Logo SNAI

 

Sport

Non puoi giocare più di 10 esiti per avenimento

Quote scommesse Mondiali Qatar 2022

Sarà un Mondiale particolare quello che si svolgerà in Qatar tra il 21 novembre e il 18 dicembre 2022. Innanzitutto, è la prima edizione nella storia a essere disputata in questo periodo dell'anno: del resto, il caldo del Qatar nei mesi estivi avrebbe guastato l'esperienza a giocatori e tifosi. Inoltre, sarà l'ultimo campionato mondiale in cui parteciperanno 32 nazionali. Dalla prossima edizione, prevista per il 2026, il Mondiale verrà esteso a 48 squadre. Si era ipotizzato di introdurre questo cambiamento già da questa edizione, ma l'idea è stata poi scartata.

SNAI ti accompagna nella magica esperienza dei Mondiali permettendoti di puntare sulle tue squadre preferite. Puoi scegliere le scommesse antepost, per fare pronostici prima dell'inizio del torneo, alle opzioni live per piazzare le tue giocate a gara in corso. Non perdere l'opportunità di tentare la fortuna, registrati a SNAI e attiva il tuo conto gioco personale per scommettere in tutta sicurezza.

  • Squadre partecipanti: 32
  • Fase a gironi: 20 novembre - 2 dicembre
  • Ottavi di finale: 3 - 6 dicembre
  • Quarti di finale: 9 - 10 dicembre
  • Semifinali: 13 - 14 dicembre
  • Finale terzo posto: 17 dicembre
  • Finale: 18 dicembre

Nei paragrafi seguenti si presentano gli aggiornamenti sui Mondiali in Qatar, partita dopo partita.

Risultato finale 18/12/2022

È una finale incredibile che resterà nella storia del calcio. Al termine di una partita sfiancante l'esito sorride a Leo Messi: l'Argentina è campione del mondo per la terza volta nella sua storia. L'Albiceleste inizia molto meglio la gara, domina il gioco e passa avanti per 2-0: prima il calcio di rigore trasformato da Messi, poi il raddoppio su contropiede di Di Maria a seguito di una splendida azione corale. Nel secondo tempo la musica non cambia, la Francia fatica a restare a galla ma negli ultimi dieci minuti qualcosa cambia. Siamo intorno all'ottantesimo quando Mbappè trascina i suoi verso una rimonta insperata: prima segna su rigore, un minuto dopo realizza il suo settimo gol nel Mondiale con un tiro al volo in area. Un colpo durissimo per l'Albiceleste, che però non si perde d'animo. Si va ai supplementari e la tensione è alle stelle, ora sembra quasi una partita di ping pong con le due squadre che si rispondono colpo su colpo. Durante il secondo tempo supplementare, Messi segna ancora su azione e porta avanti i suoi. Ma l'illusione della vittoria dura solo pochi minuti, perchè ancora una volta Mbappè tiene in vita la Francia guadagnando un penalty che viene poi trasformato da lui stesso. E allora sono i calci di rigore ad assegnare il titolo di campioni del mondo. Comincia Mbappè, Martinez tocca ma è gol. Messi segna problemi, spiazzato Lloris. Il primo rigore sbagliato è di Coman, Martinez para. Dybala va a segno, poi arriva il secondo errore dei francesi con Tchoumani che conclude a lato. Paredes batte Lloris, e si va al primo match point per l'Argentina. Kolo Muani tiene a galla i suoi, ora è tutto nelle mani di Montiel: non sbaglia, l'Argentina vince il Mondiale.

Risultato finale terzo posto 17/12/2022

La Croazia vince per 2-1 sul Marocco e sale sul podio del Mondiale, i Leoni dell'Atlante non guadagnano i gradini più prestigiosi ma escono a testa altissima. I croati partono con maggiore convinzione e sbloccano il punteggio al settimo minuto di gioco con un calcio piazzato: scucchiaiata di Majer in area, torre di Perisic a servire Gvardiol che di testa sconfigge Bounou per l'1-0 croato. Ma i marocchini non si lasciano scoraggiare e rispondono subito: calcio piazzato pennellato di Ziyech, Majer fornisce un assist involontario ad Achraf Dari, che a due passi infila Livakovic. La partita è divertente e ricca di ribaltamenti di fronte, nel finale del primo tempo la Croazia ritorna in vantaggio: azione insistita della formazione di Dalic, il pallone arriva a Orsic che con un bel destro a giro beffa Bounou. Il secondo tempo è più equilibrato, la Croazia mostra una maggiore qualità tecnica e si impegna ad abbassare i ritmi di gioco per controllare la partita fino al finale. Dal canto suo, il Marocco va alla ricerca della giocata che potrebbe riaprire i giochi e ha una buona chance al minuto 75: colpo di testa di Gvardiol, En-Nesyri fa suo il pallone ma il suo tentativo viene neutralizzato da Livakovic. Nel finale il Marocco insegue con orgoglio il 2-2, ma senza successo; la Croazia si divora invece il 3-1 all'87' con un rasoterra di Kovacic che termina fuori per un soffio. Finisce così, la medaglia di bronzo va alla Croazia.

Risultato semifinale 14/12/2022

La finale del Mondiale sarà Argentina - Francia. Di certo i favori dei pronostici erano tutti per la Francia rispetto al Marocco, ma a giudicare da quanto si è visto in campo il risultato non era così scontato. Il Marocco ha infatti creato molti grattacapi ai francesi in una partita all'insegna dell'equilibrio, ma con i Blues più concreti in fase finalizzativa. Dopo nemmeno cinque minuti di gioco, il punteggio si sblocca: Griezmann, lasciato libero da El Yamiq, mette in mezzo un buon pallone per Mbappè che conclude di prima, tiro respinto ma la palla rotola verso il secondo palo dove Theo Hernandez sconfigge Bounou in acrobazia. Una doccia fredda per i marocchini, che tuttavia invece di scoraggiarsi reagiscono con grande personalità e si lanciano in avanti. Se la Francia colpisce un palo con Giroud e sfiora il raddoppio con Mbappè, il Marocco non resta a guardare e risponde con una splendida rovesciata di El Yamiq che schiaccia il pallone sul palo. Nel secondo tempo il Marocco alza l'intensità e si contano diversi pericoli per i Blues, con Amrabat trascinante in mezzo al campo; ma pur superando il 60% di possesso, i marocchini nella seconda frazione non hanno mai inquadrato lo specchio della porta. Dal canto suo, la Francia cerca in tutti i modi di rallentare la partita, fin quando non arriva la rete del 2-0 che pone fine alle speranze del Marocco: Kolo Muani appena entrato segna al primo pallone toccato, dovendo solamente appoggiare un'ottima palla nata dalla conclusione di Mbappè. Nel finale il Marocco sfiora il 2-1 che avrebbe meritato con Ounahi, Koundè salva sulla linea di porta. Il triplice fischio dell'arbitro consegna la vittoria alla Francia, in finale la sfida sarà tra Mbappè e Messi.

Risultato semifinale 13/12/2022

Le quattro squadre qualificate ai quarti di finale del campionato mondiale sono Argentina, Croazia, Francia e Marocco. Le prime due a scendere in campo per decretare la prima finalista del Mondiale sono Argentina e Croazia. La vittoria va all'Albiceleste, in particolare grazie alle prestazioni sontuose di Messi e Alvarez: l'Argentina torna così in una finale mondiale otto anni dopo l'ultima volta, quando nel 2014 fu sconfitta dalla Germania. La prima mezz'ora di gioco è abbastanza statica e impostata sul piano tattico, poi cambiano le carte in tavola perchè l'arbitro assegna un calcio di rigore all'Argentina per via di un fallo in area di Livakovic su Alvarez. Leo Messi non fallisce dal dischetto e piazza il pallone all'incrocio, 1-0. Passano pochi minuti e una ripartenza letale della Selecciòn trova reattivo Alvarez, che si invola verso la porta avversaria, vince due rimpalli e sconfigge Livakovic. Al 43' per poco non arriva il terzo gol, con Mac Allister che incorna su un cross da calcio d'angolo, questa volta c'è l'ottima risposta di Livakovic. Nel secondo tempo, l'Argentina attacca ancora e sfiora il terzo gol con un sinistro di Messi respinto dal portiere croato. Al 69' ecco la rete che pone fine alle speranze della Croazia: Messi semina gli avversari e scarica in area per Alvarez che deve solo appoggiare in rete, è 3-0 Argentina. Gli ultimi minuti trascorrono con l'Argentina in pieno controllo, fino al triplice fischio finale che regala all'Albiceleste la finale della Coppa del Mondo.

Risultati quarti di finale 10/12/2022

Nella giornata di sabato 10 dicembre si giocano due quarti di finale interessantissimi: Marocco - Portogallo e Inghilterra - Francia.

Il Marocco si rende protagonista di un'altra straordinaria impresa che lo porta dritto alla semifinale del Mondiale, è la prima volta nella storia del calcio che una nazionale africana raggiunge un traguardo del genere. La prima fase della partita è divertente ma entrambe le squadre faticano a essere incisive in fase di finalizzazione. Al 26' è pericoloso En-Nesyri con un colpo di testa in torsione che si spegne di poco a lato. Al 34' c'è una bellissima azione del Marocco, con l'appoggio di Attiat-Allah al centro dell'area di rigore, Amallah calcia subito con il sinistro ma manda il pallone alto. Il gol che fa gioire il popolo marocchino arriva al 42': cross dalla sinistra per En-Nesyri che con un colpo di testa anticipa l'uscita di Diogo Costa e trova il gol con l'aiuto della traversa. Allo scoccare del 45' Bruno Fernandes mette i brividi con una clamorosa conclusione incrociata al volo che colpisce in pieno la traversa. Nel recupero del primo tempo Attiat-Allah va vicino al raddoppio sugli sviluppi di un contropiede che si conclude con il suo tiro sul primo palo, manca però la porta. Il secondo tempo racconta l'assedio dei portoghesi alla roccaforte difensiva eretta da uno stoico Marocco. Fernando Santos ha giocato tutte le sue carte, ma non c'è stato nulla da fare e neanche Cristiano Ronaldo è riuscito a incidere. Al 93' i marocchini restano anche in dieci per via dell'espulsione di Cheddira per doppia ammonizione, ma con dignità e sacrificio riescono a trascinare la partita fino al triplice fischio che sancisce un evento storico: una squadra africana in semifinale dei Mondiali!

