Registrati su SNAI

Calendario Serie A

In questa sezione del sito SNAI.it puoi accedere al calendario completo di tutte le squadre, guardare sia i risultati dei match trascorsi che le prossime partite sulle quali potrai scommettere. Potrai scegliere la modalità di visualizzazione che ti è più comoda, dalle singole giornate di campionato al calendario completo di tutto il mese; anticipi, posticipi, partite infrasettimanali e recuperi, grazie al calendario di SNAI.it non perderai mai una notizia e saprai sempre su quale match potrai scommettere. Da queste pagine potrai poi accedere con facilità alle statistiche delle singole squadre e le quote per i prossimi incontri, tutto quello che ti serve per piazzare il tuo pronostico. Inoltre, grazie alla app di SNAI potrai consultare il calendario della Serie A non solo dal tuo pc ma anche da tablet e smartphone.

Date e orari del calendario di Serie A

La Serie A è tra i principali campionati per club tra quelli disputati nel vecchio continente assieme alla Premier League inglese, La Liga spagnola, la Bundesliga tedesca e la Ligue 1 francese. Come per tutti gli altri campionati di prima fascia, il calendario della Serie A viene generalmente estratto in estate, prima della chiusura del calciomercato, e reso noto dalla FIGC, Federazione Italiana Giuoco Calcio. La stessa Federazione stabilisce una data d'inizio e fine del periodo in cui si possono disputare le gare, tenendo in considerazione la compatibilità con eventuali competizioni calcistiche internazionali (Europei, Copa America, Mondiali) ed eventi sportivi dall'alto impatto mediatico (Olimpiadi).

Il calendario deve inoltre comprendere delle pause per i match di preparazione delle squadre Nazionali. Queste esigenze di calendario, in aggiunta all'importanza sempre più preponderante delle televisioni che vogliono trasmettere la Serie A ad un pubblico più vasto, internazionale e bramoso del nostro calcio, hanno fatto si che date e orari cambiassero totalmente dal classico appuntamento domenicale delle 15, che accompagnava il grande pasto del fine settimana, al simpatico neologismo “campionato spezzatino” dove tutte le ore sono buone per riempirle con un match.

Con SNAI.it potrai restare aggiornato su ogni singolo match in programma, dare un'occhiata ai risultati degli incroci passati e piazzare la tua scommessa su tutte le partite in calendario. Fai come i grandi allenatori della Serie A, studia in anticipo il calendario cercando di intuire quale sarà il momento più favorevole per una formazione, il filotto di partite più semplici, le settimane più dure per via dell'incastro con le competizioni europee o la presenza di più big match consecutivi. Trasformati da esperto di calcio a scommettitore esperto grazie a SNAI.it.

Storia del calendario di Serie A

Quando pensiamo al campionato di calcio della Serie A e al relativo calendario siamo abituati a immaginare una lunga competizione che si protrae nei mesi e vede sfidarsi vicendevolmente la migliore ventina di compagini calcistiche italiane. Ventina poiché il numero delle partecipanti al campionato della massima serie nostrana è spesso variato nel corso della sua lunga storia, da 18 squadre alle 20 introdotte dalla stagione 2004-05 per esempio, passando per l'edizione con più squadre ad essersi mai disputata: 1947-48, l'allora presidente della Lega Piero Pedroni istituì un campionato a 21 squadre.

D'altronde per gli abitanti dello stivale l'idea del calendario calcistico è quasi ancestrale, connaturata nel nostro DNA, non a caso la formula dei due gironi di andata e ritorno dove tutte le formazioni si scontrano vicendevolmente due volte viene anche definita “girone all'italiana”, un tipo di torneo che è stato poi utilizzato dalla quasi totalità delle altre leghe d'Europa e anche per altri sport di squadra.

Quello che però non tutti sanno è che il primo campionato di Serie A aveva un calendario molto più risicato, che in realtà si risolveva in una sola giornata: parliamo della prima edizione del 1898, la Serie A si chiamava ancora Campionato Nazionale di Football e vedeva darsi battaglia solo quattro squadre, tutte settentrionali, una di queste era il Genoa, la società calcistica italiana riconosciuta come la più antica tra quelle ancora in attività, fondata nel lontano 1893. La formula di quel breve torneo consisteva in due semifinali disputate al mattino e una finale nel pomeriggio, che vide proprio il Genoa laurearsi prima squadra campione d'Italia e scrivere la prima pagina di uno sport molto diverso da quello che conosciamo oggi.

Da quel momento cominciò la passione tricolore per il gioco del pallone. All'epoca il calcio era ancora uno sport operaio, non a caso la prima edizione sopracitata venne disputata da tre compagini torinese e una genovese, poi sarebbero arrivate le milanesi a chiudere la trasposizione calcistica del triangolo industriale Genova-Torino-Milano. Il primo campionato con un calendario più strutturato è quello a 18 squadre del 1929, dopo circa un lustro le squadre passarono a 16, poi 20 per un altro periodo di 5 anni con in mezzo l'unicum dell'edizione a 21 squadre del 1947.

Il ritorno a 18 squadre avvenne nel 1952, prima di un ventennio caratterizzato dalla partecipazione di 16 formazioni e giungendo a quello che potremmo definire il calcio moderno, da fine anni '80 con ancora 18 squadre a contendersi lo scudetto, fino al 2004 e alla reintroduzione del torneo a 20. Nel mezzo son state scritte vere e proprie pagine di storia di questo sport che hanno visto protagonisti non solo i grandi campioni scesi in campo, ma anche presidenti, tifosi, arbitri, dirigenti, procuratori ma anche grandi penne di giornalisti, scrittori o semplici appassionati che hanno vissuto la passione dei templi del pallone, perché citando Albert Camus “Non c’è un altro posto del mondo dove l’uomo è più felice che in uno stadio di calcio”.