Logo SNAI

 

Sport

Non puoi giocare più di 10 esiti per avenimento

Mondiali Qatar 2022

Il Qatar si prepara ad ospitare il campionato mondiale di calcio, che quest'anno avrà un sapore decisamente diverso. Tanti gli stravolgimenti rispetto alla passata edizione, quando la pandemia da Covid ancora non aveva modificato regole e abitudini di sportivi e tifosi. Ma c'è anche un'altra novità: per la prima volta nella storia, non si giocherà nei mesi estivi ma a novembre e dicembre. Questa scelta è dovuta al clima del Qatar, territorio caratterizzato dalle temperature molto alte nel periodo estivo.

Dalle scommesse antepost alle giocate live, puoi vivere le emozioni dei Mondiali 2022 aprendo il tuo conto gioco SNAI. Sulla piattaforma potrai consultare le quote di tutti gli appuntamenti della più prestigiosa competizione calcistica mondiale.

Approfondisci sul nostro sito le quote calcolate dai bookmakers e piazza le tue giocate in modo semplice, veloce e del tutto sicuro!

Dal 21 novembre al 18 dicembre 2022 le squadre di tutto il mondo scenderanno in campo per stabilire chi si aggiudicherà il titolo di campione. Un appuntamento imperdibile, che ha il potere di richiamare gli appassionati di calcio da ogni angolo del globo.

L'edizione 2022 sarà l'ultima a prevedere la partecipazione di 32 squadre nazionali. Dal 2026, infatti, il Mondiale verrà esteso a 48 squadre. Le qualificazioni alla manifestazione sono iniziate a giugno 2019 e termineranno nella primavera del 2022, l'unica nazionale qualificata in partenza è il Qatar, in quanto appartenente al paese che ospita l'evento. Il Qatar è al suo esordio nei Mondiali e questo contribuisce ad aumentare l'entusiasmo dell'intero paese, che ha lavorato molto in questi anni per farsi trovare pronto in vista di questo importante appuntamento.

La preparazione dei Mondiali in Qatar, infatti, si è svolta con grande impegno da parte del paese organizzatore. Un primo fattore che lo testimonia è l'attenzione che è stata rivolta agli stadi che ospiteranno le partite. Il principio che ha animato la loro costruzione è la sostenibilità. Oltre al già pronto Stadio Khalifa, sono stati progettati nuovi stadi di ultima generazione, studiati tenendo in grande considerazione la possibilità di riuso e il risparmio energetico.

Ecco allora che la gran parte degli stadi, al termine dei Mondiali, verranno riorganizzati e alcune parti saranno donate ai paesi in via di sviluppo per edificare impianti sportivi. Lo Stadio Ras Abu Aboud sarà addirittura il primo stadio della coppa del mondo a essere interamente smantellato alla fine del torneo.

Il sorteggio della fase a gironi avrà luogo ad aprile 2022, una volta conclusa la prima fase di qualificazione. La formula prevede otto gironi all'italiana con partite di sola andata, ciascuno dei quali si compone di quattro squadre. Per ogni gruppo si stilerà una classifica tenendo conto dei seguenti criteri, riportati in ordine di importanza: maggior numero di punti, miglior differenza reti, maggior numero di reti segnate.

Le prime due squadre nazionali di ogni gruppo accederanno alla fase a eliminazione diretta, che si divide in quattro turni: ottavi di finale, quarti di finale, semifinali e finale. Le partite saranno gare uniche che potranno eventualmente prolungarsi e ai supplementari e, in caso di persistenza di parità, ai calci di rigore.

Al centro dell'attenzione ci sono i club che vantano una storia prestigiosa nel panorama del calcio mondiale. Tra le squadre che si sono già qualificate figura, ad esempio, il Brasile, club noto in tutto il mondo per la qualità del suo calcio. Per l'Europa abbiamo squadre blasonate che possono fare la differenza come Germania, Spagna e i campioni in carica della Francia; tra le squadre di medio livello sono già qualificate Croazia, Svizzera e Paesi Bassi, mentre l'Italia è stata incredibilmente eliminata dal Mondiale per la seconda edizione di fila, questa volta in occasione dello spareggio contro la Macedonia del Nord.