Il Mondiale dell'Inghilterra finisce qui, passano i Blues con il punteggio di 2-1. Si gioca una partita di grande agonismo e lo spettacolo è davvero una delizia per gli occhi. Si comincia al 17' con una grande ripartenza di Upamecano, tocco di Griezmann e destro potentissimo di Tchouameni, che mette il pallone dove Pickford non può arrivare. Al minuto 23 gli inglesi hanno un'ottima chance con un tocco ravvicinato da Kane, murato da Lloris in uscita. Al minuto 54' l'Inghilterra pareggia su rigore, ci pensa Kane con un destro di potenza sul quale Lloris non può nulla. Al 70' l'Inghilterra va vicinissima al vantaggio con un colpo di testa di Maguire sulla punizione di Henderson. L'ultimo e definitivo gol arriva al 78': Giroud raccoglie il cross di Griezmann svettando su Maguire, che con la spalla devia leggermente, Pickford non può arrivarci ed è 1-2. L'Inghilterra fallisce clamorosamente l'opportunità per pareggiare i conti al minuto 84: l'arbitro assegna un penalty ma Kane sciupa tutto dagli undici metri. Nel recupero Rashord sforna un destro a giro su punizione che manca la rete di pochissimo. Nulla da fare per gli inglesi, i Blues volano in semifinale dove affronteranno un sorprendente Marocco.

Risultati quarti di finale 09/12/2022

Al via i quarti di finale, la cui principale sorpresa è rappresentata dalla presenza del Marocco. Per il resto, le nazionali in gara sono fra le più blasonate: Croazia, Brasile, Olanda, Argentina, Inghilterra, Francia, Portogallo.

Venerdì 9 dicembre scendono in campo Croazia e Brasile da una parte, Olanda e Argentina dall'altra. La Croazia conquista il pass per la semifinale sconfiggendo i brasiliani ai calci di rigore, la nazionale verdeoro è la quarta volta in cinque mondiali che esce ai quarti di finale. Il primo brivido è di Vinicius, ma il tiro dal limite viene intercettato da Livakovic. Per i croati è Perisic a trascinare i suoi cercando di creare qualche pericolo alla porta difesa da Alisson, prima manca la deviazione vincente sul cross di Pasalic, poi calcia alto dal limite. Neymar si fa vedere una sola volta, quando sfugge a Brozovic con un tunnel che costringe l'avversario a un fallo da ammonizione. Nella ripresa il Brasile prova a pungere ma deve fare i conti con un ottimo Livakovic, che in più di una circostanza salva i suoi, come quando devia in angolo la conclusione di Paquetà da posizione ravvicinata. La Croazia non si fa mettere con le spalle al muro, ma fatica a concretizzare. Dall'altra parte, la personalità dei brasiliani non è brillante come di solito. Nei supplementari la musica non cambia, il Brasile attacca e la Croazia ormai riesce solo a difendersi senza più costruire nulla. Nell'ultimo minuto di recupero del primo tempo supplementare, il Brasile passa avanti con una perla di Neymar, che dopo una partita sottotono dribbla Livakovic e conclude sotto la traversa. Nel secondo tempo supplementare la Croazia riesce tuttavia a riacciuffare l'avversario, al 12' il neoentrato Orsic crossa rasoterra per il sinistro di prima di Petkovic, deviazione di Marquinhos e palla in rete: si va ai rigori. Il primo ad andare sul dischetto è Vlasic ed è gol, tocca a Rodrygo e Livakovic respinge. Segna Majer, poi anche Casemiro, Modric, Pedro e Orsic. Le sorti del Brasile sono nelle mani di Marquinhos, che fallisce, colpisce il palo e fa esplodere in festa i croati.

L'Argentina si è qualificata per la semifinale dei Mondiali a seguito di una partita che si trascina dietro polemiche dentro e fuori dal campo. L'avvio del match è a ritmi blandi con un possesso palla, soprattutto da parte della formazione di Scaloni, abbastanza fine a sè stesso. Il primo squillo è al minuto 24, l'Olanda si rende pericolosa con Depay che tenta una conclusione dal limite; l'Argentina risponde al 32' con un tiro debole e centrale di De Paul. Due minuti dopo gli argentini sbloccano il punteggio con Molina, abile a sfruttare l'assist al bacio di Messi. Nel secondo tempo l'Albiceleste controlla il match, dall'altra parte l'Olanda crea pochissimi pericoli nella metà campo avversaria. Al 72' l'arbitro concede un calcio di rigore all'Argentina per un fallo di Dumfries su Acuna, sul dischetto va Leo Messi che spiazza Noppert. L'Olanda riesce però a rispondere dieci minuti più tardi con un colpo di testa velenoso del neoentrato Weghorts. Incoraggiata dal gol, l'Olanda cerca la rimonta e sfiora il pareggio all'85' con Berghuis, per poi trovarlo incredibilmente nell'ultimo minuto di recupero ancora con Weghorts: si va ai supplementari. Nei tempi supplementari Messi prova un tiro a giro che termina alto sopra la porta, al 114' è invece Lautaro Martinez ad andare vicino al gol con un tiro potente deviato in angolo da Van Dijk. Nel finale Fernandez colpisce clamorosamente il palo esterno con una conclusione dal limite. Nulla da fare, la gara si decide ai rigori. Si comincia con un rigore parato a Van Dijk, poi Messi fulmina Noppert. Gran parata di Martinez su Berghuis, poi segna Paredes, infine il rigore vincente dell'interista Lautaro porta l'Argentina in semifinale.

Risultati ottavi di finale 06/12/2022

Le ultime due partite degli ottavi di finale sono state molto diverse tra loro. Se una è terminata 0-0 nei tempi regolamentari, con i rigori a decretare la qualificazione ai quarti, l'altra si è conclusa con un sonoro 6-1 nei novanta minuti. Le due sfide in questione sono state Marocco - Spagna e Portogallo - Svizzera.

Prima dell'inizio del Mondiale, di certo in pochi avrebbero potuto immaginare uno scenario del genere: ottavi di finale tra Marocco e Spagna, e spagnoli esclusi dalla competizione dai marocchini. La Spagna non è mai entrata davvero in partita e il risultato è una gara sorprendentemente equilibrata, in cui il Marocco non si è mai lasciato schiacciare. Gli spagnoli tengono palla con i soliti passaggi orizzontali, ma difficilmente si addentrano in area. I marocchini attendono e ripartono in velocità e nel primo tempo sono decisamente più pericolosi, Mazraoui impegna Unai Simon con un mancino dal limite mentre il colpo di testa di Aguerd su suggerimento di Boufal termina fuori. Addirittura la Spagna tira per la prima volta in porta al 55' con Dani Olmo, Bounou risponde coi pugni. La partita si spegne, la Spagna tiene il possesso palla ma non concretizza, si va ai supplementari. Qui il Marocco ha la chance di vincerla con la conclusione di Ounhai che Unai Simon respinge con il piede. L'ultima azione della partita regala un brivido, il neoentrato Sarabia colpisce il palo alla destra di Bounou calciando al volo su un cross di Rodri. È il momento dei rigori, e qui accade l'incredibile. Comincia Sabiri che fa gol, prosegue Sanabria che colpisce il palo. Segna Ziyech, poi Carlos Soler si vede parare il tiro. Parato anche il tiro di Benoun e poi un super Bounou si ripete su Busquets. Il matchpoint è di Hakimi, che non sbaglia: storico Marocco, elimina la Spagna e passa ai quarti.

In Portogallo - Svizzera non c'è storia, i portoghesi danno spettacolo e passano con il nettissimo risultato di 6-1. Spicca l'assenza di Ronaldo titolare in un Mondiale o Europeo per la prima volta dal 2008, fa un certo effetto vedere le immagini della folla di fotografi intorno a lui durante l'inno nazionale. L'avvio di gara è piuttosto dinamico, entrambe le squadre si spingono senza paura nella metà campo avversaria. La scelta del ct portoghese di preferire Gonçalo Ramos a Ronaldo ripaga: minuto 17, Felix scarica per Ramos a centro area, che si gira e gonfia la rete con un sinistro potente sotto la traversa, impietrito Sommer. Al 33' Pepe svetta in area su un corner e sigla indisturbato il raddoppio portoghese. In chiusura di primo tempo, uno strepitoso Sommer evita il 3-0 neutralizzando il tentativo di Ramos innescato dal filtrante di Bruno Fernandes. Nella ripresa la musica non cambia, un ispiratissimo Ramos raccoglie il suggerimento di Dalot al 51' e mette a segno la doppietta, poi serve l'assist per il gol di Guerreiro, freddo sottoporta. La Svizzera ha un moto d'orgoglio e al 58' accorcia le distanze con Akanji, ma i portoghesi non lasciano scampo e al 67' segnano ancora e ancora una volta con un maestoso Ramos. Nel recupero anche Leao trova la gioia personale con un gol a giro sul secondo palo, è 6-1. Ronaldo, entrato negli ultimi venti minuti, cerca la rete della gloria nel finale, trovandola soltanto per vedersela annullare a causa di un fuorigioco. L'esito è un doloroso 6-1 per la Svizzera, passano i portoghesi che se la vedranno con il Marocco ai quarti.

Risultati ottavi di finale 05/12/2022

L'avventura al Mondiale prosegue anche per Croazia e Brasile, che vincono rispettivamente contro Giappone e Corea del Sud.

