È la lega emergente, quella caratterizzata, nella storia, dall’assenza di “padroni” e, in tempi più recenti, dall’ingresso di capitali in grado di rastrellare giocatori di prima grandezza, strappandoli alle altre grandi squadre continentali. La presenza di Paris Saint-Germain, Olympique Marsiglia e Monaco, unitamente alle altri grandi, nuove e non, Olympique Lione e Bordeaux, fanno della Ligue 1 uno dei campionati più giocati e seguiti dagli appassionati di scommesse sportive.

Storia e denominazione

Il massimo campionato francese, sino al 2002 denominato Première Division o Division 1, viene istituito con il passaggio al professionismo da parte del calcio transalpino, nei primi anni Trenta del Novecento: la prima edizione, infatti, è quella del 1932-33, vinta dall’Olympique Lillois grazie al successo in finale contro il Cannes. Dalla stagione successiva, si passa al girone unico, adottato da tutti i maggiori tornei nazionali europei. Il calcio francese ha attraversato varie “ere”: da quella pionieristica al dominio dello Stade de Reims (cinque titoli negli anni Cinquanta), dal duello Nancy – Saint-Étienne (anni Sessanta-Ottanta) al grande Bordeaux degli anni Ottanta, dall’Olympique Marsiglia di Tapie sino al Lione e all’attuale PSG.

Campioni e pluricampioni

Su 75 edizioni, sono ben 19 le squadre ad aver conquistato, almeno una volta, il titolo di campione di Francia, determinando un’ineguagliata alternanza di vincitori e, quindi, la grande incertezza che, da sempre, caratterizza questo campionato. Ecco nel dettaglio i vari campioni transalpini (tra parentesi, il numero di titoli vinti): Saint-Étienne (10 titoli), Olympique Marsiglia (9), Nantes (8), Monaco e Olympique Lione (7), Stade Reims e Bordeaux (6), Nizza e Paris Saint-Germain (4), Lilla (3), Sochaux e Sète (2), Olympique Lillois, Racing Club Parigi, Roubaix-Tourcoing, Strasburgo, Auxerre, Lens e Montpellier (1).

L’ultima stagione

I campioni in carica del Paris Saint-Germain, molto forti economicamente, non si accontentano: vogliono consolidare il dominio in Francia e tentare la scalata europea, e si rinforzano acquistando Edinson Cavani dal Napoli (capocannoniere della Serie A), i difensori Digne e Marquinhos, scatenando una competizione, a livello di mercato, con Olympique Marsiglia e il neopromosso Monaco. Dopo il bell’inizio del Lione e il momento positivo del Monaco, sale in cattedra il PSG che, dalla decima giornata in poi, non lascia più la vetta per conseguire il quarto titolo della propria storia (secondo consecutivo) con 89 punti. Alle spalle dei parigini di Laurent Blanc, il Monaco (80) e l’ottimo Lille (71). Capocannoniere è Zlatan Ibrahimovic (PSG) con 26 reti, che stacca di 10 gol André-Pierre Gignac (O. Marsiglia) e Vincent Aboubakar (Lorient).

L’edizione 2014-15

Ecco le venti partecipanti all’edizione 2014-15 della Ligue 1 francese (tra parentesi, dove necessario, la città di provenienza del club): Bastia, Bordeaux, Caen, Évian, Guingamp, Lens, Lille, Lione, Lorient, Marsiglia, Metz, Monaco , Montpellier, Nantes, Nizza, Paris Saint-Germain, Reims, Rennes, Saint-Étienne, Tolosa.

Le francesi in Europa

Le prime due classificate della Ligue 1 si qualificano direttamente per la fase finale della Champions League, la terza in classifica, invece, ha accesso al terzo turno preliminare della manifestazione. Le vincitrici della Coppa di Francia e della Coppa di Lega, unitamente alla quarta classificata in campionato, hanno accesso alla UEFA Europa League.