ai rossoneri di battere la Juventus in finale di Champions all’Old Trafford di Manchester.