Passa la Croazia, ma il Giappone si lascia piegare soltanto ai calci di rigore. È una partita che fa emozionare e fin dai primi minuti le due squadre non si risparmiano e collezionano occasioni da gol. Dopo 7 minuti di gioco Perisic sfiora il vantaggio avanzando tutto solo verso il portiere che respinge, poi Kramaric tentenna in area di rigore con la pressione dei difensori nipponici. Il Giappone è molto aggressivo e alza il ritmo nei minuti prima dell'intervallo, prima Maeda alza troppo la mira e calcia oltre la traversa da buona posizione, poi si riscatta e segna il gol: azione da calcio d'angolo, Maeda gonfia la rete sull'assist di Yoshida, è 1-0. Nel secondo tempo la Croazia sa di dover accelerare se vuole rimontare e va a caccia del pareggio, che arriva al 55' con un colpo di testa vincente dell'ex Inter Perisic. Al 63' si vede per la prima volta Modric, che sforna un destro insidiosissimo prontamente messo in angolo da Gonda. I tempi regolamentari terminano al 94' sullo score di 1-1. Nei supplementari il Giappone ha una buona occasione su un contropiede che termina con il tiro di potenza di Mitoma, ma le squadre sono stanche e non riescono a trovare il guizzo. Si va ai rigori. Minamino sbaglia il primo tiro, parato da Livakovic, che si ripete su Mitoma. Il Giappone si sblocca solo al terzo tentativo, mentre per la Croazia sbaglia malamente Livaja. Quando Livakovic para ancora su Yoshida, la Croazia non sbaglia il match point e la rete di Pasalic consegna la vittoria ai croati.

Fatica meno il Brasile, che guadagna i quarti grazie a una vittoria facile contro la Corea del Sud. Lo show della nazionale verdeoro segna anche ben dieci record sia di squadra che individuali. Ad esempio, è la prima squadra nella storia dei Mondiali ad aver impiegato tutti i giocatori convocati, portieri compresi, mentre Neymar è diventato il terzo brasiliano ad aver segnato in tre edizioni diverse della competizione dopo Pelè e Ronaldo. Il Brasile schiaccia l'avversario nel primo tempo, all'intervallo si è già deciso tutto. Al minuto 7 Raphinha sfugge a Kim-Jin Su e crossa basso sul secondo palo dove trova Vinicius tutto solo, pronto a bucare la rete. Pochi minuti dopo un contatto fra Jung Woo-Young vale il rigore, sul dischetto va Neymar che non fallisce e fa 2-0. Il gol del 3-0 nasce da una splendida azione corale, con tutti tocchi di prima: Richarlison per Marquinhos, Marquinhos per Thiago Silva e Thiago Silva per Richarlison che schiaccia in porta. Il 4-0 arriva invece con lo scavetto di Vinicius e gol al volo di Paquetà. Nel secondo tempo c'è poco da fare per la Corea, che comunque trova il gol con il subentrato Paik, che scarica un gran sinistro da fuori che mette a sedere Alisson. Il risultato finale è 4-1, è un Brasile sontuoso contro il quale la Croazia dovrà faticare molto.

Risultati ottavi di finale 04/12/2022

È il turno di Francia e Inghilterra, chiamate ad affrontare rispettivamente Polonia e Senegal. I match non rivelano grandi sorprese, passano le favorite, ma le perdenti lasciano il Mondiale a testa alta.

I campioni del mondo in carica della Francia battono la Polonia in maniera netta, 3-1 l'esito finale, che riflette pienamente la differenza tra le due squadre. Nel primo tempo si registrano diverse buone occasioni da entrambe le parti, addirittura la Polonia sfiora il vantaggio al 37': per due volte Lloris respinge su Zielinski, poi Varane salva sulla linea un'altra conclusione degli avversari. La Francia sblocca la partita al 44' con un bellissimo mancino di Giroud che infila Szczesny in uscita. Nel secondo tempo i Blues vanno alla ricerca del raddoppio e ci vanno vicinissimi al 65' con una conclusione di Giroud sul cross di Kounde che si spegne sull'esterno della rete. Il secondo gol non si fa attendere, al 74' una ripartenza micidiale si conclude con il destro potentissimo di Mbappè. Allo scoccare del 90' Mbappè completa l'opera battendo Szczesny con un gran destro all'incrocio dei pali. Il rigore trasformato da Lewandowski al 97' ha il solo effetto di rendere meno pesante il passivo.

L'Inghilterra spazza via il Senegal, letteralmente travolto dalla forza degli avversari. Gli africani hanno qualche buona chance nel primo tempo con Dia e Sarr, ma non sono in grado di capitalizzarle e così gli inglesi passano avanti alla prima azione seria. Siamo al 35' quando si rompono gli equilibri sugli sviluppi di un'azione in velocità: Foden apre per Bellingham, che mette al centro un'ottima palla per Henderson, bravo a fulminare Mendy all'altezza del dischetto. Il Senegal è alle corde e presto subisce il 2-0 su contropiede, Kane finalizza la ripartenza sfruttando al meglio l'assist di Foden. Nel secondo tempo l'Inghilterra deve solo controllare, ma non si lascia sfuggire l'occasione di arrotondare il vantaggio al 58' con un'altra spettacolare azione in velocità; questa volta è Saka a siglare il gol con un bel pallonetto che sconfigge Mendy in uscita. Ai quarti si incontreranno Francia e Inghilterra, che finora non si sono mai incrociate in una gara a eliminazione diretta nei grandi tornei.

Risultati ottavi di finale 03/12/2022

Al via la fase a eliminazione diretta, nella giornata di sabato 3 dicembre si affrontano Olanda e Stati Uniti da una parte e Argentina e Australia dall'altra.

L'Olanda è la prima squadra qualificata per i quarti di finale, troppo evidente il divario di qualità tra la nazionale olandese e quella statunitense. L'Olanda sblocca il match al decimo minuto con il tiro chirurgico di Depay sul cross di Dumfries dalla destra. La reazione degli USA è troppo debole, così l'Olanda riesce ad affondare il secondo colpo, gol di Blind su cross di Dumfries. Nella ripresa gli Stati Uniti falliscono un paio di occasioni clamorose con Ream e Wright, poi è lo stesso Wright a riscattarsi deviando in rete un cross di Pulisic, Dumfries viene beffato dalla traiettoria del pallone e non può intervenire. Ma gli olandesi chiudono i conti con Dumfries che finalizza al meglio un cross di Blind con una bella volèe. Finisce qui l'avventura a Qatar per gli USA, l'appuntamento è nel 2026 a casa loro.

L'altra qualificata è l'Argentina, con un super Messi protagonista indiscusso che entra nella storia: è a quota 9 reti nei Mondiali e supera Maradona, che ne ha realizzate 8. L'Albiceleste trova il vantaggio al 35' con un gran sinistro di Messi, per poi raddoppiare al 57' grazie a un clamoroso errore del portiere australiano Ryan: l'estremo difensore si fa rubare il pallone da De Paul e favorisce Julian Alvarez, che deve solo appoggiare in porta. Dieci minuti più tardi l'Australia ha un moto d'orgoglio che porta al 2-1, la conclusione dalla distanza di Goodwin viene deviata da Enzo Fernandez che spiazza il portiere. L'Albiceleste rischia tanto all'81' a seguito di una bellissima azione personale di Behich, che batte quattro avversari ma il suo tiro viene deviato da Lisandro Martinez che salva i suoi. Nel finale l'Australia continua a rincorrere il sogno e al 97' spreca un'incredibile palla gol, Kuol a due passi si lascia ipnotizzare da Martinez e sciupa il pareggio. Finisce 2-1: l'Argentina di Messi è la seconda qualificata ai quarti di finale.

Risultati fase a gironi 02/12/2022

Ultima giornata della fase a gironi, è l'ultima chiamata per definire ufficialmente chi potrà accedere alla fase a eliminazione diretta. Per il gruppo H scendono in campo Corea del Sud - Portogallo e Ghana - Uruguay, per il gruppo G Serbia - Svizzera e Camerun - Brasile.

Se il Portogallo è già certo della qualificazione, la Corea del Sud si gioca tutto. Gli asiatici ci credono, e alla fine riescono a coronare il sogno qualificazione. Il Portogallo schiera le riserve e, pur passando subito in vantaggio con Horta al quinto minuto, non ha mai premuto troppo sull'acceleratore. E così ha spianato la strada al recupero dei coreani, che accorciano le distanze al 27' con un calcio d'angolo deviato male da Ronaldo, il pallone vagante in area di rigore viene spedito in porta da Young-Gwon. Nel secondo tempo la Corea del Sud non demorde e assume il controllo del gioco, trascinata da Son. Infine, ecco il gol allo scadere che fa esplodere in festa i tifosi sudcoreani mentre l'Uruguay piange: minuto 91, grande contropiede di Son sugli sviluppi di un calcio d'angolo del Portogallo, Hwang Chan vince contro tutti e scarica in rete il gol della vittoria.

Ghana - Uruguay si risolve in una delusione cocente per entrambe le squadre. Il gol nel finale della Corea del Sud qualifica gli asiatici, che superano i sudamericani per la differenza reti. La formazione di Suarez se la prende con l'arbitro, che ha preso più di una decisione discutibile nel corso della gara. La partita si accende subito e intorno al quarto d'ora Andre Ayew calcia malissimo un rigore e si vede respingere il tiro. L'Uruguay si scuote e alza il ritmo. Dopo un salvataggio sulla linea di Salisu su Nunez, al 26' l'Uruguay passa avanti con la deviazione di testa di De Arrascaeta sul tiro di Suarez respinto da Zigi. Sei minuti più tardi l'Uruguay raddoppia a seguito di una splendida azione corale conclusa con il volèe di De Arrascaeta. Nella ripresa l'Uruguay gioca su due campi, con un occhio buttato anche a ciò che succede fra Corea del Sud e Portogallo. E quando arriva la notizia del vantaggio dei coreani, l'Uruguay è costretto a segnare un altro gol. Negli otto minuti di recupero c'è spazio per tante occasioni mancate dall'Uruguay, che alla fine lascia il campo tra i rimpianti.

