Logo SNAI

 

Sport

Non puoi giocare più di 10 esiti per avenimento

Allenatore Crotone 2021/2022

Con SNAI.it resti sempre al passo con le novità relative alla panchina dei pitagorici: in questa sezione, scopri tutto sull’attuale tecnico del Crotone. In più, visitando la sezione dedicata alle ultime sul calciomercato degli squali, trovi anche notizie sempre fresche sugli avvenimenti più importanti delle sessioni invernale ed estiva del mercato.

Segui da vicino tutte le news relative ai club protagonisti della massima serie e cimentati nella previsione dell’esito delle gare più attese, studiando le quote scommessa per la Serie A di SNAI.it e realizzando le tue giocate con pochi, semplici click.

Negli ultimi 30 anni tanti allenatori hanno allenato il Crotone nelle categorie inferiori, per poi riuscire a giocare anche in serie A: Cuccureddu, Gasperini, Corini, Juric, Nicola, Zenga, Stroppa, Oddo, Cosmi. I calabresi sono sempre alla ricerca del miglior profilo per i loro piani ambiziosi.

I pitagorici vogliono cambiare musica, dopo un avvio campionato disastroso che li vede sul fondo della classifica in piena lotta salvezza. Per farlo cambiano allenatore, esonerato Modesto, dentro Pasquale Marino. Il tenico siciliano raccoglie un Crotone terzultimo con soli 7 punti dopo 10 giornate di campionato. L'ultima goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la sconfitta per 2 a 0 contro il Benevento. Il presidente del club calabrese ha liquidato l'ex tecnico con le seguenti parole "Riteniamo mister Modesto un allenatore serio ed estremamente preparato ma i risultati ci impongono una riflessione necessaria a dare una svolta immediata alla stagione. Siamo profondamente convinti che Marino ci darà l’esperienza e le competenze per invertire immediatamente la rotta". Esperienza e competenza sono le parole chiave che spiegano la scelta della società, caratteristiche che hanno trovato nella figura di Marino.

L'allenatore di Marsala arriva da una esperienza alla SPAL nella stagione 2020/2021, avventura che l'ha visto uscire esonerato a marzo 2021. Nonostante l'ultimo periodo di carriera non propriamente brillante, si tratta di un allenatore con un ottimo curriculum, vanta ben sei stagioni in Serie A tra il 2006 ed il 2012, periodo in cui ha guidato le corazzate di Catania, Udinese, Parma e Genoa. Non un nome qualunque insomma.

Francesco Antonio Modesto è il nuovo allenatore del Crotone per l’anno del ritorno in Serie B, stagione 2021/22. Ha firmato nel mese di giugno un contratto biennale con l’opzione di un ulteriore anno di prolungamento. Modesto è ancora un allenatore giovane (39 anni) e con un’esperienza breve alle spalle. Tuttavia sembrerebbe essere una sorta di predestinato al compito di riportare il Crotone in A visto che è nato proprio a Crotone e ha contribuito alla prima storica promozione in A degli squali.

Modesto è stato per la maggior parte della sua carriera nel mondo del calcio un centrocampista laterale sinistro, con buona corsa e discreta abilità nel mettere palla in mezzo. Tra l’altro è stato spesso impiegato anche come difensore. Comincia la sua carriera nel Cosenza, 1999. Poi un lungo pellegrinare per diverse squadre italiane: Palermo, Ascoli, Reggina, Genoa, Bologna, Parma, Pescara, Padova, Crotone e infine Rende. Le più importanti stagioni giocate sono state tutte in Calabria: la stagione 2006/07 con Mazzarri alla Reggina e la salvezza conquistata nonostante i 15 punti di penalizzazione; la stagione 2015/16 in cui ha conquistato la serie A con la squadra della sua città che ci riusciva per la prima volta nella storia. La serie D col Rende è stata l’occasione per cominciare ad allenare nel professionismo. Finora Modesto ha seduto sulle panchine di Rende, Cesena e Pro Vercelli, ma nessuna di queste esperienze è stata particolarmente significativa in termini di risultati.

Il primo marzo 2021, Serse Cosmi viene ingaggiato dalla società calabrese, quando la squadra si trova inuna situazione critica, in ultima posizione in classifica con appena 12 punti raccolti dopo 24 partite. Il contratto di Cosmi lo vede legato ai Pitagorici fino a fine stagione, in sostituzione dell’esonerato Giovanni Stroppa: il Tecnico Cosmi fa il suo ritorno in Serie A da allenatore dopo più di 8 anni di distanza dall'ultima esperienza, quando era alla guida del Siena. L’esordio di Cosmi con i rossoblù risale al successivo 3 marzo, una data da dimenticare in casa Crotone, perché, in quella giornata, a Bergamo, l’Atalanta infligge ai calabresi un pesantissimo 5-1. Cosmi vede vincere il suo Crotone il 7 marzo, quando conquista una preziosa vittoria casalinga battendo il Torino per 4 a 2 nella cornice dello stadio Ezio Scida.

Alla fine della breve esperienza dell’allenatore con la squadra calabrese sono arrivati 3 vittorie e due pareggi in 14 partite. Per quanto possa sembrare poco tutto ciò è servito a lasciare almeno l’ultimo posto in classifica e chiudere il campionato con dignità. L’andamento della squadra, che è sembrata destinata alla B fin dall’inizio del girone di ritorno, ha fatto più volte sospirare i tifosi per ciò che sarebbe potuto essere, e non è stato. Al netto di un rapporto che può dirsi esser stato abbastanza positivo, le strade di Cosmi e del Crotone si sono divise a fine stagione.

Quanta pressione c’è in un’occasione così unica? Deve saperlo Giovanni Stroppa, allenatore del Crotone per la seconda storica promozione in A della squadra. Non sempre si tratta di un passaggio scontato: spesso gli allenatori che dalla B vengono promossi in A vengono sostituiti da colleghi ritenuti più esperti. D’altronde stroppa non è di primissimo pelo, ha cominciato ad allenare nel 2006 le giovanili del Milan e varie esperienze tra B e C lo hanno portato al Crotone, quindi lo aspetta l’esordio in serie A. Conquistare due promozioni da allenatore non è cosa da poco (la prima col Foggia nel 16/17), ma certamente la Serie A è un’altra storia. Stroppa e il suo Crotone si faranno trovare pronti?

Dopo la prima retrocessione dalla A alla B il Crotone mise sotto contratto Giovanni Stroppa che avrebbe dovuto riportare presto gli squali in Serie A. Purtroppo i favori del pronostico non furono rispettati e Stroppa fu esonerato già a dicembre 2018. Al suo posto fu chiamato Massimo Oddo che però mise a referto solo due punti in 7 gare. Fu quindi richiamato Stroppa che portò la squadra alla salvezza. Altra musica invece nella stagione 2019/20 che ha visto il Crotone ottenere la seconda promozione in serie A. La squadra è arrivata seconda a 68 punti, l’attaccante Simy si è laureato capocannoniere con 20 gol e Stroppa è stato confermato anche per la stagione seguente in massima serie.