Estate 2018: la Russia ha ospitato per la prima volta la straordinaria manifestazione dei Mondiali di calcio. Oltre alla sportività, la competizione dei Mondiali ha sempre offerto grande spettacolo calcistico, mettendo in mostra nazionali e campioni di altissimo livello.

Si è giocato dal 14 giugno al 15 luglio 2018. Protagoniste della competizione di calcio più prestigiosa del mondo sono state 32 squadre, raggruppate in otto gironi da quattro squadre ognuno. Uno dei pregi dei Mondiali di calcio è quello di mostrare grande varietà di stili di gioco, vista la presenza di formazioni provenienti da ogni parte del mondo, che concepiscono il calcio in maniera talvolta profondamente diversa.

Al centro dell'attenzione anche i 12 impianti sportivi russi: lo Stadio Lužniki di Mosca in cui si è giocata la finalissima, la Spartak Arena di Mosca, la Zenit Arena di San Pietroburgo, l'Arena Baltika di Kaliningrad, la Kazan Arena, il Nižnij Novgorod, il Futbol'nyj stadion di Samara, la Volograd Arena, la Mordovija Arena di Saransk, la Rostov Arena, lo Stadio Olimpico Fist di Sochi e lo Stadio Centrale di Ekaterinburg.

La competizione è stata popolata da nazionali dalla cultura calcistica completamente differente. Partiamo dal continente asiatico, ad esempio, che proponeva 4 squadre: Corea del Sud, Giappone, Iran e Arabia Saudita. Andando più a sud abbiamo visto una delle formazioni che tradizionalmente prende parte alla competizione, l'Australia, a rappresentare l'Oceania, visto che la Nuova Zelanda è stata sconfitta nello spareggio con il Perù. Dalle qualificazioni del continente africano sono arrivate invece 5 squadre: Senegal, Nigeria, Marocco, Tunisia ed Egitto. I gironi sudamericani hanno visto il dominio del Brasile, vincitore del gruppo con diverse giornate di anticipo. Le squadre che hanno fatto compagnia ai verdeoro in Russia sono 4: Argentina, Perù, Colombia e Uruguay. Dal centro-nord America hanno ottenuto la qualificazione Costa Rica, Panama e Messico.

Una delle confederazioni più affollate è la UEFA, che ha organizzato ben 9 gruppi di qualificazione da sei squadre ciascuno. Le nazionali partecipanti al torneo, oltre alla Russia già inclusa di diritto, sono state ben 13: le fortissime Germania, Francia, Spagna, Inghilterra, Portogallo e Belgio; nazionali di fascia medio-alta come Svizzera, Croazia e Polonia; squadre di ottimo livello come Serbia, Islanda, Danimarca e Svezia.

Al termine del lungo cammino dei Mondiali, nella finalissima si sono incontrate le nazionali di Francia e Croazia, quest'ultima alla sua prima finale del campionato mondiale. A Mosca la Croazia apre la partita con grande lucidità e domina la prima fase del match, nonostante ciò è la Francia a sbloccare il punteggio con un autogol di Mandzukic al 18'. Dieci minuti dopo, la Croazia pareggia con Perisic. Poco prima dell'intervallo, però, è Perisic stesso a commettere un fallo di mano in area di rigore che vale il penalty per gli avversari. Dagli undici metri si posiziona Griezmann, che non sbaglia e ripristina il vantaggio dei Blues.

Nel secondo tempo la Francia supera gli avversari grazie a due gol in pochi minuti, gli autori sono Pogba e Mbappé. Mandzukic rimedia all'autogol iniziale siglando un gol su un clamoroso errore del portiere francese, ma non basta. L'esito della sfida è un emozionante 4-2 a favore dei francesi, che alzano al cielo la Coppa del mondo per la seconda volta, vent'anni dopo il primo successo.