La Svizzera si qualifica agli ottavi di finale grazie al successo contro la Serbia, arrivato al termine di una partita ricca di emozioni. Sono brividi fin dai primi minuti, all'11' Zivkovic avanza palla al piede e dal limite dell'area scaglia un mancino potentissimo che prende in pieno il legno. Al 20' c'è il gol che sblocca la partita, Shaqiri trova la rete dopo una respinta corta. Sei minuti più tardi mette la firma sull'incontro anche Mitrovic con un colpo di testa vincente sugli sviluppi di un contropiede. Al 35' un'altra disattenzione della Svizzera favorisce il gol di Vlahovic, che trova il diagonale vincente su suggerimento di Mitrovic, Freuler non allontana. Un attimo prima dell'intervallo Embolo segna da due passi raccogliendo il cross di Widmer, è 2-2. Nella ripresa la Svizzera va ancora avanti al 48' con il taglio di Freuler, bravo a superare Milinkovic-Savic sfruttando il cross di Vargas. Non succede altro, la Serbia va a casa come ultima del girone, gli elvetici passano con 6 punti come il Brasile ma secondi per differenza reti.

Al Brasile non fa male la sconfitta contro il Camerun, che perlomeno lascia il Mondiale con la soddisfazione di aver battuto una delle nazionali favorite. Il club verdeoro preserva i titolari e schiera in campo le riserve. Si comincia con una grande occasione per Martinelli al 14', solo un grande riflesso di Epassy può neutralizzare la sua incornata. È la principale chance del primo tempo, anche se nel finale di frazione comincia a vedersi anche il Camerun. Nella ripresa Epassy è chiamato a ripetersi ancora su una splendida iniziativa di Martinelli, murato il destro dell'attaccante dell'Arsenal. La gara si accende nel finale e precisamente nel recupero quando arriva il gol di Aboubakar, bravo a beffare Militao e battere di testa Ederson. L'attaccante viene espulso subito dopo per essersi tolto la maglia, era già ammonito. Al 99' Guimaraes si divora il gol del pari, ma poco male: il Brasile passa comunque come primo del girone.

Risultati fase a gironi 01/12/2022

Penultimo turno della fase a gironi, anche questa volta gli esiti lasciano a bocca aperta: alcune delle favorite sono fuori dal Mondiale. In campo Croazia - Belgio, Canada - Marocco, Giappone - Spagna, Costa Rica - Germania.

Croazia e Belgio si incontrano per guadagnarsi il pass per gli ottavi di finale. È più facile per Brozovic e compagni, ai quali basta un pareggio, un risultato invece insufficiente per il Belgio. Alla fine la partita sorride alla Croazia, si chiude a reti inviolate causando una dolorosa delusione al Belgio, terzo classificato ai Mondiali di Russia 2018. La nazionale di Lukaku ha creato tante occasioni, molte di più rispetto a tutte le altre partite giocate finora, ma non è riuscita a imboccare la strada della vittoria. Nel primo tempo è la Croazia a tenere il pallino del gioco, ma nella ripresa cambia qualcosa con l'ingresso di Lukaku. Il Belgio aumenta la pressione offensiva e le clamorose occasioni del secondo tempo sono di Lukaku. Un suo destro trova il palo interno, poi di testa mette fuori a porta vuota, ma è nel finale che compie l'errore che lo tormenterà: Lukaku si trova davanti la porta spalancata sul cross di Thorgan Hazard, ma di fatto sbaglia tutto e appoggia al portiere. La qualificazione è della Croazia, la nazionale belga lascia il campo tra i rimpianti.

Sempre nel gruppo F abbiamo la sorpresa del Marocco che passa agli ottavi come prima del girone grazie al successo sul Canada. Immediato il vantaggio dei marocchini, sono trascorsi solo quattro minuti di gioco: il portiere canadese esce dai pali, sbaglia il controllo e favorisce Ziyech che lo punisce con un tiro dai 25 metri. Al 23' ecco il raddoppio, En-Nesyri raccoglie il suggerimento di Hakimi e trafigge Boryan sul primo palo. Il Canada accorcia pochi minuti prima dell'intervallo per via di uno sfortunato autogol di Aguerd, che nel tentativo di contrastare il tiro-cross di Adekugbe devia il pallone nella propria porta. Nel recupero del primo tempo En-Nesyri firma la doppietta, ma è solo un'illusione perchè c'è il fuorigioco di un compagno, gol annullato. Nel secondo tempo il Canada va al forcing e il Marocco si difende con tutte le sue forze. Si sfiora il pareggio al 71' sugli sviluppi di un corner, Hutchinson colpisce la traversa di testa e sulla ribattuta Johnston incorna sopra la traversa. Il muro marocchino resiste fino alla fine e al triplice fischio festeggia il passaggio agli ottavi di finale.

Nel gruppo E abbiamo l'eliminazione dal Mondiale della Germania, che subisce una dura beffa: vince contro la Costa Rica, ma è fuori dalla competizione a causa della vittoria del Giappone sulla Spagna che porta la differenza reti a favore dei nipponici. Un'autentica impresa sportiva per il Giappone, che si realizza tra le polemiche: il gol decisivo era stato inizialmente annullato dall'arbitro perchè il pallone era fuori dalla linea, ma il Var ha modificato la decisione del direttore di gara e ha convalidato la rete. Gli asiatici sono riusciti a rimontare il vantaggio iniziale firmato da Morata, un colpo di testa su assist di Azpilicueta. Con il gol di Morata la Spagna condivide con l'Inghilterra il primato di miglior attacco della competizione. Al 48' il neoentrato Doan sforna una sassata col sinistro e regala il pareggio ai suoi. Pochi minuti dopo gli asiatici raddoppiano: Tanaka segna a porta vuota dopo che Mitoma ha rimesso dentro un pallone, l'arbitro però annulla perchè ritiene che la palla abbia varcato la linea di fondo. Il Var, però, dice che la palla è dentro: 2-1 Giappone. Il finale è ad altissima tensione, tutti hanno un occhio buttato su cosa succede tra Costa Rica e Germania. Non succede altro, il Giappone chiude primo nel girone e la Spagna seconda.

Per quanto riguarda Costa Rica - Germania, la gara inizia con la forte pressione offensiva della Germania che passa in vantaggio dopo dieci minuti con il colpo di testa di Gnebry. Nel primo tempo i tedeschi collezionano palle gol, d'altro canto la Costa Rica sfiora il pareggio al 43' con Fuller, abile a sfruttare il controllo sbagliato di Raum per poi concludere verso la porta, ma c'è Neur che alza sulla traversa. Nella ripresa la Costa Rica trova il pari al 58' con Tejeda e addirittura passa in vantaggio al 70' con Vargas. A questo punto i tedeschi reagiscono e tra il 73' e l'85' Havertz segna due gol e riporta avanti i suoi, poi all'89' arriva anche il 2-4 firmato da Fullkrug. Nulla da fare, Germania e Costa Rica escono entrambe deluse da questa partita e dal Mondiale.

Risultati fase a gironi 30/11/2022

Tantissime le emozioni in questo turno, e non meno le sorprese. La più eclatante è la qualificazione agli ottavi dell'Australia, che elimina la Danimarca molto più quotata. Stupisce anche la vittoria della Tunisia sulla Francia, ma deve comunque lasciare il Mondiale con la coda tra le gambe per il contestuale successo degli australiani. L'Argentina trova il successo contro la Polonia, che comunque guadagna gli ottavi grazie alla differenza reti con il Messico, pure vincente contro l'Arabia Saudita.

Una giornata amarissima per la Tunisia, che riesce a sconfiggere i campioni del mondo in carica ma va comunque fuori dal Mondiale a causa della vittoria dell'Australia. La partita regala davvero poche emozioni, con la Francia schierata con quasi tutte le riserve. Le uniche due vere occasioni dei Blues durante la partita sono un destro di Kolo Muani deviato fuori di pochissimo e un gol annullato a Griezmann per fuorigioco nel finale. Il gol che consegna alla Tunisia un'onorevole vittoria è di Khazri, che supera Varane in velocità e scarica in rete. È l'unica rete del torneo per la Tunisia, che forse avrebbe meritato qualcosa di più.

L'Australia ha messo la parola fine alle speranze dei tunisini vincendo sorprendentemente contro la Danimarca per 1-0. Un risultato scioccante, che porta gli australiani agli ottavi per la seconda volta nella storia. La partenza è di marca danese, che subito prova a impostare il gioco accaparrandosi i principali spazi di manovra. L'Australia si oppone al pressing e gioca ad abbassare i ritmi. La Danimarca ha un'ottima occasione per passare avanti al 29' con una splendida imbucata di Eriksen per Lindstrom, che salta un avversario, mette al centro ma senza trovare nessun compagno. Nel secondo tempo l'Australia appare più propositiva e alla fine è suo il gol del vantaggio su contropiede: Leckie accelera sul filo del fuorigioco e vince l'uno contro uno con Maehle per poi infilare il portiere con un destro all'angolino. Nel finale la Danimarca va all'assedio e cerca il gol in tutti i modi, ma senza successo, al triplice fischio lascia il Mondiale con la coda tra le gambe.

L'Argentina passa agli ottavi come prima del gruppo, contro la Polonia sbaglia un rigore con Messi ma trova il successo grazie a Mac Allister e Alvarez. La Polonia, che in questa partita mostra un atteggiamento abbastanza rinunciatario, può comunque festeggiare perchè grazie alla differenza reti conquista il pass per gli ottavi. Il primo episodio decisivo arriva nel finale del primo tempo: Szczesny in uscita colpisce Messi al volto e l'arbitro assegna un calcio di rigore all'Argentina. Ma subito il portiere polacco si riscatta perchè riesce a parare il rigore calciato dallo stesso Messi. L'Argentina passa comunque avanti all'inizio del secondo tempo con un rasoterra di Mac Allister su assist di Molina dalla destra, questa volta Szczesny non può nulla. Al 67' ecco il raddoppio grazie a una perla di Alvarez, che in area si gira e trafigge Szczesny con uno splendido sinistro. Nel finale la Polonia gioca soprattutto per non prendere cartellini gialli, dato che con il Messico avanti 2-0 avrebbe potuto essere decisiva la classifica fair-play. Un gol dell'Arabia nel finale, però, consente ai polacchi di passare agli ottavi grazie alla differenza reti.

Una grande beffa per il Messico, che vince contro l'Arabia Saudita ma vede sfumare la speranza degli ottavi. Dopo un primo tempo abbastanza sgonfio, si rientra in campo con le squadre rinnovate dalle sostituzioni. Il match si sblocca al 47', Martin devia il pallone in rete sugli sviluppi di un corner. I sauditi si fanno trovare di nuovo impreparati su un calcio piazzato al 52', splendido il sinistro di Chavez da oltre 25 metri. Nel finale Al-Dawsari si ritrova davanti alla porta dopo una combinazione con Bahbri e fulmina il portiere firmando il gol della bandiera. A fine partita, le dimissioni del c.t. messicano Gerardo Martino.

Risultati fase a gironi 29/11/2022

Le partite disputate il 29 novembre sono: Ecuador - Senegal (1-2), Olanda - Qatar (2-0), Iran - Stati Uniti (0-1), Galles - Inghilterra (0-3).

Nell'ultima giornata del gruppo A Ecuador e Senegal si giocano l'accesso agli ottavi di finale: chi vince, passa. Il Senegal mostra maggiore convinzione e qualità di gioco e alla fine viene premiato dal risultato. Schierato con un 4-3-3 abbastanza spento, l'Ecuador subisce l'assalto degli avversari pronti a far male. Il muro dei sudamericani crolla quando Sarr viene atterrato in area, lo stesso giocatore firma l'1-0 dal dischetto. L'Ecuador scende in campo nel secondo tempo cercando di impostare un gioco più offensivo, ma il Senegal si difende con ordine. Tuttavia, su un calcio d'angolo il pallone spizzato da Torres arriva a Caicedo che insacca a porta vuota. Due minuti dopo ci pensa Koulibaly a riportare avanti i suoi sugli sviluppi di una punizione. L'Ecuador tenta il forcing finale ma senza successo, il Senegal è agli ottavi.

Tutto facile per l'Olanda, che batte il Qatar per 2-0 e passa agli ottavi come prima del gruppo. Si potrebbe definire una partita tranquilla, il Qatar già eliminato non ha più nulla da perdere e non fatica più di tanto, uscendo a testa bassa dal suo Mondiale senza un punto. La nazionale ospitante regge fino al guizzo di Gakpo che infila il pallone all'angolino. Nel secondo tempo, subito arriva il 2-0: cross di Klaassen prolungato da Modiba, Depay tira, il portiere respinge ma non può nulla sul tap-in di De Jong. Nei minuti restanti è ancora l'Olanda a collezionare occasioni come un gol annullato e una traversa, e alla fine supera il girone con il minimo sforzo.

Agli Stati Uniti basta un gol per conquistare il pass per gli ottavi di finale, piazzandosi al secondo posto nel girone alle spalle dell'Inghilterra. Come da pronostico, sono gli USA a fare la partita partendo a ritmi altissimi e costringendo l'avversario nella propria metà campo. Il gol del vantaggio arriva al minuto 38: taglio di McKennie per Dest che colpisce di testa per Pulisic che insacca con il destro. Nella ripresa l'Iran deve cercare il gol del pareggio ma l'avversario non concede spazi, e anche quando nel finale gli iraniani prendono campo non si rendono mai realmente pericolosi. L'Iran ha una buona occasione nel finale con un colpo di testa di Pouraliganji sulla punizione di Ramin, il pallone rotola poco a lato dal palo di Turner. Finisce 1-0, festeggiano gli Stati Uniti.

L'Inghilterra chiude la fase a gironi con un primo posto in classifica nel gruppo B. Nel derby britannico gli uomini di Southgate asfaltano il Galles, dal canto suo poco incisivo in fase offensiva. La prima frazione di gioco è di marca inglese, per poco Rashford non sigla l'eurogol con una splendida rovesciata al 39' che spedisce il pallone di poco a lato. Il primo tiro in porta dei gallesi si registra al minuto 50 con Allen. Nel secondo tempo l'Inghilterra archivia la pratica in meno di due minuti. Prima Rashford sblocca il risultato su punizione, poi al 51' Foden raddoppia con un sinistro vincente su assist di Kane. Il Galles si scuote ma è troppo tardi, nel finale si continua a vedere solo l'Inghilterra che trova il tris ancora con Rashford, è una vittoria facile che proietta gli inglesi verso la fase a eliminazione diretta.

Risultati fase a gironi 28/11/2022

Anche in questo turno abbiamo delle squadre che si qualificano agli ottavi con un turno di anticipo. Si tratta di Brasile (gruppo G) e Portogallo (gruppo H), che sconfiggono rispettivamente Svizzera e Uruguay.

Tanti gol e colpi di scena in Camerun - Serbia, partita che però lascia entrambe le nazionali con l'amaro in bocca: l'esito finale è un 3-3 che potrebbe non essere sufficiente per passare agli ottavi. La Serbia va subito vicinissima al gol con una conclusione di Mitrovic da posizione angolata che centra in pieno il palo. Intorno al ventesimo minuto ecco il gol del Camerun, Castelletto sfrutta la deviazione di un compagno di squadra e sorprende la retroguardia serba. Nel recupero del primo tempo, però, la situazione si ribalta con il gol di testa di Pavlovic su punizione e il sinistro vincente di Milinkovic-Savic. Nella ripresa Mitrovic si riscatta dalle occasioni fallite e sigla il 3-1. Il Camerun non si perde d'animo e il neoentrato Aboubakar regala il secondo gol ai suoi con un elegante pallonetto, convalidato al Var dopo l'iniziale annullamento per fuorigioco. Due minuti dopo il gol, Aboubakar fornisce a Choupo-Moting l'assist per il definitivo 3-3.

Al Brasile basta un gol di Casemiro contro la Svizzera per volare agli ottavi di finale con un turno di anticipo. Il primo tempo è avaro di emozioni, Raphinha e Paquetà appaiono poco ispirati e l'unica chance reale è quella di Vinicius che trova la pronta risposta di Sommer. Nella ripresa la partita continua a procedere in maniera bloccata, con la Svizzera che si propone solo al 53' con un tentativo fallito da Widmer, per il resto il Brasile controlla il gioco ma fatica nella finalizzazione. All'83', però, un guizzo di Casemiro consegna la vittoria alla nazionale verdeoro, il destro di prima intenzione deviato da Akanji si insinua all'incrocio e premia i brasiliani.

Nel gruppo H si assiste a un'intensa gara tra Corea del Sud e Ghana, con la vittoria che va infine alla formazione africana, al suo primo successo in Qatar. Il primo tempo è di marca africana, il Ghana fa 2-0 nel giro di dieci minuti: prima una spizzata di Salisu sugli sviluppi della punizione battuta da Ayew, poi il gol di testa di Kudus su assist di Ayew. Nella ripresa, però, la Corea del Sud mostra una reazione di orgoglio. Al 58' Cho accorcia le distanze sul cross di Lee Kang-In, l'attaccante asiatico si scatena ed è lui a firmare il 2-2 tre minuti dopo con un colpo di testa. Il Ghana vede sfumare la vittoria e raccoglie le forze per ripristinare il vantaggio. Ci riesce: un liscio di Williams viene sfruttato repentinamente da Kudus, che firma la doppietta personale. Nei minuti finali la Corea del Sud va all'assalto, ma i ghanesi reggono l'urto e al triplice fischio possono sognare gli ottavi di finale.

Il Portogallo di Ronaldo passa agli ottavi grazie alla doppietta di Bruno Fernandes ai danni dell'Uruguay. Al minuto 54 il Portogallo passa avanti con un gol che inizialmente viene assegnato a Cristiano Ronaldo: Bruno Fernandes alza il pallone per il suo compagno, che sembra battere di testa Rochet. Qualche minuto più tardi, però, la FIFA attribuisce la rete a Fernandes perchè si ritiene che Ronaldo non abbia toccato con la testa. Al 75' Maxi Gomez mette i brividi al Portogallo con un tiro che si stampa direttamente sul palo. Al 93' Bruno Fernandes chiude i giochi con una doppietta su rigore, assegnato per un fallo di mano di Gimenez. Al 99' Fernandes sfiora addirittura la tripletta, che gli viene negata soltanto dalla parata di Rochet e dal palo. Finisce 2-0, il Portogallo festeggia il passaggio alla fase a eliminazione diretta.

Risultati fase a gironi 27/11/2022

Nella giornata di domenica 27 novembre scendono in campo i gironi E e F con le seguenti sfide: Giappone - Costa Rica, Belgio - Marocco, Croazia - Canada e Spagna - Germania.

Disastro Giappone contro la Costa Rica, i nipponici giocano una partita sbagliata sotto ogni punto di vista e cadono contro un avversario modesto, compromettendo le proprie chance di passaggio del turno. Il primo tempo è forse il più brutto a cui si è assistito in questo Mondiale, con entrambe le squadre a corto di idee. Nel secondo tempo il Giappone prova a fare qualcosa di più, ma l'approccio tattico è discutibile e alla fine arriva anche la beffa. Al minuto 81 Fuller si inventa un sinistro a giro che travolge Gonda, è 1-0, una vittoria storica per la Costa Rica.

Grande successo del Marocco sul Belgio, i nordafricani conquistano la prima vittoria in questo Mondiale e si portano in testa al gruppo F. Dall'altra parte, la squadra di Martinez aveva già mostrato lacune importanti contro il Canada e questa volta crolla miseramente: ora sarà fondamentale la sfida contro la Croazia. Il primo tempo si conclude a reti inviolate, il Belgio guida il gioco ma raramente si affaccia dalle parti di Munir. L'episodio più significativo è il gol su punizione di Ziyech che termina in rete, ma l'arbitro annulla per fuorigioco di Saiss. Nel secondo tempo il Marocco fa meglio e il gol arriva con Sabiri appena entrato, che da una punizione mette il pallone sul primo palo spiazzando Courtois. Il Marocco colpisce ancora nel recupero su un contropiede finalizzato al meglio da Aboukhlal, è il 2-0 definitivo.

La Croazia vince in rimonta ed elimina il Canada dal Mondiale. Eppure i canadesi passano in vantaggio dopo due minuti con Davies, bravo a sfruttare al meglio il cross di Buchanan per battere di testa Livakovic. Qualche minuto prima dell'intervallo Kramaric trova il pareggio con un sinistro su assist di Perisic, è 1-1. Poco dopo la Croazia effettua il sorpasso con Livaja, servito al limite da Juranovic, destro di prima intenzione ed è rete. Nella ripresa il Canada non riesce più ad agganciare l'avversario, che arrotonda ulteriormente il vantaggio. Al 70' Perisic salta l'uomo e scarica per Kramaric che va alla doppietta personale, poi in pieno recupero la Croazia chiude i giochi con il gol di Majer servito da Orsic.

1-1 tra Francia e Germania, un risultato che costringe i tedeschi a vincere contro la Costa Rica per avanzare alla fase successiva del Mondiale. Si prospettava una partita ricca di spettacolo ad Al Khor e le due nazionali non hanno deluso le aspettative. Nel primo tempo si registrano una traversa di Dani Olmo e un gol annullato a Rudiger, nella seconda frazione le due squadre si affrontano trascinate soprattutto dai due centravanti, Morata e Fullkrug. La Spagna passa avanti per prima al 62' con Morata, che raccoglie il pallone servitogli dalla sinistra da Jordi Alba e beffa il portiere con un elegante esterno destro. La Germania rischia subito di subire il secondo gol con Asensio su un'altra discesa di Jordi Alba, ma l'attaccante del Real Madrid calcia alto sopra la traversa. I tedeschi spingono e all'82' pareggiano sugli sviluppi di una bella azione in velocità, Fullkrug viene innescato da un passaggio filtrante di Unai Simon e fulmina il portiere con un gran diagonale. Entrambe le squadre cercano la vittoria nel finale, senza successo. Il destino della Germania al Mondiale rimane appeso a un filo.

Risultati fase a gironi 26/11/2022

In questo turno non ci sono grandi sorprese. Vincono Australia, Polonia, Francia e Argentina, rispettivamente contro Tunisia, Arabia Saudita, Danimarca e Messico. La Francia è la prima squadra a qualificarsi per gli ottavi di finale.

L'Australia conquista la sua prima vittoria nel Mondiale riaprendo il discorso qualificazione. Il gol vittoria arriva al minuto 22: cross di Goodwin dalla sinistra, Mitchell Duke sconfigge Dahmen con un colpo di testa. Nel finale del primo tempo la Tunisia ha un paio di occasioni per il pareggio con Drager e Msakni, ma nulla da fare. Nel secondo tempo le aquile di Cartagine controllano la partita ma senza creare mai veri pericoli. L'Australia si fa vedere solo con il mancato impatto di Leckie dentro l'area piccola che avrebbe portato al raddoppio, per il resto la Tunisia va all'assalto nel finale ma senza successo, complice la lucidità di Ryan tra i pali.

Blitz della Francia contro la Danimarca, i Blues si qualificano agli ottavi con un turno di anticipo grazie alla doppietta di Mbappè. Dopo un primo tempo dominato dai francesi ma chiuso a reti inviolate, sebbene con un paio di ottime occasioni per Rabiot e Mbappè, i Blues trovano la chiave per vincerla nel secondo tempo. La Francia passa avanti al 61' con un gol di Mbappè, aiutato dalla deviazione di Christensen. Subito arriva il pari della Danimarca sugli sviluppi di un corner, la spizzata di Andersen consegna il pallone a Christensen, che anticipa Rabiot e gonfia la rete. Al minuto 87 è ancora Mbappè ad andare a segno e a consegnare la vittoria ai suoi, basta un tocco di coscia sul cross di Griezmann, colpevoli anche Kristensen e Schmeichel che non esce.

L'Argentina rinasce dopo il durissimo ko contro l'Arabia Saudita, batte il Messico e si rimette in carreggiata, direzione ottavi di finale. La prima frazione di gioco è abbastanza deludente per l'Albiceleste, con Leo Messi chiuso dalla retroguardia avversaria. Ma è proprio la Pulce a guadagnare un ottimo calcio di punizione a inizio ripresa, che però calcia male. Non demorde Messi, che trova il suo ottavo gol nella fase finale di un Mondiale con un potente sinistro dal limite. La reazione del Messico non arriva e così Enzo Fernandez può approfittarne siglando il 2-0 con una perla sotto l'incrocio.

Risultati fase a gironi 25/11/2022

Il Qatar è fuori dai Mondiali e si classifica come la peggior nazionale ospitante della storia. L'unica speranza era non perdere contro il Senegal, non ce l'ha fatta e ora rimane solo l'ultimo appuntamento contro l'Olanda, inutile per la statistica. Il Senegal conquista la prima vittoria nel Mondiale del continente africano. Dia protagonista, sblocca il risultato che viene poi arrotondato da Diedhiou. A questo punto il Qatar reagisce con le due parate di Mendy e il gol di Muntari, ma all'84' arriva la terza rete del Senegal firmata che Ndiaye, che spegne definitivamente le speranze del Qatar.

A condannare la nazionale ospitante c'è anche l'1-1 fra Olanda e Ecuador, un esito che fa comodo a entrambe le formazioni. La prestazione degli olandesi è opaca, ma ad ogni modo sono prossimi al passaggio agli ottavi. L'Ecuador fa invece un'ottima figura, segna due gol (uno annullato), timbra una traversa e a tratti assume il pieno controllo del match. Gli Orange passano subito in vantaggio con il secondo gol consecutivo di Gakpo, un bel mancino dal limite dell'area. L'Ecuador risponde con il solito Enner Valencia, che dopo la doppietta dell'esordio segna ancora con un tap-in e si prende la vetta della classifica marcatori a quota 3 gol.

Nel gruppo B l'Iran vince contro il Galles. Dopo un primo tempo dinamico ma con poche occasioni, l'Iran cambia il ritmo nella ripresa, agevolato anche dall'espulsione di Hennessey. Nel recupero l'Iran trova ben due gol che valgono la vittoria. Siamo al minuto 98 quando Cheshmi sfrutta una respinta corta della difesa gallese e fa partire un destro dai 25 metri sul quale Ward non può nulla. Tre minuti dopo una ripartenza orchestrata da Taremi si conclude con il tocco vincente di Rezaeian, è 2-0, festeggia l'Iran.

L'Inghilterra fallisce l'obiettivo di ottenere la qualificazione con un turno di anticipo, pur avendo già un piede negli ottavi. Il match contro gli Stati Uniti termina 0-0, e sono stati gli americani a rendersi più pericolosi creando le maggiori occasioni da rete. Adam e Musah mettono paura agli avversari in più di una circostanza, Pulisic colpisce con un gran tiro la traversa. Nella ripresa gli inglesi si trovano ancora costretti a difendersi dal pressing avversari, per poi riequilibrare la gara grazie a qualche sostituzione. A questo punto gli USA si sono accontentati del pari e si sono occupati più di controllare, rischiando davvero solo sul colpo di testa di Kane a lato durante il recupero.

Risultati fase a gironi 24/11/2022

Proseguono le battaglie nei vari gironi, con la giornata del 24 novembre che vede andare in scena Svizzera - Camerun, Uruguay - Corea del Sud, Portogallo - Ghana e Brasile - Serbia.

Svizzera - Camerun viene decisa da un giocatore che paradossalmente ha l'anima divisa a metà fra queste due squadre. Breel Embolo è infatti nato in Camerun per poi trasferirsi nella Confederazione elvetica a 6 anni: è suo il gol che consegna la vittoria alla Svizzera, il giocatore non esulta. Eppure nel primo tempo il Camerun si mostra meglio organizzato in campo, dopo dieci minuti Mbeumo conclude in porta ma Sommer respinge; alla mezz'ora un diagonale di Hongla impegna il portiere, al 35' Widmer effettua un salvataggio decisivo su Widmer. Nella ripresa, però, il Camerun crolla. Un colpo di tacco di Vargas trova Freuler, che allarga per Shaqiri il quale a sua volta pesca Embolo solo al centro dell'area, è gol. Ora la gara è in discesa per la Svizzera, l'unico brivido è una chance per Choupo-Moting neutralizzata da una parata di Sommer. Finisce 1-0, la Svizzera festeggia e attende l'altra gara del gruppo G in programma in serata.

Una partita, l'altra del gruppo G, dall'esito abbastanza prevedibile. Il Brasile incontra la Serbia, dà lezioni di calcio e vince con un netto 2-0. La prima rete è al minuto 17, Neymar dal centro pesca Vinicius che da sinistra calcia, sulla deviazione di Minilinkovic Savic Richarlison è bravo a insaccare. Al 28' è ancora il turno di Richarlison, che con uno stop al volo con annessa sforbiciata sul cross di Vinicius mette a segno il 2-0 nella maniera più elegante possibile. La Serbia non riesce a reagire, al massimo riesce a limitare i danni giocando una partita molto difensiva e al triplice fischio può solo arrendersi alla forza degli avversari.

Nel gruppo H Uruguay e Corea del Sud non vanno oltre lo 0-0. È il quarto pareggio senza gol del Mondiale e in questo caso la partita ha regalato poche emozioni. La Corea cerca subito di far girare palla in maniera dinamica, ma fatica a trovare sbocchi, merito anche della buona difesa di Alonso. La grande palla gol per i coreani arriva al 34', con Hwang Uijo che scarica sopra la traversa un pallone perfetto servitogli da Kim Moonhwan. Al 43' Godin colpisce il palo di testa sugli sviluppi di un corner. Il secondo tempo rimane statico proprio come il primo, l'occasione maggiore della ripresa è un destro da fuori di Valverde che schiaccia il pallone direttamente sul palo. Poco dopo, un tiro di Son termina a lato di poco e nulla si smuove neanche negli otto minuti di recupero.

Portogallo - Ghana è stata una partita intensa e ricca di gol. Gli occhi sono puntati su Cristiano Ronaldo, che guida un Portogallo tutt'altro che brillante, ma che comunque si salva nel finale. Il primo tempo è abbastanza scarico, la chance più ghiotta è del Portogallo al nono minuto con Ronaldo che a tu per tu con il portiere si allunga troppo la sfera e perde l'attimo. Il primo squillo del Ghana è al 54', con Kudus che dribbla un paio di avversari e prova il tiro dal limite dell'area, che termina non così lontano dal palo. La svolta arriva al 62', Ronaldo viene atterrato in area in un contrasto con Dias, l'arbitro assegna il penalty. Sul dischetto va e trasforma il tiro lo stesso Ronaldo, che taglia un altro record: è il primo giocatore al mondo ad aver segnato in cinque Mondiali. Dieci minuti più tardi, però, il Ghana reagisce con la rete di Ayew da pochi passi. Al 78' un passaggio filtrante di Bruno Fernandes mette Joao Felix in condizione di segnare il 2-1, poi è ancora Bruno Fernandes a servire al neoentrato Rafa Leao l'assist per la rete del 3-1. Al minuto 89, complice una svista della difesa portoghese, il Ghana accorcia le distanze con Bukari. Il Portogallo trema al 99', con Inaki Williams che ruba il pallone al portiere Diogo Costa e scivola al momento del tiro, con Danilo Pereira a salvare sulla linea di porta.

Risultati fase a gironi 23/11/2022

Il 23 novembre è il turno dei gruppi E e F. Le partite disputate in questa giornata sono state: Marocco - Croazia, Belgio - Canada (gruppo F), Germania - Giappone e Spagna - Costa Rica (gruppo E).

Termina senza gol il match fra Marocco e Croazia. I vice campioni del mondo in carica vengono ostacolati, in particolare, dalle prodigiose parate di Bounou. In generale si assiste a una partita molto equilibrata, con un Marocco attento e mai domo, bravo a bloccare Modric e compagni nei tentativi di costruire il gioco. La Croazia va vicina al vantaggio nel finale del primo tempo con due occasioni per Vlasic e Modric, prima Bounou protegge in uscita, poi il pallone si alza sopra la traversa. Nella ripresa la sfida si accende, Bounou è ancora fondamentale sul colpo di testa di Perisic sugli sviluppi di un corner. Nulla da fare, nessuna delle due formazioni riesce a scalfire la corazza avversaria.

La seconda gara del gruppo F si conclude invece con la vittoria del Belgio sul Canada. Vittoria soffertissima per la squadra di Martinez, ma preziosa, dato che porta il Belgio solo in vetta al suo gruppo con 3 punti davanti a Marocco e Croazia. Tanta amarezza per il Canada, che ritorna nella fase finale del Mondiale dopo 6 anni. Eppure l'undici di Herdman domina la partita per tutto il primo tempo, sprecando una ghiotta occasione per il vantaggio con il calcio di rigore di Davies parato da Courtois. Nel finale di tempo, però, è il Belgio a passare avanti alla prima vera disattenzione difensiva degli avversari: il lancio lungo di Vertonghen sorprende la retroguardia del Canada, Batshuayi stoppa e sconfigge Borjan in uscita. Nella ripresa la sfida resta in bilico fino alla fine, ma al triplice fischio il gol che decide la partita rimane quello di Batshuayi.

Sorprende la vittoria del Giappone sulla Germania per 2-1, i nipponici vincono in rimonta contro una delle squadre più quotate di tutto il Mondiale. È stata una partita intensissima, in cui ci sono stati pali, traverse, clamorose palle gol e parate strepitose. Inizialmente la manovra offensiva dei tedeschi è più pressante, tant'è vero che sono loro a mettere la testa in avanti con il calcio di rigore trasformato da Gundogan. Tra la fine del primo tempo e l'inizio del secondo la Germania fallisce di tutto: una traversa, un palo, parate stupefacenti. E così lascia spazio alla rimonta del Giappone, che ha inizio al 76' con il tap-in vincente di Doan e si conclude all'83' con la conclusione di potenza di Asano.

Più prevedibile, invece, il successo della Spagna sulla Costa Rica, schiacciata con il punteggio di 7-0. C'è poco da dire se non che gli spagnoli hanno dato una grande lezione di calcio in una girandola di gol, occasioni e palle gol straordinarie, che certificano la forma smagliante della nazionale. Si comincia con un tocco morbido di Olmo all'11', Roja raddoppia al 21' con il mancino, Torres cala il tris al 31' su rigore. Il poker spagnolo si concretizza al 54' con Ferran, dieci minuti dopo ecco la manita con il destro in corsa di Gavi. Allo scoccare del 90' Soler insacca il 6-0, chiude le marcature Morata con un sinistro vincente.

Risultati fase a gironi 22/11/2022

È il momento di scendere in campo anche per le squadre dei gruppi C e D, con due partite per ciascun gruppo. Per il gruppo C si giocano Argentina - Arabia Saudita e Messico - Polonia, per il gruppo D Danimarca - Tunisia e Francia - Australia.

La sorpresa più grande della giornata è senza dubbio la vittoria in rimonta dell'Arabia Saudita sull'Argentina. Sembrava una gara già scritta, e di fatto gli argentini sono passati avanti dopo soli dieci minuti con un rigore di Leo Messi. Ma poi qualcosa va storto, che sia la tensione del debutto o altro, l'Argentina non riesce a mantenere la lucidità. A inizio ripresa pareggia Saleh Al-Shehri con un diagonale dopo un duello vinto contro l'ex Juve Romero, poi Salem Al-Dawsari raddoppia con una parabola splendida all'incrocio dei pali. L'Argentina va nel pallone e non riesce più a riemergere, all'Arabia Saudita va una vittoria storica.

La seconda partita del gruppo C, Messico - Polonia, termina senza reti; entrambe le squadre salgono a un punto in classifica alle spalle dell'Arabia Saudita. L'episodio chiave della partita è il calcio di rigore concesso alla Polonia nel secondo tempo. Lewandowski va sul dischetto e calcia male, Ochoa riesce nella respinta e a seguito della mischia in area il Messico si salva. Per il centravanti del Barcellona il Mondiale appare quasi come una maledizione, già nel 2018 non andò mai a segno nelle tre partite disputate. Il secondo tempo regala più emozioni rispetto al primo, ma nessuno riesce a trovare la via del gol e il risultato rimane impantanato sullo 0-0.

Pareggio a reti in bianco anche per Danimarca e Tunisia. All'Education City Stadium di Al Rayyan lo spettacolo non manca, il gol sì. L'avvio di gara sembra sorridere agli africani, che hanno una grande occasione in apertura con un destro di Drager deviato da Christensen che per poco non trova la porta. Uno dei principali protagonisti dell'incontro è Dahmen, che in più di un'occasione si rende autore di parate provvidenziali. Ma la chance più clamorosa è di Cornelius, che si ritrova il pallone sulla testa sugli sviluppi di un calcio d'angolo ma a un passo dalla porta colpisce in pieno il palo. Nel finale accese proteste della Danimarca per un fallo di mano di Meriah in area, ma Ramos rivede l'azione al Var e punisce il fallo in attacco degli scandinavi. La partita non si schioda dall'1-0 fino alla fine.

Più movimentata la sfida tra Francia e Australia, che si conclude con un 4-1 a favore dei Blues. Decimata dagli infortuni e sorpresa in avvio di gara dal gol di Goodwin al nono minuto, la Francia trova la chiave per rimontare. Il pareggio arriva al 27' con Rabiot su assist di Theo Hernandez, poi lo juventino serve il pallone del sorpasso a Giroud al 32'. Nella ripresa Mbappè firma il terzo gol (68') e poi ancora Giroud cala il poker definitivo al 71'. Con questo successo, i francesi salgono al comando del gruppo D.

Risultati fase a gironi 21/11/2022

La giornata del 21 novembre ha previsto due partite del gruppo B, Inghilterra - Iran e Stati Uniti - Galles, e una del gruppo A, Senegal - Olanda.

Quella fra Inghilterra e Iran è una partita particolare, dove non mancano i richiami alla difficile situazione politica iraniana. La nazionale guidata da Queiroz, infatti, non canta l'inno per protesta nei confronti del regime di Teheran; gli inglesi si inginocchiano in segno di solidarietà prima del fischio di inizio. Tutto facile per l'Inghilterra che trionfa con un netto 6-2 al termine di una partita lunghissima, ben 117 minuti complessivi. La nazionale inglese passa avanti al 35' con il gol di Bellingham, che anticipa tutti di testa, poi Saka raddoppia otto minuti più tardi. Il tris arriva nel recupero del primo tempo con la rete in volèe di Sterling. L'Inghilterra dilaga nella ripresa, Saka ottiene la doppietta personale con un mancino a giro al 62', pochi minuti dopo l'Iran accorcia le distanze con Taremi. Rashford entra al posto di Saka e segna dopo soli 49 secondi al minuto 71, all'89' Grealish chiude la partita sugli sviluppi di un contropiede. Al tredicesimo minuto di recupero Taremi firma la doppietta su rigore.

Più equilibrato il match fra Galles e Stati Uniti. La prima fase della partita si gioca a ritmi piuttosto bassi, gli USA fanno la partita e il Galles si difende, ma va sotto al 36': verticalizzazione di Pulisic per Weah, che supera Hennessey e apre le marcature. Nel secondo tempo i gallesi mostrano maggiore coraggio e collezionano due palle gol in pochi secondi al 64', prima Turner compie una grandissima parata su Davies, poi Moore colpisce di poco a lato. La svolta arriva all'80', quando Zimmermann stende Bale in area di rigore, sul dischetto va lo stesso Bale che non fallisce e firma l'1-1.

Nel girone A l'Olanda raggiunge l'Ecuador in vetta grazie alla vittoria sul Senegal campione d'Africa in carica. La partita è difficile e a tratti bloccata, tant'è vero che viene decisa soltanto nel finale. Nel primo tempo si registra una grande occasione per De Jong, che si ritrova solo davanti al portiere ma non calcia subito e viene fermato dalla difesa del Senegal. Nella ripresa Dia prova a sorprendere il portiere con un tiro di prima intenzione, ma Noppert si allunga e devia in angolo. All'85' Gakpo raccoglie un bellissimo lancio di De Jong, anticipa Mendy e deposita la sfera in rete per l'1-0. Durante il lungo recupero arriva il raddoppio dell'Olanda: conclusione di Depay che Mendy para ma non riesce a trattenere, sul pallone si avventa Klaassen per la rete del definitivo 2-0.

Risultati fase a gironi 20/11/2022

Il 20/11/2022 ha avuto ufficialmente inizio il Mondiale, con la cerimonia di apertura e la prima partita che ha visto contrapposte le nazionali di Qatar e Ecuador. La cerimonia è stata un grande show fra luci, bandiere e coreografie e non è mancato un ospite di eccezione, Morgan Freeman. L'attore statunitense ha dialogato con un giovane youtuber qatariota, Ghanim Al-Muftah, affetto da una malattia che ha impedito lo sviluppo degli arti inferiori. I due hanno svolto un dialogo sull'inclusione, con tanto di citazione di versetti del Corano.

È dell'Ecuador la prima vittoria nel campionato mondiale. I sudamericani sono stati ospitati allo stadio Al Bayt di Al Khor per l'unica partita in programma per domenica 20 novembre. Quella dell'Ecuador è stata una vittoria facile, che ha visto come protagonista in negativo il portiere del Qatar Saad Al Sheeb, che nel primo quarto d'ora di gara compie diverse disattenzioni. Cinque minuti dopo l'inizio della partita sbaglia completamente un'uscita concedendo agli avversari un pallone pericolosissimo, poi commette un fallo plateale in area di rigore che porta al penalty e conseguente 1-0 firmato da Valencia. Al 31' l'Ecuador raddoppia: recupero di Caicedo che serve Preciado, che a sua volta crossa in area trovando ancora una volta un impeccabile Valencia che sigla la doppietta personale. Nella ripresa i sudamericani gestiscono il risultato, dall'altra parte la nazionale qatriota si rende autrice di qualche tentativo verso la porta avversaria, ma senza successo.

La formula del Mondiale è la stessa della scorsa edizione. Sono previsti otto gironi all'italiana con partite di sola andata, formati da quattro squadre ciascuno. Al termine della fase a gironi la classifica decreterà le due squadre per ciascun gruppo che avranno accesso alla fase a eliminazione diretta, che comprende ottavi di finale, quarti di finale, semifinali e finale. Inizierà allora la fase più avvincente del campionato, con partite secche nelle quali può succedere di tutto. Come al solito, se allo scadere dei tempi regolamentari le squadre dovessero trovarsi in parità, si andrà ai tempi supplementari ed eventualmente ai tiri di rigore.

Le qualificazioni per i Mondiali sono iniziate a giugno 2019 e sono terminate a giugno 2022. L'unico club che risulta qualificato in partenza è quello del paese ospitante, ossia il Qatar: per il resto, la lista dei partecipanti al Mondiale si decide tutta in fase di qualificazione. Tuttavia, anche se già ammessa, la nazionale del Qatar partecipa ai turni di qualificazione perchè valide per l'accesso alla Coppa d'Asia 2023. Diversamente da quanto avveniva nelle edizioni passate, ogni confederazione è libera di organizzare in modo autonomo il proprio sorteggio.

Tra le squadre qualificate abbiamo nazionali fortissime come Francia e Spagna, classificate entrambe all'altezza di novembre 2021 in quanto prime in classifica dei propri gruppi delle fasi finali di qualificazione. Qualificato anche il Brasile, una delle squadre extraeuropee più temibili. L'Inghilterra è un altro club della UEFA qualificato che come al solito potrebbe creare non pochi grattacapi alle squadre di tutto il mondo. L'Italia, è stata clamorosamente esclusa dal Mondiale per la seconda edizione consecutiva dopo la sconfitta nello spareggio contro la Macedonia del Nord. Le altre squadre qualificate sono: Germania, Danimarca, Belgio, Croazia, Serbia, Svizzera, Paesi Bassi, Argentina, Iran, Corea del Sud, Giappone, Arabia Saudita, Ecuador, Uruguay, Canada, Ghana, Senegal, Portogallo, Polonia, Tunisia, Marocco, Camerun, Stati Uniti, Messico, Galles, Australia e Costa Rica.

Sono stati molto intensi i preparativi in Qatar in vista di questa edizione del Mondiale. Un'attenzione particolare da parte dell'organizzazione è stata riservata al tema della sostenibilità, come testimonia il fatto che sono stati creati impianti eco-friendly progettati in un'ottica di riuso futuro. Oltre al già esistente Stadio Khalifa, sono stati progettati e realizzati stadi modernissimi, la maggior parte dei quali sarà parzialmente smantellata al termine dei Mondiali. Gli impianti, infatti, sono studiati per poter essere riorganizzati in modo tale da ridurre la capienza e lasciare spazio, ad esempio, ad altri esercizi commerciali. Lo stadio Ras Abu Aboud sarà il primo stadio nella storia della Coppa a essere smantellato del tutto alla fine della competizione, la sua struttura servirà a costruire altri piccoli stadi nei paesi sottosviluppati.

Quale sarà la prossima nazionale ad aggiudicarsi la Coppa del Mondo? Nonostante la mancata qualificazione degli azzurri per la seconda edizione consecutiva, il Mondiale rimane un appuntamento da non perdere per qualsiasi appassionato di calcio. La storia ci racconta che in questa competizione può succedere davvero di tutto, dunque si prospettano grandi sorprese anche in questa edizione, la prima a essere disputata in una nazione mediorientale.

Chi vincerà i Mondiali? I bookmakers sono già al lavoro per analizzare le favorite dai pronostici. Una delle nazionali sulla quale puntano i quotisti è sicuramente il Brasile di Neymar, che ha dominato il girone di qualificazione e da troppi anni manca il piazzamento nelle prime posizioni nella competizione. Molto quotata è anche l'Argentina, campione in carica della Coppa America che corrisponde ai nostri Europei, la nazionale sudmericana vanta campioni del calibro di Messi e Di Maria che con ogni probabilità hanno solo Qatar 2022 come ultima occasione per alzare il trofeo. Avvicinandoci all'Europa, abbiamo la Francia campione in carica, pur essendo mutilata di alcuni talenti come Pogba o Maignan rimasti a casa per infortunio.

Lasciamo ora spazio a un breve salto nel passato con la sintesi degli eventi principali dei Mondiali in Russia 2018.

I Mondiali 2018 prendono il via il 14 giugno allo stadio Lužniki di Mosca, con la partita inaugurale. Le squadre partecipanti sono 32 e provengono dalle confederazioni di tutti icontinenti.

Dalla UEFA si sono qualificate 14 nazionali, tra cui la Russia già qualificata di diritto in quanto paese ospitante: gli altri club sono Spagna, Germania, Inghilterra, Belgio, Polonia, Francia, Islanda, Serbia, Portogallo, Svizzera, Croazia, Svezia e Danimarca.

Nei gironi del centro e nord America sono passate Messico, Panama e Costarica, mentre nel Sudamerica hanno avuto la meglio Brasile, Uruguay, Argentina, Colombia e Perù.

Dalla confederazione asiatica si sono classificate Giappone, Arabia Saudita, Iran, Corea del Sud, mentre la sola rappresentante dell'Oceania è l'Australia.

Dal continente africano hanno guadagnato il pass per i Mondiali Egitto, Nigeria, Tunisia, Marocco e Senegal.

Il torneo ha inizio con la fase a gironi: 32 nazionali partecipanti suddivise in 8 gruppi da 4 squadre ciascuno. Le prime due classificate di ogni girone si qualificano per la fase successiva, che si svolge attraverso match ad eliminazione diretta.

Le squadre che accedono alla fase a eliminazione diretta sono: Uruguay, Portogallo, Francia, Argentina, Brasile, Messico, Belgio, Giappone, Spagna, Russia, Croazia, Danimarca, Svezia, Svizzera, Colombia e Inghilterra.

Dal 30 giugno partono gli ottavi di finale. Essendo sfide secche, in caso di pareggio si va ai tempi supplementari ed eventualmente ai calci di rigore. Si passa poi ai quarti, da cui escono le quattro semifinaliste, che si sfidano per stabilire chi accederà alla finale.

La prima semifinale viene disputata il 10 luglio alla Zenit Arena di San Pietroburgo e vede la prevalenza della Francia sul Belgio per 1-0. La seconda semifinale si gioca il giorno successivo allo stadio Lužniki di Mosca, dove la Croazia batte l'Inghilterra per 2-1.

Le squadre vincenti si affrontano il 15 luglio, nel corso della finalissima dei Mondiali 2018: a trionfare è la Francia con un punteggio di 4-2, i Blues si laureano campioni del mondo per la seconda volta nella loro storia.